cronaca

Binari allagati, traffico fortemente rallentato tra Roma e Firenze

giovedì 10 maggio 2018
Binari allagati, traffico fortemente rallentato tra Roma e Firenze

Circolazione ferroviaria fortemente rallentata nella stazione di Orte per il forte maltempo e le abbondanti precipitazioni che hanno provocato l’allagamento dei binari. Ripercussioni si stanno registrando per il traffico ferroviario fra Roma e Firenze, sia sulla linea convenzionale sia sulla Direttissima. I treni regionali percorrono itinerari alternativi con un allungamento dei tempi di viaggio di circa un’ora. I treni Alta Velocità diretti a Nord stanno registrando ritardi medi di 40 minuti mentre quelli verso Sud viaggiano con ritardi medi di 15 minuti per un contestuale guasto dovuto al maltempo nella stazione di Orvieto. In particolare, il Regionale 2316 partito da Roma Termini e diretto a Firenze Santa Maria Novella non ha effettuato le fermate di Orte, Attigliano e Alviano. Una volta giunti a Orvieto, i viaggiatori raggiungeranno le proprie destinazioni con altri treni o servizi sostitutivi con autobus. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana sono già al lavoro per ripristinare le condizioni di sicurezza dell’infrastruttura ferroviaria e per riprendere quanto prima possibile la circolazione.

Di seguito la nota che il Comitato Pendolari Orte invierà a Ministro dei Trasporti, Regioni, Trenitalia e RFI studiando anche il contratto di servizio tra Regione Lazio e Trenitalia e RFI (per saggiare l'umore dei vari pendolari è stata anche lanciata martedì 8 maggio una petizione, qui le motivazioni):

"Orte Caput Mundi. Richiesta di incontro al ministro dei Trasporti"

Anche ieri Orte ha diviso in due l'Italia. Migliaia di persone, regolarmente paganti, sono tornate a casa stremate. Alcune per tornare a casa hanno pagato 200 € di taxi, o hanno chiesto ai propri parenti di essere recuperati in quel di Orvieto/Fara Sabina. Voi direte che di fronte a un evento atmosferico imprevedibile tutto è possibile. È vero, lo pensiamo anche noi del Copeo.
Aggiungiamo soltanto alcune domande di seguito che giriamo ai nostri rappresentanti politici, alla stampa, al gestore della Rete e dei treni.

Perché gli unici a pagare i disagi conseguenti a un evento eccezionale sono i pendolari? Noi l'abbonamento anche ieri lo abbiamo pagato. Non solo. Le conseguenze dei ritardi le abbiamo tutte sulle spalle no i. I costi extra per tornare a casa ce li siamo sorbiti noi. La gente è stata fatta scendere a Fara Sabina ieri e lasciata in mezzo alla strada senza un avviso e senza uno straccio di servizio sostitutivo. Nemmeno nel 4 mondo accade una cosa del genere. Noi abbiamo pagato anche ieri: sia l'abbonamento che le conseguenze dei disagi.Perché non ci viene rimborsata una parte di questi soldi per i disagi subiti e per gli extra costi sostenuti? Perché chi organizza la comunicazione e i servizi sostitutivi di queste aziende, non si è mosso?

Chiediamo disperatamente alla politica di intervenire e di difenderci. Chiediamo al ministro di convocare, insieme ai rappresentanti dei pendolari, i vertici di Trenitalia e RFI per avere spiegazioni puntuali su quanto accaduto e su cosa verrà fatto in futuro per cercare di mitigare gli effeti di questi eventi atmosferici. Se Orte è una stazione così importante per l'Italia forse è il caso di investire risorse adeguate su Orte. Noi, Ministro, siamo sempre disponibili ad incontrarla. Attendiamo un sollecito riscontro.

In ultimo aggiungiamo che il Copeo esprime tutta la propria solidarietà verso gli abitanti di Orte Scalo per i forti disagi subiti nel tardo pomeriggio di ieri.

Pubblicato da Pendolare Orvieto il 10 maggio 2018 alle ore 11:46
Proviamo a descrivere noi cosa è successo ieri sera dopo ormai 2 mesi di disagi continui che stanno vivendo i pendolari orvietani. Il guasto del deviatoio – a detta del personale Trenitalia in servizio a Termini – era alla stazione di Orte. I pendolari hanno richiesto o di non far transitare l'IC598 ad Orte e garantire dunque il regolare servizio per Orvieto e per Chiusi, oppure una fermata straordinaria al Frecciamille per Venezia, la quale però è stata negata dopo ben 70 minuti di attesa sotto il maltempo. A quel punto, dopo aver preso insulti dai passeggeri del Frecciamille, dopo aver preso una marea di pioggia, dopo aver litigato con gli addetti ai lavori, dopo esser stati invitati a toglierci dalle porte del treno dalla polizia intervenuta, stanchi dopo l'ennesima giornata lavorativa, siamo stati costretti a salire sul primo treno in partenza per poter rientrare a Orvieto, ovvero lo stesso IC598 che nel frattempo recava 120 minuti di ritardo. Pur di non creare un precedente, Trenitalia ha preferito bloccare per ben 70 minuti un treno alta velocità piuttosto che "abbassarsi ad accettare una richiesta da utenti di serie B". Siamo stati "calcolati" (non ascoltati) solo ed esclusivamente per il disagio creato all'alta velocità altrimenti, come sempre succede, saremmo stati liquidati in pochi minuti. Se questo è un paese civile...
Pubblicato da pendolareorvietano il 10 maggio 2018 alle ore 11:56
è scandaloso leggere questa frase "Se Orte è una stazione così importante per l'Italia forse è il caso di investire risorse adeguate su Orte." all'interno di una testata che si chiama "ORVIETONEWS". La vedo come una offesa nei confronti di chi tutte le mattine parte da Orvieto per andare a Roma per lavorare e non per divertirsi in quanto la nostra realtà non ci offre una occupazione. Investiamo in Orvieto e non declassiamola ulteriormente!!!!!!
Pubblicato da CITTADINO DI ORVIETO e pendolare il 10 maggio 2018 alle ore 12:30
Buongiorno,
premesso che mi trovo d' accordo con il pendolare di Orvieto che ha pubblicato il commento, mi sono trovato anche io ieri nella stessa situazione, ma volevo invitare a capire quello che i pendolari della città di Orvieto e dei comuni limitrofi subiscono ogni santo giorno. Si tratta di persone che si alzano al mattino presto per andare a lavorare e ritornano la sera tardi con mille peripezie non certo per causa loro. Penso anche che si debba chiarie che ad Orte c'è un'offerta di treni giornalieri (regionali e IC) di gran lunga superiore ad Orvieto, per cui perso un treno ce n'è subito un altro, cosa che per i pendolari orvietani non c'è, si possono aspettare anche ore per il treno successivo. Quindi va bene dare voce a tutti ma vorrei più attenzione al nostro territorio.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 maggio

Quinta edizione per "I Gelati d'Italia" in Piazza Duomo. Degustazioni solidali al Palazzo dei Sette

Si presenta la guida "La Tuscia dell'EVO". L'oro verde trionfa sul banco d'assaggio

"Fascinazione etrusca. Viaggiatori, artisti, archeologi, letterati e avventurieri in Etruria fra Medioevo e l'inizio del '900"

Deposito di ceneri di carbone, rassicurazioni da Arpa e Comune

Sicurezza, si riunisce il Comitato. Disposti controlli straordinari in attesa della video-sorveglianza

C'è un futuro per i Consigli di Zona? Olimpieri (IeT) presenta un'interpellanza

Carenze e costi dei servizi sociali e socio-sanitari, Sacripanti (Gm) presenta un'interrogazione

Festa Europea della Musica, definito il programma della IV edizione

"La lista di carbone". Christiana Ruggeri racconta il dramma dell'Olacausto

Fabio Paparelli eletto nell'esecutivo nazionale ed europeo del Forum Sicurezza Urbana

