cultura

Ricordi d’aprile. Il Giappone vicino: a Maebashi un ristorante di nome Orvieto

giovedì 18 agosto 2005
di Franco Picchialepri
E’ da qualche tempo che il Giappone sembra essere diventato piů vicino, contribuendo a diffondere ed incrementare il prestigio culturale del nostro territorio.
L’influenza orientale nell’orvietano risale alla fine dell’800, quando ad Allerona Villa Cahen si circonda di un giardino giapponese, in cui la scelta accurata della vegetazione e la realizzazione del piccolo lago sono direttamente riconducibili alla tradizione giapponese, filtrata in Europa nel XIX secolo attraverso l’Inghilterra.
In tempi piů recenti, il legame tra il nostro territorio e il Giappone č stato reso possibile grazie ad un gemellaggio che dal 1997 unisce il Comune di Orvieto alla cittŕ di Maebashi, a pochi chilometri da Tokyo. Il patto siglato dalle due Amministrazioni č stato voluto anche dalla piccola comunitŕ giapponese ad Orvieto, consapevole della grande curiositŕ dei propri concittadini per l’arte, la cultura e il cibo italiano. Non a caso i gemellaggi hanno nelle loro finalitŕ, oltre ad azioni politiche ed istituzionali, anche la promozione culturale, turistica, commerciale e sportiva, atte ad avvicinare le due realtŕ e a garantirne la crescita di entrambe.
Il linguaggio comune che unisce Orvieto a Maebashi č dunque quello dell’incontro e dello scambio a vari livelli, tanto da trovare nell’artigianato e in altre attivitŕ della piccola e media impresa i settori piů attenti a questa proposta.
Accompagnata dal Consigliere comunale di maggioranza Franco Picchialepri, la delegazione italiana si č pertanto recata a Maebashi dal 22 al 26 aprile 2005 per promuovere l’immagine di Orvieto, continuando e ampliando quanto in precedenza era stato avviato dall’Amministrazione Comunale. A Maebashi, inoltre, gli atleti Gabriele Frescucci e Marco Settimi dell’Associazione sportiva Libertas Orvieto, hanno partecipato alla maratona in programma.
Durante il soggiorno si č anche ribadita e consolidata l’offerta di alcuni prodotti orvietani, giŕ ampiamente apprezzati, tanto da indurre alcuni giapponesi a chiamare con il nome Orvieto un loro ristorante, in cui si servono abitualmente vino, olio ed altri prodotti tipici orvietani di qualitŕ. Nel locale č stata anche allestita un’esposizione permanente di artigianato orvietano: sculture in legno, ceramiche e merletti sono cosě la dimostrazione concreta di come prodotti di pregio possano trovare unanime consenso.
Sarŕ ad agosto che il Sindaco di Maebashi ed una delegazione giapponese saranno ospiti del Comune di Orvieto per proseguire ed ampliare un confronto culturale di indubbio interesse e valore.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire