cultura

Ludovico Negroni e lo sbarco di Sapri.

lunedì 17 febbraio 2003
Nato in Orvieto il 19 aprile 1825 dalla nobile famiglia dei conti Negroni, caduta in ristrettezze economiche per le alterne vicende della vita, ben presto sentì il bisogno di sottrarsi alla vita paesana e di cercare altrove un lavoro.

Forse la sua decisione fu dettata anche dalle amarezze del presente in raffronto con la considerazione goduta dagli avi e del ricordo delle passate ricchezze, ma nella sua scelta il giovane Ludovico era anche spinto da sentimenti mazziniani e pervaso dallo spirito che animava i "Carbonari".

Si sa di certo che intorno al 1856, da fervente mazziniano, entrò come "fratello" in una "Vendita Carbonara" a Cortona. Il 21 giugno 1857 sottoscrisse a Genova la famosa dichiarazione dei "ventuno" (tra gli altri firmatari vi erano anche Carlo Pisacane, Giovanni Nicotera, Domenico Porro, Giambattista Falcone) con la quale idearono di effettuare una missione nel Regno delle Due Sicilie per provocare un’insurrezione popolare.

Il 25 giugno, Carlo Pisacane, unitamente a Ludovico Negroni e gli altri congiurati, si imbarcò a Genova sul piroscafo "Cagliari" e si diresse a Ponza. I congiurati occuparono Ponza e, per avere rinforzi, liberarono 323 detenuti, quasi tutti per reati comuni e si rifornirono di armi.

La sera del 28 sbarcarono a Sapri colla illusione di sollevare una rivolta popolare, ma trovarono indifferenza e spesso ostilità, poiché giudicati briganti. Rimasti soli, nei pressi di Padula furono battuti e vinti dalle forze borboniche. Pisacane si ritirò con un piccolo gruppo verso Sanza, dove fu assalito da contadini e da guardie urbane; ferito, per sottrarsi all’arresto si uccise.

Gli altri vennero tutti massacrati, salvo Nicotera condannato poi all’ergastolo. L’episodio, che ispirò a Luigi Mercantini la "Spigolatrice di Sapri",pur non raggiungendo lo scopo non fu del tutto vano perché dimostrò all’Europa la gravità della situazione e l’urgenza di una soluzione. IL conte Negroni fu il primo a cadere nel territorio di Padula (fu il primo a morire di quei "trecento giovani e forti"), sul suo giovane corpo infuriò fino allo scempio l’ira cieca e bestiale degli assalitori.

Nella primavera del 1912, dopo cinquantacinque anni, le spoglie di Negroni furono recuperate e ricondotte nella sua città natale. I suoi resti mortali riposano in un'urna di terracotta posta nell'ingresso del Cimitero di Orvieto.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia

Meteo

giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.1ºC 67% buona direzione vento
15:00 21.2ºC 36% buona direzione vento
21:00 10.9ºC 76% buona direzione vento
venerdì 20 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.6ºC 52% buona direzione vento
15:00 21.6ºC 33% buona direzione vento
21:00 11.4ºC 71% buona direzione vento
sabato 21 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.4ºC 52% buona direzione vento
15:00 21.9ºC 41% buona direzione vento
21:00 12.6ºC 88% buona direzione vento
domenica 22 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.1ºC 75% buona direzione vento
15:00 18.2ºC 83% buona direzione vento
21:00 12.9ºC 96% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni