cultura

La Valle dei Calanchi e il suo centro di documentazione

lunedì 18 aprile 2005
Gli ecosistemi sono equilibri dinamici che si evolvono senza avere tempi prestabiliti se non quelli necessari: capire e vivere dall'interno i loro meccanismi significa capire noi stessi ed è forse un buon antidoto contro il logorio e l'alienazione della vita moderna. Molti luoghi della nostra penisola ci offrono ancora opportunità di questo tipo.
La Valle dei Calanchi, e l’antico borgo di Civita di Bagnoregio in provincia di Viterbo, appartengono a questi luoghi. Spettacolo unico al mondo, la Valle dei Calanchi rappresenta allo stesso tempo un’emergenza ambientale e un ambiente magico, capace di suggestionare i visitatori durante tutte le stagioni.
Nonostante il suo territorio in sia caratterizzato da un buon tasso di antropizzazione e dalle relative conseguenze dovute alle attività correlate all’uomo, il paesaggio circostante, la sua vegetazione e la sua fauna gli conferiscono una notevole importanza, a tal punto da renderlo particolarmente meritevole di protezione.

E’ stato recentemente riorganizzato a questo scopo a Bagnoregio il Centro di Documentazione della Valle dei Calanchi, posto in Via Fidanza 55, presso lo stesso stabile del Museo Taruffi.
Il centro ricostruisce attraverso pannelli e materiali le origini, l’evoluzione e le caratteristiche dell’area. Gestito dall’associazione Natura in Libertà può essere meta di una semplice visita di documentazione, o punto ideale di partenza per una visita guidata tra le emergenze e i segreti storico- naturalistici del luogo.

E’ aperto il sabato dalle 15,30 alle 19,00 e la domenica dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00.
Nei restanti giorni può essere visitato su prenotazione e, su prenotazione, possono essere organizzate anche escursioni naturalistiche, rivolgendosi a Natura in Libertà tel. 320 7573640

Di seguito un’illustrazione delle maggiori caratteristiche dell’area.

CARATTERISTICHE GEO-MORFOLOGICHE

La Valle dei Calanchi di Bagnoregio, posta tra il lago di Bolsena ad ovest e la valle del Tevere ad est, può dirsi costituita da due valli principali, corrispondenti al fosso Rio Torbido ed al Fosso del Rio Chiaro. Sulla cima di un colle di Tufo, a 423 m s.l.m., originatosi in corrispondenza dello spartiacque tra i due bacini idrografici, è situato l’antico borgo di Civita, collegato al centro di Bagnoregio da una stretta sella morfologica ora di sola argilla.
In origine questi luoghi dovevano essere più dolci e accessibili. Qui passava un’antica strada, forse preistorica che collegava la valle del Tevere al lago di Bolsena, mentre il promontorio di Civita era collegato da creste continue alle circostanti emergenze territoriali.
L’evoluzione morfologica di quest’area, provocata dall’erosione e dalle frane, è da attribuirsi alla peculiare natura geologica del territorio, che risulta costituito da due formazioni cronologicamente distinte. La formazione più antica argillo-sabbiosa di origine marina, riferibile al Pleistocene inferiore (da 1700000 a 6850000 anni fa); costituisce lo strato di base della rupe di Civita particolarmente soggetta all’erosione; nei livelli sommatali compare inoltre qualche ciottolo arrotondato che testimonia la chiusura del ciclo marino. Gli strati superiori sono formati da materiale tufaceo ma anche lavico, originato dai fenomeni vulcanici dei vicini Monti Vulsini risalenti da 880000 a 400000 anni fa. La coltre vulcanica, costituente uno sperone tufaceo su cui sorge il borgo di Civita, risulta composta da due formazioni sovrapposte: nella parte inferiore si ha una successione di tufi incoerenti stratificati aventi spessore di circa 40 metri, in quella superiore si ha una composizione di tufo litoide a scorie nere dall’aspetto compatto, di colore rosso-giallastro, dello spessore di circa 20 metri. Tale strato ricopre la sottostante formazione per l’intero perimetro dell’abitato di Civita.
La veloce erosione a cui è sottoposto lo sperone tufaceo è dovuta in particolare all’approfondimento dei fondovalle ad opera dei torrenti settentrionale e meridionale, che ha provocato elevate pendenze morfologiche e, di conseguenza, l’instabilità dei fianchi argillosi delle valli, in cui si manifestano frane di scivolamento e colate di fango in occasione di copiose precipitazioni. L’azione erosiva degli agenti atmosferici è inoltre facilitata dai disboscamenti operati nel corso dei secoli al fine di estendere la superficie delle terre coltivabili.
L’azione dei venti e delle piogge, data l’impossibilità di attecchimento della vegetazione, porta al fenomeno naturale dei calanchi, piccoli bacini delimitati da sottili creste e pinnacoli. Le acque pluviali, infatti, defluendo sui pendii,dilavano le formazioni argillose asportando minutissimi frammenti e, scorrendo in superficie, scavano ed erodono rapidamente: ciò provoca inoltre lo scalzamento della base della rupe tufacea di copertura che crolla così nei fondovalle.

LA VEGETAZIONE

La superficie del territorio di Civita di Bagnoregio non è molto estesa ma abbastanza eterogenea. La discontinua natura morfologica del luogo comporta, infatti, una varietà anche della flora. La vegetazione dei calanchi, costituita da circa 500 specie, a causa della natura argillosa di questi è disposta in piccoli e radi gruppi. Qui il ciclo vegetativo si svolge in un periodo di tempo molto breve, alla fine di giugno la maggior parte delle piante è gia estinta e l’ambiente assume un aspetto desolato. Spesso i semi non hanno neppure il tempo di germogliare a causa del dilavamento e dell’estrema instabilità del terreno. Di particolare interesse è la presenza nella valle di numerose specie di orchidee spontanee.

Arbustiva e arborea

All’interno della valle, la vegetazione si differenzia lungo i corsi d’acqua dei due fossi principali e degli altri piccoli canali, anche se, la scarsa portata di questi ne limita lo sviluppo. Tale vegetazione è costituita da piante arboree (pioppi, salici, olmi), da arbusti (corniolo) e da erbe palustri (soprattutto cannuccia di palude) e, nonostante le scarse superfici coperte, costituisce un aspetto molto importante in quanto contribuisce al consolidamento delle valli torrentizie sottoposte ad intensa erosione.Sempre lungo le sponde dei principali torrenti Rio Chiaro e Rio Torbido si trovano caratteristiche formazioni boschive, in genere costituite da specie caducifoglie: querceto misto a Cerro e Rovere, e talvolta Castagneti, che hanno un’importante funzione di consolidamento e protezione delle frane. Questi boschi sono comunque poco numerosi, di piccola estensione e discontinui.

LA FAUNA

La fauna di questa zona è quella tipica delle aree collinari dell’Alto Lazio, mentre i piccoli corsi d’acqua ed i lembi di bosco ad alto fusto contribuiscono a diversificare l’ambiente e a creare ulteriori habitat a disposizione della fauna selvatica. Negli ambienti boschivi (in genere si hanno boschi cedui) tra le principali specie di Mammiferi risultano il Riccio, l’Istrice, la Volpe, la Donnola, il Tasso e la Faina.
In questi ultimi decenni è diventata costante la presenza del Cinghiale. Tipici frequentatori dei seminativi, pascoli ed incolti sono inoltre la Talpa e la Lepre.
Per quanto riguarda gli Uccelli, tra i non-Passeriformi troviamo la Poiana e l’Allocco; sono inoltre presenti la Tortora e l’Upupa, entrambi estivi. Frequenti soprattutto nel castagneto ad alto-fusto sono il Torcicollo e il Picchio verde. Numerosi sono i Passeriformi che popolano le macchie boschive, soprattutto durante la stagione primaverile, fra questi: lo Scricciolo, il Pettirosso, il Merlo, la Capinera, la Cinciallegra, il Picchio muratore, il Rampichino, la Ghiandaia e il Fringuello. Nei mesi estivi sono presenti anche l’Usignolo e il Pigliamosche. Presso i seminativi, pascoli ed incolti, troviamo il Gheppio, la Civetta ed il Barbagianni.
Per quanto riguarda gli Anfibi, si rinvengono il Tritone crestato, la Salamandra pezzata, il Rospo comune e la Rana verde.
Per quanto riguarda la Fauna ittica si segnala l’Anguilla e il Barbo; fra i Crostacei, va infine citato il Gambero di fiume.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

"Frantoi Aperti" compie vent'anni. Eventi a macchia d'olio nei borghi dell'Umbria

"Autunno. Archeologia, Arte, Architettura", quattro incontri alla Rocca dei Papi

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello e cede il passo a Caserta

Liste d'attesa...di morire

Orvieto FC, secondo anno di iscrizione a tutti i campionati della Figc

Gloria in Excelsis Deo

A Sferracavallo Dom Quix realizza un'opera murale dedicata ad Aldo Netti

"Festa dell'Aria". Parrano BioDiversa riflette su qualità dell'aria e cambiamenti climatici

Erasmus+, tra gli studenti che partecipano anche quelli dell'Agrario di Fabro

"Il Governo eroghi risorse necessarie alla gestione dei servizi da parte della Provincia"

Pampepato, via al percorso per il riconoscimento della certificazione Igp

"World Francigena Ultramarathon", domenica l'arrivo dei partecipanti

Volatili

Nuova sede di Cittaslow International, incontro con il presidente Stefano Pisani

La Fondazione "Peres center for peace" premia la presidente della Regione Catiuscia Marini

Zambelli Orvieto scontenta ma pronta a lavorare per migliorare

Sì della giunta al Piano per il passaggio a tariffa puntuale sui rifiuti

Amerina, convenzione tra Comune e Provincia per concessione di aree di pertinenza stradale

Sì al progetto per opere di urbanizzazione in vocabolo Fosso Fanello

Giornate della Castagna, nel secondo weekend arriva il Palio degli Asini

Rinnovato il Consiglio Provinciale dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Perugia

"Ospedale da campo. Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto"

Il punto di Guido Barlozzetti: "Una brutta notizia"

Riscaldamento in Via Scalza, Olimpieri (IeT): "In assenza di interventi Ater, provveda il Comune"

"La Libreria dei Sette di Orvieto compie 95 anni...e adesso rischia la chiusura. Parliamone!"

Autunno ricco di proposte alla Biblioteca Comunale

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia