cultura

Con Tetra - ViMax si apre a Orvieto una nuova fase per le telecomunicazioni

mercoledì 18 gennaio 2006
di Davide Pompei
Negli anni ’90 Orvieto lanciò una sfida nel campo della valorizzazione della cultura e della conoscenza nel settore delle tecnologie della comunicazione, con la costituzione del corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni. Oggi sperimentazione e ricerca tecnologica conoscono una nuova fase: si apre una tappa importante per l’implementazione delle attività di servizio, l’avanzamento e l’accrescimento del ruolo della città nel distretto tecnologico umbro come polo dell’Information Communication Tecnology. Le azioni innovative e gli sviluppi delle telecomunicazioni hanno, infatti, ottenuto il finanziamento europeo relativo alla realizzazione e alla sperimentazione dei sistemi Tetra – WiMax, secondo il progetto elaborato in sinergia dall’Università di Perugia e dal CreSM “Guglielmo Marconi”. Un insieme di sistemi altamente innovativi, che verranno impiegati per la prima volta a Febbraio per garantire la sicurezza delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006. I servizi sperimentati ad Orvieto, e in seguito estendibili ai centri storici di altre zone dell’Umbria, sono quelli di supporto alla Polizia Municipale e di radiolocalizzazione dei mezzi di trasporto pubblico e dei gruppi turistici. “Questo progetto altamente innovativo per il nostro Paese, sperimenta qui ad Orvieto prima che nel resto della regione servizi di pubblico interesse, dal quale tutti ci attendiamo grandi risultati” sono state le parole del Prof. Roberto Sorrentino, Preside del Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e delle TLC presente stamani alla conferenza stampa di presentazione insieme al Prof. Giovanni Cancellieri, Docente di Comunicazioni Elettriche all’Università di Ancona e Presidente del CReSM che ha ricordato come il progetto sia frutto di due anni di rapporti, incontri e scambi fra il Centro Radioelettrico Sperimentale e il CSCO. Incontri che hanno raggiunto un forte connubio di intenti ed azioni concrete tali che la sede di Orvieto potrà essere considerata la terza in Italia del “Guglielmo Marconi”. L’avvento della sperimentazione coniuga l’incontro fra momento formativo e momento produttivo, con evidenti riflessi pratico-lavorativi. “E’ importante considerare l’effetto moltiplicatore di azioni come questa – ha detto il sindaco Stefano Mocio –, alle quali il Comune di Orvieto partecipa con un grande progetto frutto di decenni di sperimentazione, mettendo a disposizione spazi, servizi e conoscenze e interagendo alla costruzione di una rete di imprenditoria privata attenta all’innovazione. Il progetto Tetra porta con sé una non trascurabile infrastrutturazione del territorio, utile in molti campi applicativi come la mobilità alternativa. Tutto ciò mette la nostra città in relazione con realtà importanti e rappresenta adeguatamente il polo orvietano della conoscenza e dell’innovazione tecnologica, nel contesto regionale e nazionale”. Alla conferenza di stamattina era presente anche Stefano Cimicchi, Presidente del “Centro Studi Città di Orvieto”, che ha inquadrato questa nuova fase di sperimentazione nell’ottica del consolidamento del rapporto tra il momento produttivo e il polo scientifico-tecnologico di Orvieto per quanto riguarda le telecomunicazioni e le teletrasmissioni. “Prossimamente il Centro Studi – ha detto – promuoverà ulteriori riflessioni e iniziative riguardanti la formazione e la sperimentazione tecnico-scientifica da cui potranno emergere interessanti prospettive tecnologiche legate al settore ICT”.

In che consiste il progetto Tetra

Cos’è il CreSM

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"