cultura

Ricordi d’aprile. Il Giappone vicino: a Maebashi un ristorante di nome Orvieto

giovedì 18 agosto 2005
di Franco Picchialepri
E’ da qualche tempo che il Giappone sembra essere diventato più vicino, contribuendo a diffondere ed incrementare il prestigio culturale del nostro territorio.
L’influenza orientale nell’orvietano risale alla fine dell’800, quando ad Allerona Villa Cahen si circonda di un giardino giapponese, in cui la scelta accurata della vegetazione e la realizzazione del piccolo lago sono direttamente riconducibili alla tradizione giapponese, filtrata in Europa nel XIX secolo attraverso l’Inghilterra.
In tempi più recenti, il legame tra il nostro territorio e il Giappone è stato reso possibile grazie ad un gemellaggio che dal 1997 unisce il Comune di Orvieto alla città di Maebashi, a pochi chilometri da Tokyo. Il patto siglato dalle due Amministrazioni è stato voluto anche dalla piccola comunità giapponese ad Orvieto, consapevole della grande curiosità dei propri concittadini per l’arte, la cultura e il cibo italiano. Non a caso i gemellaggi hanno nelle loro finalità, oltre ad azioni politiche ed istituzionali, anche la promozione culturale, turistica, commerciale e sportiva, atte ad avvicinare le due realtà e a garantirne la crescita di entrambe.
Il linguaggio comune che unisce Orvieto a Maebashi è dunque quello dell’incontro e dello scambio a vari livelli, tanto da trovare nell’artigianato e in altre attività della piccola e media impresa i settori più attenti a questa proposta.
Accompagnata dal Consigliere comunale di maggioranza Franco Picchialepri, la delegazione italiana si è pertanto recata a Maebashi dal 22 al 26 aprile 2005 per promuovere l’immagine di Orvieto, continuando e ampliando quanto in precedenza era stato avviato dall’Amministrazione Comunale. A Maebashi, inoltre, gli atleti Gabriele Frescucci e Marco Settimi dell’Associazione sportiva Libertas Orvieto, hanno partecipato alla maratona in programma.
Durante il soggiorno si è anche ribadita e consolidata l’offerta di alcuni prodotti orvietani, già ampiamente apprezzati, tanto da indurre alcuni giapponesi a chiamare con il nome Orvieto un loro ristorante, in cui si servono abitualmente vino, olio ed altri prodotti tipici orvietani di qualità. Nel locale è stata anche allestita un’esposizione permanente di artigianato orvietano: sculture in legno, ceramiche e merletti sono così la dimostrazione concreta di come prodotti di pregio possano trovare unanime consenso.
Sarà ad agosto che il Sindaco di Maebashi ed una delegazione giapponese saranno ospiti del Comune di Orvieto per proseguire ed ampliare un confronto culturale di indubbio interesse e valore.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 novembre

A piedi sul "Sentiero dei Vigneti", camminando nella storia con l'Asds Majorana

La Fondazione e la sua partecipazione in Cassa di Risparmio di Orvieto Spa

"Cultura per il No Profit". Un bando per la gestione di tredici gioielli demaniali

Pressing della minoranza, "Sia Orvieto la sede della stazione MedioEtruria"

Nebbia di me

Zambelli Orvieto con grande concentrazione al derby di San Giustino

Ode per la ragazza del Discount

Dentro questo mio accanito desiderio

Caterina Costantini e Lucia Ricalzone al Boni con "Il Club delle Vedove"

Finisce nel fiume Paglia, in buone condizioni l'operaio salvato dai vigili del fuoco

"La rivoluzione giovanile del '68" apre l'anno del Centro di Studio "Bonaventura da Bagnoregio"

Azzurra, Ipc Srl è match sponsor del prossimo turno di campionato

Nuove prospettive turistiche dalla valorizzazione della Via Romea Germanica

Piano di tutela delle acque, la giunta regionale preadotta l'aggiornamento

"Van Gogh Shadow", la cultura multimediale in mostra a Palazzo dei Priori

Sisma, riunione fra Regione, Protezione Civile e Anas per ripristino viabilità

Il Comune incontra i cittadini. Il quarto appuntamento è a Torre San Severo

Glicine dunque

Il Comitato Risparmiatori risponde alla Fondazione Cro

Si presenta il "Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile"

Insieme per dire basta alla violenza sulle donne. Iniziative a Orvieto, in Umbria e a Roma

"La Via della Misericordia nel Lazio. Immagini e riflessioni nell'anno del Giubileo e dei Cammini"

Ferraldeschi (Storia e futuro): "Un'amministrazione comunale che non c'è"

All'Unitre si presenta il libro "Sopportare pazientemente le persone moleste"

Unioni civili. Scontro al calor bianco tra M5S e Sel in consiglio

Sosta gratuita per quattro ore dal 14 dicembre. "Identità e Territorio" contraria

La Regione in campo con 12milioni di euro per il bacino del Paglia, ora la speranza è che partano i lavori

Elezioni Regionali: il Pd ha deciso di concedere il bis a Catiuscia Marini

Caso licenza ex Coop, il Comune batte i pugni: "Non siamo intenzionati a concedere proroghe"

Prima seduta del Cda del Centro Studi: Carlo Mari eletto presidente

Percorso di formazione “Fede Bene Comune - Nuova Civitas”, un momento di approfondimento e riflessione

Dalla chiusura del Giubileo un progetto di speranza e sostegno per l’Oratorio parrocchiale grazie al Rotary di Orvieto

Battipaglia – Azzurra Orvieto: 79 – 59. Rimbalzi difensivi, palle perse e altro fanno la differenza

"La Chiesa dei poveri. Dal Concilio a papa Francesco". Si presenta a Orvieto il libro di monsignor Bettazzi

Completati i lavori di adeguamento del depuratore. Venerdì l'inaugurazione

La tv tedesca racconta in un documentario come Orvieto si salvò dai bombardamenti

Omphalos: "In una città che sostiene tutte le famiglie si vive meglio"

La Compagnia del Limoncello porta in scena "Cercasi Scalandrino"

La figlia di Aldo Moro al convegno della Polstrada: "Lo Stato siamo tutti noi"

Enel effettua taglio piante e deramificazione nei pressi delle linee elettriche