cultura

Al via la grande kermesse dell'Orvieto Dinner Music

mercoledì 22 gennaio 2003
Orvieto Dinner Music festeggia il primo lustro di vita con una serie di interessanti novità che non mancheranno di attirare l’attenzione degli appassionati melomani, dei gourmet e di tutta la schiera di estimatori che in cinque edizioni si è andata ingrossando. “E’ un’occasione più unica che rara - recita il depliant col calendario - che vi è offerta nella magnifica cornice della città di Orvieto per degustare ascoltando, o se preferite, ascoltar mangiando”.

Non può esservi sintesi migliore per spiegare il segreto di un evento che riguarda al tempo stesso i curatori dei fornelli e dei loro esiti sulla tavola, e chi sa proporre la musica del mondo, utilizzando registri tanto variegati quanto seducenti. Arte musicale' e 'buon gusto', sono infatti gli ingredienti che fanno il successo di questa manifestazione giunta oggi alla quinta edizione. L’idea nasce come ideale prosecuzione della mitica Umbria Jazz Winter che fin dagli esordi ha visto il ristorante Al San Francesco come una tra le platee più importanti. Sotto le volte a botte che ospitarono il refettorio dei frati, oggi si esibiscono nomi davvero importanti del panorama musicale, mentre si assaporano speciali menù inediti. L’edizione di quest’anno valorizza soprattutto ritmi ed interpreti sud-americani, seguiti a ruota da ricchi repertori jazz, celtico e di musica etnica.

Nelle nove serate a tema si spazierà così dai ritmi e dai menù maghrebini a quelli irlandesi, dalle eccellenze dell’Umbria, alla cucina della Luisiana, dai piatti e i sound brasiliani a quelli inconfondibili cubani e argentini dei tangheri. Da appuntare col pennarello rosso le novità di Orvieto Dinner Music ’03: prima di tutto il servizio al tavolo che garantisce la migliore valorizzazione dei diversi menù, l’ideale abbinamento cibo-vino per le diverse portate, e non da ultimo, la riduzione del rumore in sala e una scansione dei tempi delle serate più adatta alle esigenze dei concertisti.

Altra novità, l’overture musicale a cura del musicista orvietano Stefano Corradino. Ogni serata sarà infatti introdotta dalle piacevoli note di Corradino. Da segnalare inoltre la possibilità durante tutte le nove serate di degustare in esclusiva alcuni prodotti come i vini di qualità di Cardeto, Riunite e Maschio, ed i sigari Toscani offerti dall'ETI SpA, l'azienda che produce i famosi sigari italiani, tra cui l'Originale realizzato a mano dalle sigaraie della manifattura di Lucca, e l'Extravecchio realizzato con solo tabacco kentucky italiano, unico Presidio non alimentare di Slow Food.

Tutte le cene con il concerto sono offerte a 30 € e hanno inizio puntuale alle ore 20.30. Si consiglia sempre la prenotazione telefonando allo 0763343302, ristorante “Al Al San Francesco”, via Bonaventura Ceretti, 10 Orvieto

ORVIETO DINNER MUSIC

· da un’idea di Pier Giorgio Oliveti · direttore artistico: Riccardo Stefanini · ufficio stampa: Maurizio Quattrini con il patrocinio di: Provincia di Terni, Comune di Orvieto, Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana in collaborazione con : Alfa Romeo COAR - Cardeto Vini Orvieto - Cantine Riunite - Cantine Maschio - Electrolux - Scianca salumi e prosciutti - Grifo latte - Bon Ton ristorazione a domicilio Vola Service - Alto - Caffè Serrani - Slow Food - T&C - Villa Bellago

16/01/03 Il programma

il tema gli artisti Il Programma SAB. 1 FEBB. Cibi e sentori dal Marocco Dal cous-cous ai datteri, dal lukùm al gelato al cardamomo, un trionfo di sapori del vicino esotico del Maghreb.

NOUR EDDINE

Nour-Eddine(voce,liuto,percussioni,chitarra e ghayta) è un musicista eclettico, cantante e coreografo. Di antica origine berbera, è autore di opere musicali del “deserto” e del “mediterraneo”. Ha collaborato con Tony Esposito e a numerose importanti colonne sonore. Il suo spettacolo è basato sul recupero della ricchissima e affascinante tradizione tribale e rituale Gnawa e Jahjuka, di ascendenza sufi.

SABATO 8

Carne argentina al ritmo di Tango La carne di grande qualità è il Leit motive della cucina Argentina, ed in particolare della zona di Cordoba, da cui proviene il fondatore di Aires Tango, Javier Girotto.

AIRES TANGO

Il gruppo fondato nel 1994 dal compositore e sassofonista argentino, Javier Girotto, si è subito distinto tra gli estimatori proponendo una fusione tra le melodie del Tango e l’improvvisazione del Jazz. Il risultato è un sound molto suggestivo, con Tango moderno di grande libertà espressiva e modernità. Completano il quartetto, Alessandro Gwis al piano, Michele Rabbia alle percussioni e Marco siniscalco al basso elettrico.

SABATO 15 FEBBRAIO

Umbria Jazz Menù Un tributo enogastronomico alle eccellenze dell’Umbria, regione internazionalmente riconosciuta per i marchi di Umbria Jazz e Umbria Jazz Winter, e per i suoi prodotti agroalimentari.

DOCTOR 3

Un trio davvero importante nel panorama jazz nazionale, che raggruppa sul palco personalità di primo piano per itinerari ed esiti artistici. Danilo Rea al pianoforte, ricercatissimo in ambito pop(tra l’altro è da dieci anni il pianista di Mina), Enzo Pietropaoli al contrabbasso, genovese d’origine, che debutta col Trio di Roma assieme a Roberto Gatto e allo stesso Rea, e Fabrizio Sferra alla batteria. Tutti e tre hanno maturato una lunga esperienza a contatto con i più bei nomi del jazz, da Chet Baker a Lester Bowie, da Johnny Griffin a Michael Brecker, Lee Konitz e Kenny Wheeler.

SABATO 22 FEBBRAIO

La cucina del Mediterraneo Colori e sapori in onore delle radici mediterranee del gruppo e delle contaminazioni musicali del repertorio.

ROBERTO CIOTTI QUARTET BLUES BAND

Uno dei nomi più importanti in Italia per questo tipo di musica, ha partecipato a tutti i principali festival blues, come Pistoia, Berlino, Amburgo, Montreux. Nato a Roma nel ’53, ha maturato varie esperienze di contatto tra il genere blues e la musica mediterranea. Nel 1989 ha realizzato la colonna sonora del film “Marrakesh Express”, di Gabriele Salvatores. Nell’agosto del ’98 è stato presentato come migliore artista blues mediterraneo per il Festival Mediterraneo di Bari.

SABATO 1 MARZO

La cucina d’Irlanda Alcuni piatti raffinati della verde cucina irlandese di matrice celtica.

FOLK STUDIO A

Uno dei gruppi più affermati del panorama celtico in Italia, nata nell’ormai lontano 1978. La formazione è composta da Claudio Bottega alle chitarre, mandolino, basso e tastiere, Paolo Sgelano, al bouzouki,chitarre e voce, Anita Nascimben, voce e tastiere, Pieregidio Spiller al violino, e Angelo Lora all’poboe e fin whistle.

GIOVEDI GRASSO 6 MARZO

Ritmo in Salsa latina Menù sudamericano per il Carnevale danzante.

CHIRIMIA

Una vera e propria orchestra merengue, boleros e cumbia, di 9-12 elementi, che prende il nome da un tipico strumento a fiato in legno, a forma di “U”. Specialisti nel proporre la “fiesta latinoamericana”, sono divenuti uno dei più apprezzati gruppi di Salsa che si esibiscono in Italia. Attorno ad Alvaro Hugo Atehortua, colombiano, voce e percussioni, si esibiscono altri artisti da numerosi paesi, cubani, argentini ed equadoregni. Sono davvero il gruppo ideale per festeggiare il Carnevale orvietano.

SABATO 8 MARZO
Menù della Saudagi
IRIO DE PAULA TRIO

Nativo di Rio de Janeiro, Irio de Paula vive in Italia da molto tempo, conservando intatti tutti i legami originari con la musica afro-brasiliana. Il risultato è un irripetibile repertorio di contatto tra samba, jazz, bossanova e blues. Nell’ormai lunga carriera ha collaborato con Paulo Mora e Baden Powell, Chico Barque e Eumir Deodato, Rauzinho e Juarez. Definito dalla critica “ il più affascinante dei chitarristi brasiliani”, Irio esprime quello specialissimo connubio tra gioia di vivere e introspezione, ritmi lenti e sambe venate di jazz, tipiche della musica brasiliana. L’accompagnano in trio Giorgio Fontana al basso e Stefano Rossini alle percussioni.

MARTEDI GRASSO 11 MARZO

Ritmo in Salsa latina Menù sudamericano per il Carnevale danzante.

CHIRIMIA

Una vera e propria orchestra merengue, boleros e cumbia, di 9-12 elementi, che prende il nome da un tipico strumento a fiato in legno, a forma di “U”. Specialisti nel proporre la “fiesta latinoamericana”, sono divenuti uno dei più apprezzati gruppi di Salsa che si esibiscono in Italia. Attorno ad Alvaro Hugo Atehortua, colombiano, voce e percussioni, si esibiscono altri artisti da numerosi paesi, cubani, argentini ed equadoregni. Sono davvero il gruppo ideale per festeggiare il Carnevale orvietano.

SABATO 15 MARZO

Le eccellenze gastronomiche d’Orvieto

JAZZ TRIO

Piero Di Salvo, Massimo Frellicca e Lucio Giovannella, rispettivamente al piano, al contrabbasso e alla batteria, costituiscono un originale trio “made in Orvieto” che si è distinto nel panorama locale per il linguaggio musicale accattivante e sobrio, che si esprime attraverso uno swing energico e sofisticato e una grande padronanza tecnica e artistica.

ALTROCANTO TRIBU ACUSTICA

Fin dagli esordi, una decina d’anni fa, il gruppo si caratterizza per l’innesto di musica popolare e canzone d’autore, con l’intento di ricerca e sperimentazione nel campo musicale. Sandro Paradisi alla fisarmonica, Lucio Giovannella alle percussioni, Gian Marco Fusari al basso, Andrea Massino chitarra solista, Andrea Caponeri alla chitarra classica e voce, e Raffaele Petrangeli al mandolino, si addentrano in viaggio di recupero della musica tradizionale del Centro-sud Italia, e così la band riecheggia la Nuova Compagnia di Canto Popolare, i Musicanova, il Canzoniere del Lazio o i Litfiba.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 ottobre

"Come difendersi da truffe e raggiri". Incontro all'Unitre con il maggiore Rovaldi

Un progetto di formazione per operatori del sociale porta "attimi di resilienza" a Parrano

"Sulle Tracce del Mistero. Una settimana dedicata a ignoto, mistero e paranormale"

Terminati i lavori sulla SR 205 Amerina, sistemate barriere di sicurezza e paramassi

Fissate al 26 ottobre le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Carta Tutto Treno Umbria sospesa, Sacripanti (GM): "Il sindaco si attivi"

Karate, la Scuola Keikenkai in partenza per i Mondiali Iku a Kilkenny

Venticinque candeline per Umbria jazz Winter, nel segno di Thelonious Monk

Cambio al vertice di Ance Umbria. Stefano Pallotta succede a Massimo Calzoni

Orvieto per Tutti: "Varco di Via Malabranca, nuovo provvedimento disomogeneo"

Infoteam della Scuola Sottufficiali dell'Esercito per la Giornata Tricolore

#UjW25, ricco programma di star per celebrare un grande anniversario

Umbria Jazz Winter, storia di passioni e successi

Quattro passi tra le meraviglie di Viterbo. Visita guidata nel centro storico

Turismo, Anci e CAI rilanciano quello sostenibile dei 110 mila chilometri di sentieri italiani

Cammini ed escursioni, intesa tra Pro Loco e CAI per la valorizzazione

Modifiche allo statuto dell'Associazione "Lea Pacini", prima la Commissione costituente

Umbria Jazz Winter # 25, un connubio indissolubile con la Città del Duomo

Quattro giorni nel Villaggio del Teatro con Isola di Confine

"Campioni in Cattedra". I più piccoli intervistano il campione di pallavolo Jack Sintini

Accanto al Duomo, Ippolito Scalza "perde" la testa

Mogol si racconta ad Alessandra Carnevali: "Il mio mestiere è vivere la vita"

Ripartono le attività del Lions Club Orvieto. Anno lionistico 2016/17 dedicato ai giovani

All'Unitre torna "Solo solo canzonette?". La quarta puntata del format è dedicata agli anni '80

Incontro sul Soccorso Alpino e Speleologico Umbria "Sasu" promosso dal CAI

I ladri colpiscono ancora. Nel mirino bar e tabaccherie ai piedi della Rupe

Il Comitato per il No di Parrano diventa sempre più grande

Il patto scellerato

Viabilità, lavori per 250mila euro sulle strade regionali 79 e 61

L'associazione Ippocampo presenta i corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti

Editoria, preadottata la nuova legge regionale. Via alla partecipazione

Nuova seduta per il consiglio provinciale. L'ordine del giorno dei lavori

Tutto pronto per "Zafferiamo". Colori, aromi e sapori invadono Città della Pieve

Umbria Jazz Winter #24, dal 20 ottobre via alle prevendite. Tutto il Programma

Nuove attività all'Unitre. Il plauso del sindaco Gianluca Filiberti

Stella al Merito Sociale al giornalista orvietano Stefano Corradino

Informazione locale, Asu: "Bene la preadozione del Ddl regionale"

"Orvieto sotto le stelle", quaranta auto storiche per la terza edizione

Nuovo incontro ISAO: Agostino Paravicini Bagliani e "Il Bestiario del Papa"

Testate giornalistiche digitali locali, Anso protagonista a Dig.it

Sciopero FS, Trenitalia regionale: "Frecce e servizi locali regolari"

Teatro Null, si riparte. Laboratorio di Teatro al Palazzo della Cultura

Legambiente fa le pulci alla differenziata dell'Umbria. "E i Comuni che fanno?"

Il volo nascosto

Il Grand Tour di Dodecapoli arriva a Vigevano. Ambra Laurenzi e Laura Ricci alla Cavallerizza del Castello Ducale per la rassegna letteraria “Italia Italiae”

Continua la raccolta tappi. I risultati dei primi due anni della benefica iniziativa

Bagni, frazione dimenticata. Grido d'allarme dei Comunisti Italiani: "non c'è più nemmeno il cartello di località!"

Lei lo lascia, lui la insegue, lei chiama il 112. In manette trentottenne di Ficulle per stalking

Approvato il progetto preliminare per i lavori di completamento della Biblioteca "Luigi Fumi"

Energia da fonti rinnovabili, la Giunta individua alcune aree giudicate non idonee alla installazione di impianti

Linux Day #6. Approfondimenti su didattica e sicurezza informatica al Centro Studi

Il Gal Trasimeno-Orvietano finanzia 14 progetti "Cultura che nutre" nelle direzioni didattiche del territorio

Più potere alle donne. A Orvieto forum nazionale delle amministratrici del Partito Democratico

1° Forum nazionale delle Amministratrici democratiche - Programma

Turreni in merito alla falsa lettera attribuita al presidente Frizza: "Sfido il PD a denunciare la mia presunta incompatibilità"

Le produzioni di ArTè. Gli appuntamenti di Ottobre nei vari teatri

Confermare la cassa integrazione alle lavoratrici della Grinta. La CGIL torna sulla vicenda del tessile orvietano

I parlamentari umbri del PD chiedono un rapido intervento del Ministro della Giustizia: "fatti non parole per le carceri umbre"

"Sogni di Autori Vari". Parte il progetto finanziato dalla Fondazione CRO dedicato a ragazzi e ragazze con diversa abilità

"Sogni di autori vari" - Il progetto e le modalità di accesso ai corsi

Una diffusa esigenza di cambiamento

Presentato ad Allerona il progetto Parchi Attivi

Bilancio: Il riequilibrio del poco o niente

Ma secondo il PdL siamo a un passo dal risanamento