cronaca

Chiedono soldi a nome de "I Pagliacci". "Diffidate dalle imitazioni"

giovedì 8 agosto 2019
Chiedono soldi a nome de "I Pagliacci". "Diffidate dalle imitazioni"

"I Pagliacci, quelli veri siamo noi. Non abbiamo mai fatto raccolta fondi porta a porta e invitiamo i cittadini a non cadere nell’equivoco”. Alessandro Rossi si trova ancora una volta a dover fare i conti con chi chiede fondi a nome de I Pagliacci utilizzando book fotografici per promuovere le attività del sorriso nel reparto di pediatria dell’ospedale di Terni.

Nella mattina di giovedì 8 agosto Rossi ha ricevuto le segnalazioni di diversi abitanti di Montefranco che volevano sincerarsi che quella raccolta di fondi per i bimbi malati fosse realmente legata alla sua associazione.

“Volevano capire se i beneficiari fossimo noi - dice - anche se tutti sanno che non raccogliamo fondi fuori dai negozi, non andiamo in giro a chiedere offerte e non facciamo il porta a porta. Per l’ennesima volta mi ritrovo a dover contrastare chi ha giocato sull’equivoco usando il nome della mia associazione per raccogliere soldi per i bambini malati”.

Sull’episodio, l’ennesimo di una lunga serie, sono in corso accertamenti dei carabinieri chiamati da chi si è insospettito per le modalità di una raccolta fondi che I Pagliacci non sono soliti utilizzare.

 “Invito i cittadini a fare attenzione a chi chiede soldi - dice Rossi.  Se non conoscete direttamente le persone non date nulla. Spesso chi avete davanti fa parte davvero di un’associazione poi però spetta sempre a voi se scegliere di fare una donazione all’associazione di volontariato i Pagliacci o a chi senza ritegno si spaccia da pagliaccio. Noi volontari del sorriso siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento”.

Commenta su Facebook