cultura

A Perugia un originale spettacolo ricorda al Morlacchi la straordinaria figura di Piero Gobetti

lunedì 25 aprile 2005
Uno spettacolo particolare al Teatro Morlacchi di Perugia – e gratuito – per ricordare il 60° anniversario della Liberazione. Lunedì 25 aprile naturalmente, alle 21.
Lo spettacolo è nell’ambito di Idee di Libertà, progetto 2005-2008, a cura della Provincia e del Comune di Perugia, e vede insieme il Conservatorio di Musica di Perugia e il Teatro di Sacco. Si tratta di una lettura in concertato, a cura di Enzo Cordasco e Roberto Biselli, sulla vicenda umana e politica di Piero Gobetti : voce recitante, trio da camera, proiezione video di immagini e luoghi gobettiani per dar vita a “La Frusta e La Rivoluzione”, un excursus nel pensiero, nelle teorie , nei sentimenti di questa straordinaria figura della nostra storia.
La voce è quella di Roberto Biselli; quanto al trio da camera, avremo Simone Frondini all’ oboe, Luca Franceschelli al fagotto, Leonardo Ciucci al pianoforte. Il video è di Stefano Bisulli, l’allestimento del Teatro di Sacco.

Piero Gobetti nacque a Torino il 19 giugno del 1901. Dopo le scuole elementari frequenta il liceo-ginnasio "Gioberti" e lì conosce Ada Prospero, figlia di un commerciante come lui, che diventerà sua moglie. Studente universitario di acuta intelligenza, pubblica a diciassette anni la sua prima rivista, "Energie Nove", nel novembre del 1918, ricca di riferimenti a Prezzolini, Gentile, Croce e con la quale diffuse le idee liberali di Einaudi. Si appassiona ai bolscevichi, studia il russo e scrive in cirillico alla fidanzata. Definisce subito il fascismo "movimento plebeo e liberticida", l'antifascismo "nobilità dello spirito", l'Italia un Paese senza un vero Risorgimento, una Riforma protestante, una Rivoluzione liberale. Interpreta la rivoluzione di Lenin e Trotzky come rivoluzione liberale perché è azione, movimento, e tutto quello che si muove va verso il liberalismo. Apprezza i bolscevichi in quanto élite, detesta lo statalismo e il protezionismo della vecchia Italia giolittiana. Esponente della sinistra liberale progressista, collegata con l'intellettuale meridionalista Gaetano Salvemini, estimatore di Antonio Gramsci e del giornale socialista e poi comunista Ordine Nuovo, Gobetti si avvicina al proletariato torinese, divenendo attivo antifascista. Nel maggio del 1919 viene bollato da Togliatti sulle pagine di "Ordine Nuovo" come "parassita della cultura". Ma nell'autunno del 1920 il sostegno di Gobetti all'occupazione delle fabbriche e i suoi frequenti incontri con gli operai e comunisti torinesi migliorano molto i rapporti, tanto che Gramsci gli affida la rubrica di teatro della rivista. La classe operaia, in particolare quella torinese dei consigli di fabbrica, che frequenta insieme ai socialisti di Ordine Nuovo, diventa per lui la leva che innoverà il mondo: non verso il socialismo, ma verso "elementi di concorrenza". Togliatti non lo ama, Gramsci lo apprezza, i liberali Salvemini e Croce sono incuriositi dall'intelligenza del ragazzo. A vent'anni, il 12 febbraio del 1922, fa uscire il primo numero della rivista "La Rivoluzione Liberale" che via via diventa centro di impegno antifascista di segno liberale, collegato ad altri nuclei liberali di Milano, Firenze, Roma, Napoli, Palermo. Vi collaborano intellettuali di diversa estrazione, tra cui Amendola, Salvatorelli, Fortunato, Gramsci, Antonicelli e Sturzo. Più volte arrestato nel '23-24 dalla polizia fascista, la sua rivista è ripetutamente sequestrata. Lo stesso Mussolini si interessa di lui e telegrafa al prefetto di Torino: "Prego informarsi e vigilare per rendere nuovamente difficile vita questo insulso oppositore". Nel '24 fonda la rivista letteraria "Il Baretti", alla quale collaborano Benedetto Croce, Eugenio Montale, Natalino Sapegno, Umberto Saba ed Emilio Cecchi. Il 5 settembre del '24, mentre sta uscendo di casa, è aggredito sulle scale da quattro squadristi che lo colpiscono al torace e al volto, rompendogli gli occhiali e procurandogli gravi ferite invalidanti.
Costretto a espatriare in Francia, mai più riavutosi dalle ferite, muore esule a Parigi nella notte tra il 15 e il 16 febbraio 1926. Non aveva nemmeno venticinque anni, che avrebbe compiuto il 19 giugno di quell'anno. È sepolto nel cimitero di Père Lachaise. Saggista e autore di numerosi scritti culturali e politici pubblicati in Italia e all'estero, simbolo del liberalismo progressista sensibile al riscatto delle classi lavoratrici, la sua opera fu raccolta e pubblicata postuma: Opere critiche (1926); Paradosso dello spirito russo (1926); Risorgimento senza eroi (1926).

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 maggio

Carlo Tonelli candidato Sindaco a Orvieto. Programma e liste di supporto: "Comunisti Italiani" e "Uniti per Cambiare"

Il PD presenta a Orvieto le candidature alla Provincia: per un ente strategico, candidati di provata esperienza

SU LA TESTA! Venerdì 22 maggio ore 18,30 Assemblea pubblica con M.Cecilia Stopponi, Damiano Stufara, Fabio Amato

Ancora minacce ai candidati Sindaco di Fabro. Lettera aperta dei tre candidati ai cittadini

CGIL Orvieto, Venerdì confronto con i candidati del centrosinistra. Sabato presentazione dei racconti di memoria delle donne dello Spi-Cgil

Elezioni Provinciali. Giampaolo Antoniella per Sinistra e Libertà: onestà, volontà, capacità

Liliana Grasso, candidata per il Consiglio Provinciale, Collegio Orvieto 3

Massimo D'ALEMA a Orvieto giovedì 21 maggio alle ore 21. Sarà intervistato da Massimo Giannini, vicedirettore di Repubblica

Il Lions Club Orvieto consegna le Borse di studio del distretto per l'a.a. 2008-2009

Uisp Scherma Orvieto, Bernardo Ricci è Campione Italiano

Ordinanza relativa alla circolazione stradale nel centro storico per sabato 23 maggio in occasione del Premio Internazionale per i Diritti Umani

Treni: ancora disagi pesanti. Se la situazione non fosse disperata ci sarebbe da ridere!

Venerdì e sabato "Rugantino" al Teatro Mancinelli. Allestimento a cura delle Scuole Secondarie di Orvieto

Inaugurazione del nuovo antistadio in erba sintetica al "Luigi Muzi" di Ciconia

Riflessioni in margine alla nuova lottizzazione Fanello

"Segna la tua meta". Domenica ad Orvieto il grande rugby, solidarietà e festa per l'Abruzzo

Debiti fuori bilancio per la conclusione della causa con l'ex Artesia. Conticelli chiede la convocazione urgente dei capigruppo e scrive alla Prefettura

Comunità Montana: Sinistra Critica stigmatizza l'intollerabile paralisi che dura da mesi

Presentata ad Allerona la lista di Rocchigiani

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni