cultura

"Con le mani non armate": mostra sulla nascita al Carmine

mercoledì 7 dicembre 2005
“Con le mani non armate” è il titolo della mostra legata ai diversi progetti che, in questi giorni, hanno avuto un ruolo fondamentale all’interno di Venti ascensionali: l’incontro-dibattito sulla nascita e lo spettacolo teatrale “Nati in casa”.
La mostra, fino al 20 dicembre alla Sala del Carmine, è ideata e curata da Angelica Vitiello, ricercatrice della Casa della Donna di Pisa, e mira a una ricostruzione critica delle vicende che hanno portato al nascere e all’evolversi della professione femminile dell’ostetrica.
Si parte dall’apertura delle prime scuole di Ostetricia, nella seconda metà del ‘700, fino alla metà del ‘900 quando, con la diffusione dell’ospedalizzazione del parto, il ruolo dell’ostetrica si modifica profondamente e viene quasi a mancare.
Il titolo della mostra è suggerito dalle memorie di Bigeschi, professore di Ostetricia presso l’Ospizio di Maternità dello Spedale degli Innocenti di Pisa. Fu lui il primo a sostenere e valorizzare il lavoro compiuto da queste donne ostetriche che, “con mani non armate”, portavano a buon esito anche i parti più difficili.
Una sottile critica alle odierne tecniche ospedaliere e una profonda riflessione sull’esperienza del parto come momento cruciale nella vita di una donna.

Commenta su Facebook