cultura

Laude in Urbis, spettacolo itinerante per la festività del Corpus Domini

mercoledì 25 maggio 2005
"Laude in Urbis", spettacolo teatrale itinerante realizzato dalla "Compagnia internazionale de’ Colombari”, sarà portato nelle vie di Orvieto in occasione delle celebrazioni del Corpus Domini: comincerà alle ore 21 di giovedì 26 e venerdì 27 a Largo Barzini e da lì proseguirà verso il Duomo e Piazza Febei per poi ritornare a Piazza della Repubblica e, attraverso via Magalotti e via Malabranca, terminare in Piazza S.Giovenale.
Questo evento culturale, che ripropone la Sacra Rappresentazione, è promosso dal Gordon College nell’ambito delle iniziative per la solennità del Corpus Domini, tra cui il convegno "Eucaristia ed Escatologia" e la mostra di pittura “Il Corpo spezzato” di Bruce Herman, ed è patrocinata dal Comune, dalla Provincia di Terni, dalla Regione Umbria e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto.
La Compagnia de’ Colombari, che realizzerà lo spettacolo, nasce da una collaborazione italo-americana e da una sinergia di lingue, culture e tradizioni differenti, con l’obiettivo di sviluppare un percorso artistico interculturale ed ecumenico, svincolato da logiche meramente commerciali. In questa occasione la Compagnia si avvale della collaborazione del Laboratorio Teatro Orvieto.

Lo spettacolo Laude in Urbis si situa nella tradizione dei Mistery Plays o Sacre Rappresentazioni medievali, in questo caso legate all'evento del Miracolo di Bolsena nel 1263, spinse Papa Urbano IV, dalla residenza pontificia di Orvieto, a proclamare al mondo, con la Bolla Transiturus, la solennità della festa del Corpus Domini nell’anno 1264. A partire da Orvieto, nel resto d’Europa ed in particolar modo in Inghilterra, si sviluppò una tradizione teatrale forte, per cui durante la festa del Corpus Domini venivano messi in scena, sui sagrati delle chiese e nelle pubbliche piazze, spettacoli in volgare sul mistero del Verbo fatto Carne. Questa tradizione teatrale non si è sviluppata ad Orvieto fino ai nostri giorni. L’importanza del Corpus Domini, da un punto di vista storico e religioso, riporta ad Orvieto, città narrante, la tradizione dei Mistery Plays, peregrina per secoli in Europa, rendendola così viva e fruibile oggi, all’inizio del terzo millennio.
Lo spettacolo Laude in Urbis sarà recitato in Italiano poetico corrente, ad eccezione di alcuni episodi che verranno interpretati in Inglese volgare, risonante di sillabe e di cadenze medievali. I testi sono presi da brani delle sacre rappresentazioni medioevali, dai cicli di York, Chester e Coventry, da Dante Alighieri fino a Karol WoJtyla. Le musiche ed il canto saranno una vibrante fusione di Spirituals, Blues, Jazz, musica classica, lirica e popolare, rigorosamente dal vivo, con una piccola orchestra di musicisti-attori che sa trasformarsi in una street band.

Commenta su Facebook