cultura

Una Colonia errante di giovani credenti e non solo. Anche 50 giovani orvietani alla Giornata Mondiale della Gioventù

sabato 20 agosto 2005
di Davide Pompei

Buenos Aires, Santiago, Czestochowa, Denver, Manila, Parigi, Roma, Toronto. La struttura dell’appuntamento è sempre la stessa: messa di apertura, tre giorni di catechesi, vigilia pellegrinante, incontro con il Papa e solenne messa conclusiva.
Il risultato, invece, è sempre superiore alle previsioni (i numeri sono da capogiro): il chiasso oceanico dei cosiddetti papa-boys che sveglia le metropoli. L’esercito pacifico degli orfani di Wojtyla è approdato a Colonia, quarta città della Germania per estensione, che ha profonde radici cattoliche, invadendola dal 15 al 21 agosto per la XX edizione della Giornata Mondiale della Gioventù, trasformando il pellegrinaggio in una festa di incontro e di solidarietà, che ha come obiettivo la nuova evangelizzazione predicata da Giovanni Paolo II.
L’Umbria e i suoi giovani sono presenti in maniera consistente per un totale di circa un migliaio di persone. Lo dimostra il fatto che tutte le diocesi della regione hanno organizzato spedizioni per la città tedesca, consce dell’importanza e del profondo valore che porta con sé questo evento. Da Orvieto sono partiti una cinquantina di giovani insieme al vescovo Monsignor Giovanni Scanavino. Un viaggio di circa dieci giorni con diverse tappe intermedie ospiti di ostelli, palestre ed alberghi…seguendo la cometa di Colonia.

È la stessa suggestione collettiva mista alla fede che, leggenda (mediatica) vuole, ha fatto uscire milioni di giovani dalla discoteca o scappare di casa per precipitarsi all’appuntamento con la storia in Piazza San Pietro durante le ore di agonia di un Santo Padre che non c’è più? Aldilà dei toccanti “quadretti” sentimentali che tv e giornali hanno raccontato, è un fatto che nelle descrizioni delle immagini delle emittenti di tutto il mondo c’erano tanti giovani veri e reali. Dopotutto, le ultime parole dell’anziano Papa sul letto di morte suonano pressappoco così “Vi ringrazio perché siete venuti. Non perché tutti mi avete ubbidito o perché tutti camminate secondo i precetti di Cristo, ma perché siete venuti da me”.
In “Varcare la soglia della speranza” Wojtyla scriveva “Nessuno ha inventato le Giornate Mondiali della Gioventù”, eppure gli storici non hanno dubbi nell’attribuire proprio a lui quella che qualcuno ha definito “la più bella invenzione” del Pontefice, idea a partire dalla quale è stato rivoluzionato il rapporto tra i giovani e la Chiesa moderna, un rapporto che non è sempre stato così idilliaco, anche tra gli stessi papa-boys che, bandana e sacco a pelo alla mano, trasmigrano euforici e incontenibili nella città prescelta per l’incontro col Santo Padre.
Certo, sul palco di Colonia, sono in molti a cercare la presenza di Wojtyla, ma ora il testimone è passato a Benedetto XVI che, sulla scia del predecessore, cercherà sia di confermare le identità già consolidate, che di incentivare gli slanci positivi dei giovani da lui stesso definiti “la straordinaria eredità lasciatami da Giovanni Paolo II”, e che durante lo svolgimento di questa GMG 2005 sta dando gli attesi segnali nella direzione del dialogo interculturale, della pace e della convivenza tra le religioni, come valore forte contro ogni forma di terrorismo. Lo ha fatto, Benedetto XVI, primo papa tedesco, visitando la Sinagoga di Colonia, dove ha parlato di “allarmati segni di un risorgente antisemitismo” e lo ha fatto, subito dopo, incontrando la comunità mussulmana.

Inutile cercare di capire, ora, se proprio tutti i giovani di Wojtyla riconosceranno in Ratzinger un pastore-guida altrettanto trascinante. Ci vuole un certo tempo anche per questo: ci volle tempo anche per Giovanni Paolo II. Di sicuro, i giovani si comportano con la solita allegria e il solito calore, che è un carattere fondante del nuovo dialogo fra la Chiesa e i giovani nel nuovo millennio.
Lo spirito di Colonia e le aspettative di tanti giovani verso Papa Benedetto XVI li sintetizzano ampiamente Valentina e Maria Luce, 21enni di Orvieto, che venerdì 19 agosto alle 20:30 erano ancora in viaggio verso Colonia sotto la pioggia, le quali, negli SMS che inviano, tengono a dirci: “La cosa più bella della G.M.G. è stare tutti insieme, milioni di persone diverse provenienti da paesi diversi giunti in un posto solo per vedere una persona, che cantano tutti la stessa canzone in lingue diverse. È l’atmosfera che si respira, è l’amore fraterno che sembra unire tutti i popoli del mondo almeno per un giorno che rende bella questa esperienza, dal momento che è ancora forte il ricordo di Giovanni Paolo II e che il nuovo Papa ancora non lo si conosce bene”.

Poche righe e semplici parole per spiegare un’attesa che ha tanti significati, a livelli planetari e non solo. Un’attesa che non è esclusiva dei papa-boys, ma che può essere condivisa non solo dai credenti.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 novembre

Il disco dei Cherries alza il sipario sulla nuova stagione del Teatro Santa Cristina

Il Vetrya Corporate Campus si amplia. Nuove aree e servizi aperti alla comunità

"Stop discarica". Assemblea pubblica al Centro Anziani di Ciconia

Il Comitato Civico per il Diritto alla Salute-Art.32 chiede un'adeguata risposta sanitaria

La rosa, le spine

Motore in avaria, aereo rientra in aeroporto: paura per famiglia orvietana

Ramona Aricò ci crede ed incoraggia la Zambelli Orvieto

"Gli Etruschi parlano". Presentato a Paestum il progetto in realtà aumentata

Non applicazione della quota variabile della Tari alle pertinenze

"Le città del futuro", anche Vitorchiano a Montecitorio

A "Cuochi d'Italia", Valentina Santanicchio si aggiudica la vittoria sul Veneto

Danza e teatro, al Boni "Tempesta" e "La Giara. Un meraviglioso regalo"

A Villa Umbra, gli stati generali su scuola e sistema di istruzione e formazione professionale

Accattonaggio molesto, CasaPound avvia una raccolta di firme

Accesso ai bandi europei, si rafforza la collaborazione tra scuola ed Anci Umbria

"Legalità, mi piace". Oltre 300 studenti delle superiori partecipano all'evento di Confcommercio

False "Catene di Sant'Antonio" di WhatsApp. L'appello di Polizia Postale e Sportello dei Diritti

Il questore di Terni in visita al Comune di San Venanzo

Il Comune stanzia 116.000 euro per asfaltature e installa pannelli luminosi con limiti a 50 km/h

Lotta al tumore al pancreas, il Comune s'illumina di viola

Via ai lavori di pavimentazione sulla strada statale 205 "Amerina"

Civita di Bagnoregio e Gubbio, due casi di studio per Orvieto

Weekend intenso per l'Orvieto FC. Esordio in campionato per i Giovanissimi

Giornata dei Diritti dell'Infanzia, l'artista Salvatore Ravo realizza un murale per la Festa dell'Albero

Nuova ondata di furti, impegno congiunto tra istituzioni e carabinieri

Alessandro Carlini presenta "Partigiano in camicia nera. La storia vera di Uber Pulga"

Due giorni di appuntamenti per la sesta edizione per "Olio diVino"

La "Festa dell'Olio" di Montecchio compie 42 anni

A 12 anni dalla scomparsa, Orvieto ricorda Padre Chiti. Il programma delle celebrazioni

Dal Bianconi al Rivellino, piovono spettacoli nella Tuscia dei teatri

Le ragioni del No. Incontri a Orvieto, Acquapendente e Castel Giorgio

La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

Al Teatro dei Calanchi è di scena "Abdullino va alla guerra"

Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

Alessandro Benvenuti torna al Boni da protagonista con lo spettacolo "Chi è di scena"

Approvata la convenzione per istituire l'Ufficio speciale ricostruzione post sisma 2016

La Scuola dell'Infanzia di Pantalla dedica un'aula alla "maestra Barbara"

Le eccellenze dell'Umbria in vetrina alla Borsa internazionale del turismo enogastronomico

Iniziati i lavori alla scuola di Giove, 205 studenti trasferiti a Guardea e Penna in Teverina

Psr 2014-2020, operativi i cinque Gal dell'Umbria, a disposizione 32 milioni di euro per sviluppo locale

XXXIV Trofeo delle Regioni, convocati otto nuotatori della Uisp Orvieto Medio Tevere

Geotermia, chiesto un incontro al Mise. Nevi: "L'Umbria non ha bisogno di rinvii"

Geotermia, il centrosinistra si spacca. Fiorini: "Giunta e seguaci hanno già deciso"

Scuola, approvato il Piano provinciale offerta formativa e programmazione 2017-2018

Undicesima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

A Ficulle torna "Olio diVino". Due giorni di degustazioni, musica e convegni

Gestione dei rifiuti, Rotella (Porano Bene Comune) interroga l'amministrazione

Geotermia al Bagnolo. Ambientalisti cauti: "C'è poco da esultare"

Cambio al vertice della Cro. Comitato risparmiatori: "Disponibili al confronto"