cultura

Ludovico Negroni e lo sbarco di Sapri.

lunedì 17 febbraio 2003
Nato in Orvieto il 19 aprile 1825 dalla nobile famiglia dei conti Negroni, caduta in ristrettezze economiche per le alterne vicende della vita, ben presto sentì il bisogno di sottrarsi alla vita paesana e di cercare altrove un lavoro.

Forse la sua decisione fu dettata anche dalle amarezze del presente in raffronto con la considerazione goduta dagli avi e del ricordo delle passate ricchezze, ma nella sua scelta il giovane Ludovico era anche spinto da sentimenti mazziniani e pervaso dallo spirito che animava i "Carbonari".

Si sa di certo che intorno al 1856, da fervente mazziniano, entrò come "fratello" in una "Vendita Carbonara" a Cortona. Il 21 giugno 1857 sottoscrisse a Genova la famosa dichiarazione dei "ventuno" (tra gli altri firmatari vi erano anche Carlo Pisacane, Giovanni Nicotera, Domenico Porro, Giambattista Falcone) con la quale idearono di effettuare una missione nel Regno delle Due Sicilie per provocare un’insurrezione popolare.

Il 25 giugno, Carlo Pisacane, unitamente a Ludovico Negroni e gli altri congiurati, si imbarcò a Genova sul piroscafo "Cagliari" e si diresse a Ponza. I congiurati occuparono Ponza e, per avere rinforzi, liberarono 323 detenuti, quasi tutti per reati comuni e si rifornirono di armi.

La sera del 28 sbarcarono a Sapri colla illusione di sollevare una rivolta popolare, ma trovarono indifferenza e spesso ostilità, poiché giudicati briganti. Rimasti soli, nei pressi di Padula furono battuti e vinti dalle forze borboniche. Pisacane si ritirò con un piccolo gruppo verso Sanza, dove fu assalito da contadini e da guardie urbane; ferito, per sottrarsi all’arresto si uccise.

Gli altri vennero tutti massacrati, salvo Nicotera condannato poi all’ergastolo. L’episodio, che ispirò a Luigi Mercantini la "Spigolatrice di Sapri",pur non raggiungendo lo scopo non fu del tutto vano perché dimostrò all’Europa la gravità della situazione e l’urgenza di una soluzione. IL conte Negroni fu il primo a cadere nel territorio di Padula (fu il primo a morire di quei "trecento giovani e forti"), sul suo giovane corpo infuriò fino allo scempio l’ira cieca e bestiale degli assalitori.

Nella primavera del 1912, dopo cinquantacinque anni, le spoglie di Negroni furono recuperate e ricondotte nella sua città natale. I suoi resti mortali riposano in un'urna di terracotta posta nell'ingresso del Cimitero di Orvieto.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

Meteo

lunedì 20 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 4.4ºC 87% buona direzione vento
martedì 21 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 7.6ºC 78% buona direzione vento
15:00 12.3ºC 54% buona direzione vento
21:00 4.9ºC 95% buona direzione vento
mercoledì 22 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.2ºC 88% buona direzione vento
15:00 12.3ºC 67% buona direzione vento
21:00 7.7ºC 95% buona direzione vento
giovedì 23 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 98% foschia direzione vento
15:00 10.6ºC 95% foschia direzione vento
21:00 8.1ºC 98% scarsa direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni