cultura

Qualcosa di più di semplice musica

venerdì 24 maggio 2002
di Fausto Cerulli
Non mi reputo un esperto di musica, anche se non credo che sia necessario saper solfeggiare un brano per apprezzarne la musicalità. Comunque ieri sera al palazzo dei Sette non solo di musica si trattava ma di cultura, di arte e, sia pure in tono modesto, di storia nostra. Musica sudamericana, soprattutto cilena, e pensavo a quando,( quanto tempo fa oppure oggi?), sapemmo che Pinochet aveva costretto al suicidio Allende, e stava incarcerando mezzo Cile, e ci trovammo in diecimila in una piazza di Roma a protestare: e fu lì che conoscemmo gli Inti Illimani, che cantavano “ el pueblo unito jamas sera vencido” e invece il popolo fu vinto, altroché se fu vinto. Ieri sera, al Palazzo dei Sette, eravamo parecchi ad ascoltare le canzoni di Violeta Parra o di Victor Jara; i giovani non è che fossero molti, erano più numerosi i professori. Per cui pensavo che sarebbe stato giusto se i professori avessero spiegato, rompendo la monotonia dei programmi ministeriali, la vicenda del Cile, che è poi quella dei minatori massacrati in Bolivia o quella dei desaparecidos d’Argentina. Forse i giovani sarebbero stati più numerosi, e magari per una sera avrebbero rinunciato all’extasi (pardon volevo dire estasi) del rimbambimento in discoteca. C’era qualche studente dell’Istituto Professionale, per via di una professoressa impegnata e per via che, per ragioni di classe, gli studenti del Professionale sono da sempre i più impegnati. Forse perché non hanno prospettive di futuro universitario, ma solo sbocchi immediati di lavoro: e dunque la politica la sentono come una faccenda personale, pragmatica; nelle altre scuole la politica è teoria senza prassi. La musica ed i testi delle canzoni, nell’ atrio della vecchia Posta, avevano echi strani, sussulti di memoria; riaprivano vecchie ferite, costringevano a pensare ad antichi entusiasmi ed a continue delusioni. Mi chiedevo quanti dei presenti, almeno quelli più giovani, sapessero che gli autori di quei testi e di quelle musiche erano stati ammazzati come cani da gente a cui anche la musica faceva paura. Specialmente quando era musica che veniva dal popolo ed al popolo tornava. Pinochet, come ti sbagli, amava la musica sinfonica, oltre a qualche marciaccia militare. Come Goering, che non prendeva sonno se non ascoltava Wagner. E’ stato a quel punto che ho avuto l’ impressione di assistere a un rituale; di quelli che se conosci il senso puoi anche provare il desiderio di piangere; se non lo conosci, batti il ritmo con le mani e con i piedi e magari ti metteresti a ballare. Ho visto qualche viso solcato dalle lagrime; in mezzo al pubblico c’era qualche sudamericano, anche anziano. E quella, per lui, era musica di una tragedia vissuta in prima persona. E pensavo che quando successe quello che successe al Cile, e quando succede quellp che succede all’Argentina. ci sentivamo tutti sudamericani. Per questo, se non fossi quel cinico che sono, avrei pianto, magari volentieri ed a sfogo. Quando qualche canzone cantava la protesta ed il dolore di quei giorni, ci scambiavamo sguardi d’intesa, noi che quei giorni avevamo compatito nel senso di patire insieme. E in quegli sguardi leggevamo e facevamo leggere l’accettazione di una sconfitta, la nostalgia di una speranza tradita. Alla fine speravo che avrebbero cantato quello che fu l’inno di quei giorni e che parlava del popolo unito che non può essere vinto. No, quella canzone del pueblo e per il pueblo non ha turbato gli echi della vecchia Posta. Perché i popoli sono stati vinti, e l’unità gli è servito solo per morire uniti. Ma una ragazza orvietana ha letto una poesia di Violeta Parra; ed un’altra ha cantato “ Gracias a la vida “. Nella staffetta della buona coscienza che diventa disperata speranza, lasciamo alla loro commozione il testimone.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 giugno

Discarica "Le Crete" e mercurio nel fiume Paglia, gli impegni della politica

Nuova pavimentazione per la Bagnorese, autovelox lungo la Strada del Piano

Orvieto riscopre Gianni Rodari. Nominati i due rappresentanti in seno al cda del centro

Orvieto rinsalda l'amicizia con Marostica e manda in archivio le feste medievali 2016

Luoghi del Cuore FAI, basta un click per salvare l'Orto di San Giovenale

Prima seduta del nuovo consiglio comunale a Parrano, approvati tutti i punti

Si insedia il consiglio comunale. L'ordine del giorno della prima seduta

Il teatro entra a scuola, due classi si mettono in gioco

Servizio civile, ai nastri di partenza il progetto "Coriandoli di storie"

Tutti insieme a pulire il paese. Proceno inaugura le "Domeniche del borgo"

Enoteca regionale, convenzione con il Comune e il Consorzio dei vini per la gestione

Lega Nord riporta "Le Crete" in Regione. Si discute l'impiego del georadar alla discarica

Orvieto, l'Umbria e l'ascesa del MoVimento 5 Stelle

"Convegno 'La strada del mercurio', Enel convitato di pietra"

Poste, Regione e Comuni verso l'accordo. Più servizi integrati e gli uffici rimangono aperti

Taglio del nastro della nuova sede per la Cna Umbria del Comprensorio Orvietano

Riccardo Nencini presenta "Il fuoco dentro: Oriana e Firenze"

"Strade per l'integrazione", un progetto per il trasporto sociale di persone con disabilità psichica

Tamponamento sul ponte dell'Adunata. Illesi i conducenti, traffico in tilt

Lavori sul ponte del Carcaione, modifiche alla viabilità a Ciconia

Cittadino indignato: "Pago il doppio per un servizio porta a porta che non mi è erogato"

"Musonio l'Etrusco" di Luciano Dottarelli all'Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani

Cava di Pietrara, Orvieto produrrà gli atti di presa visione

Caso quote Bpb, c'è l'incontro con i capigruppo consiliari

Infiltrazioni d'acqua piovana al PalaPapini, Sacripanti (Gm) sollecita

Differenziata, la proposta. Codici a barre ai mastelli precedentemente in uso?

Approvata la rimodulazione del piano di riequilibrio e uscita anticipata dal predissesto

Gnagnarini replica a Pizzo: "L'ex assessore trascura piccoli ma decisivi particolari"

Circolo ricreativo culturale ed Ancescao insieme per la "Festa del Lago"

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni