cultura

Dai tesori dell'OPSM: un'Annunciata del tutto particolare

sabato 22 ottobre 2005
di Laura Ricci
Paul Valéry affermava, tra i molti pensosi lampi che con seria provocazione ha lanciato, che si dovrebbe andare nell’immensa, pregevole sommatoria di un grande museo per vedere una sola opera: soffermarsi e cercare di carpirne il segreto. Era un parco, un essenziale, a suo modo un asceta: sapeva che per entrare nel profondo bisogna rinunciare alla quantità.
Penso a questa boutade, peraltro fatta da un esperto (era membro, nel suo Paese, del Consiglio dei Musei nazionali), ogni volta che, in un museo, un’opera – tra le molte e molto pregevoli che in ogni museo naturalmente sono – mi immette nella sua totale fascinazione; ossia: mi coinvolge, mi emoziona, mi rapisce, mi svela qualcosa di sé e di me, in qualche modo mi regala il suo segreto. Non accade poi così spesso, ma accade. E forse Paul Valéry aveva ragione, perché, in ogni museo, se accade, non avviene comunque più di una volta.

Non è per tutti lo stesso luogo, la stessa tela, la stessa statua; le epifanie hanno strati diversi e differenziati: è comunque qualcosa per cui ci diciamo “ ecco, solo per questo, anche solo per questo è valsa la pena essere qui ".



Per me, una delle rivelazioni più fonde, un’emozione-fascinazione fortissima è stato l’incontro con l’Annunciata e l’Angelo annunciante di Francesco Mochi. Se, più viaggiatrice che residente, avessi percorso anche mille chilometri e oltre per raggiungerli casualmente, solo questo sarebbe bastato a farmi ritenere appagata dal viaggio.

Lei è lì, una Vergine annunciata come non se ne sono mai viste, del tutto lontana dalla ieratica innocenza di ogni altra Annunziata scolpita o dipinta. Non un’ignara, stupita, ingenua, inconsapevole adolescente: più Visionaria che Vergine lei sa. Quel suo volto drammatico, quello sgomento, quello sguardo increspato, doloroso, conoscono già quello che sarà il dolore della Madre. La Madre che è già in quel suo corpo: formoso, maturo, possente, una maternità consumata più che da accogliere.



Maria è lì, sorpresa e impaurita, sembra quasi difendersi, resistere al turbinio dell’angelo: è come se sapesse quale fardello dovrà sostenere. Mater prescelta, ma anche mater dolorosa. E lui, l’Angelo annunciante, nel turbinio delle sue vesti, nell’inarrestabile posa, non demorde, indica: ... vuolsi così colà dove si puote… Resistere non è consentito: l’angelo vorticoso, imperioso, blocca la donna al suo destino, ne decreta senza scampo la maternità sofferta.

Tutto questo potremmo spiegarlo con la storia dell’arte, con il superamento del Manierismo, forse con la sacra, sensuale “perversione” del Barocco. Francesco Mochi gli appartiene (Montevarchi 1580 - Roma 1654), anzi ne è anticipatore; e l’Annunziata e il suo Angelo furono eseguiti tra il 1605 e il 1608, per incarico della famiglia Farnese, per essere posti – cosa che non fu – ai lati del Coro della Cattedrale: per questo sono così inscindibili, così dolorosamente complici.
Potremmo spiegarlo, ma in questo contesto non occorre. La fascinazione è come la grazia, non ha bisogno di enunciazioni troppo logiche: semplicemente "è", ed è poetica.

Le foto nell'articolo compaiono per gentile concessione dell'Opera del Duomo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni