cultura

Per Vino Dotto di scena il Sagrantino

giovedì 26 maggio 2005
Venerdì 27 maggio alle 18.00, al Palazzo del Gusto/Enoteca Regionale dell’Umbria di Orvieto, si svolgerà il secondo appuntamento di “Vino Dotto”, iniziativa dedicata alla degustazione di vini umbri organizzata dalla Fisar di Orvieto e dalla Società Itinera. Di scena l’azienda “Madonna Alta” di Montefalco, una bella realtà imprenditoriale che trae il suo nome da una chiesa del XV secolo posta appena fuori le mura dello splendido borgo medievale. L’azienda “Madonna Alta” produce 50mila bottiglie di vino nelle tipologie Montefalco Sagrantino DOCG secco e passito, Montefalco Rosso DOC, Colli Martani Grechetto DOC, Falconero Rosso Umbria IGT e Falconero Bianco Umbria IGT. L’azienda produce inoltre olio extravergine di oliva da agricoltura biologica.
Per l’appuntamento di venerdì tre i vini in degustazione, come sempre ottimamente gestiti dai sommelier della FISAR:

Grechetto Colli Martani 2004: Grechetto in purezza, 100 quintali per ettaro, vinificazione del mosto a temperatura controllata, affinato in vasche d’acciaio per preservare meglio aromi e sapori propri del vitigno. Un bel vino profumato, giustamente dotato di una buona spalla acida mai amaro;

Sagrantino di Montefalco DOCG 2002: Sagrantino in purezza, 80 quintali per ettaro, 4000 ceppi per ettaro, vinificazione 15/20 giorni sulle bucce, 18 mesi in barrique e rovere di Slavonia. Il colore è russo rubino con riflessi violacei, di grande concentrazione. Al naso è intenso e ampio, con sentori di viola mammola, amarena, prugna matura poste vicine a chiare e delicate note di tabacco scuro, grafite e cioccolato fondente. In bocca è corposo, di grande volume e di bell’equilibrio gustativo con una acidità importante e una componente tannica molto elegante.

Rosso di Montefalco 2003: blend di Sangiovese, Sagrantino e Merlot, fermentazione con bucce per 15/20 giorni e poi un anno di barrique e rovere di Slavonia. Una ciliegia mentosamente speziata, un bell’equilibrio tra componenti amare e morbide.

Commenta su Facebook