Al Teatro Comunale via ai concerti di fine anno della Scuola di Musica

Mano tesa tra Perugia e Canino nel nome di Papa Paolo III Farnese e Maria Alessandrina Bonaparte

Il cardinale Gualtiero Bassetti è il nuovo presidente della CEI

Da Attigliano a "Cibiamoci", Cruditaly lancia i Crucker, cracker crudisti gourmet

Lista Civica per Porano: "Questo è lo specchio dell'amministrazione Cocco"

"Il Maggio dei Libri", gran finale. Si va verso la Consulta delle Associazioni

Al Teatro degli Avvaloranti va in scena "La Buona Vita"

TeMa, insediato il nuovo CdA. Stefano Paggetti presidente

Le stelle dell'atletica leggera all'8° Memorial "Luca Coscioni" Meeting Internazionale

Il Comitato pro Ica sollecita il direttore “Carcere modello di integrazione”

"Manciano Street Music Festival" nelle scuole, un successo con più di 700 bambini

William Shakespeare sul Lago di Bolsena, stage di interpretazione teatrale

Via alle campagne di scavo. "Il nostro è un patrimonio culturale anche da studiare, non solo da svelare"

Disciplina della circolazione a Rocca Ripesena per la giornata conclusiva de "Il Paese delle Rose"

A Ciconia, parzialmente chiusa per lavori Via dei Melograni

Prove del Corteo delle Dame, via le auto da Piazza del Popolo

Segnale "Orvieto Centro Free" anche in Piazza Duomo

Fattorini e Giovannoni alla terza prova del Campionato Italiano della Montagna

Basilici (Cittadini in Comune): "Il progetto civico di Lattanzi è fallito"

Progetto “Le.on.di.na”, sano esempio di percorso integrativo

Protestano i residenti della Strada del Piano: "Cittadini di serie B senza metano!"

Dalla fioritura sboccia Intrecci, l'alta scuola delle ladies Cotarella

Nogesi: "A quanti sono amministrati da sindaci che invocano altre centrali geotermiche: ragioniamo sui fatti, non sulle fantasie"

Al Serancia, il Palio della Palombella 2016. Andrea Cavastracci fa suo il Paliotto

Corso di "Coagulazione lattica di latte caprino crudo aziendale" alla Fattoria Ma' Falda

Il Lions Club adotta il Merletto Orvietano. "Un patrimonio immenso per un museo diffuso"

Pd, Paa, Sel coesi: "La risoluzione rafforza il sostegno al sindaco Germani"

Circolo Epocar Alta Tuscia, tuffo nella storia con la prima tappa del campionato sociale

"Concerto dell'Umbria Ensemble Orchestra. L'eleganza del Barocco e del Classicismo"

Alla biblioteca di Montegabbione, la storia di Malala e la sua battaglia per la libertà

Giovani a scuola di raccolta differenziata con "Un viaggio chiamato ambiente"

Zambelli Orvieto: serve un mercoledì da tigri contro Casal De’ Pazzi

Confcommercio e Orvieto per tutti: "In arrivo le risorse per il centro commerciale naturale"

Bilancio di previsione 2016. Sostegno ai giovani, incentivi alla differenziata

Applausi al Mancinelli per Classic&Jazz. Ceprini: "La città ama il suo teatro e lo fa vivere"

Seconda edizione del Festival dello Studente, si risveglia l’anima giovane della Rupe

Home Care Premium, prorogato il termine per i piani assistenziali

Più sicurezza per il territorio. Operativo da giugno il Piano coordinato di controllo

Al Csco il vice console Usa saluta l'avvio dei corsi del 15° Summer Program dell'University of Arizona

"Cuore di Sport". Al Palazzo dei Congressi la presentazione dei risultati

Incontro pubblico propedeutico alla stesura del Piano di Azione Locale 2014/2020

"Etruschi 3D". In arrivo la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Verso le amministrative. Si presenta la lista "Con i cittadini per Castel Giorgio"

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni