cultura

La storia del Corteo Storico

sabato 21 giugno 2003
La festa del Corpus Domini fu istituita ad Orvieto nel lontano 1264 da Papa Urbano IV e, con la "Bolla Transiturus", estesa a tutto il mondo cattolico. I festeggiamenti hanno inizio la mattina in Duomo con lesposizione e ladorazione della santissima reliquia del Corpus Domini.

Si celebra, poi, una messa solenne alla quale segue la processione del Santissimo Corporale, con la partecipazione del Corteo Storico della citt di Orvieto, che si snoda lungo le caratteristiche vie cittadine. La processione del Corpus Domini alla quale strettamente correlato il Corteo Storico venne istituita nel 1337. Il Corteo Storico della citt di Orvieto riproduce il potere civile e la forza militare del libero comune, quando la citt, uscita da una lunghissima "notte", divenne comune potente e rispettabile.

Quattrocento costumi preziosi come gioielli, unici ed irripetibili come opere darte; abiti che hanno richiesto giorni e giorni di lavoro paziente, la perfezione dei ricami, le stoffe pregiate, i tessuti al telaio fatti di innumerevoli e sottilissimi fili di seta intrecciati a mano, poi le armi, scudi, elmi e corazze, finemente cesellate e lavorate dalle abili mani di artigiani locali che ancora seguono tecniche daltri tempi, costituiscono un "unicum" di arte e di cultura che non ha eguali.

Il Corteo Storico un patrimonio artistico che si aggiunge a tutto ci che di prezioso e raro Orvieto custodisce gi. Lurbe torna a vivere nel corteo e per il corteo, la citt si trasforma e celebra la propria storia, rievoca le proprie origini. Non c possibilit di "interpretazioni": ci che avviene lidentificazione con un passato splendente da non dimenticare. Lesistenza del Corteo Storico si deve alla tenacia ed alla creativit di una signora orvietana: Lea Pacini, che ad esso ha dedicato tutta la propria esistenza; leredit di tanta appassionata dedizione stata poi raccolta da unassociazione che porta il suo nome. La festa del Corpus Domini lunica occasione per vedere sfilare, lungo le selciate vie cittadine, gli splendidi 400 costumi del Corteo storico.

Da qualche anno la festa si arricchita grazie al Corteo delle Dame che si svolge il sabato precedente la domenica del Corpus Domini. Un nutrito gruppo di Dame accompagnate dalle loro damigelle, da musici, cantori e popolani, tutti rigorosamente in foggia medioevale, si portano in Duomo per assistere ad una funzione religiosa. Dopo di che, raggiunta la Piazza del Popolo, le nobili e il loro seguito assistono ad una serie di spettacoli rievocanti suggestive sensazioni di altri tempi.

Anche questa iniziativa frutto dellopera dellAssociazione "Lea Pacini", in questa occasione affiancata da altre associazioni cittadine. Non mancano, poi, nei giorni dei festeggiamenti altre importanti iniziative che vanno dalle cene medioevali, alla corsa della staffetta che vede la sfida tra i quartieri del centro storico e quella tra Orvieto e Bolsena lungo la strada che collega le due citt. Ogni anno nuove e diverse iniziative vanno ad arricchire la sempre pi importante ed unica Festivit del Corpus Domini di Orvieto.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno