cronaca

Trasporto di rifiuti contaminati, controlli e sequestri a Orvieto

mercoledì 11 ottobre 2017
Trasporto di rifiuti contaminati, controlli e sequestri a Orvieto

Due anni di intensa attività investigativa, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, hanno portato la Guardia Costiera di Livorno a sgominare un cartello di imprese dedite al traffico internazionale di rifiuti metallici contaminati che spediti via mare su container da vari porti italiani (Civitavecchia, Livorno, La Spezia, Genova e Ravenna), raggiungevano le destinazioni di Cina, Indonesia, Pakistan e Corea.

Le operazioni, dirette personalmente dall'Ammiraglio Giuseppe Tarzia, all'epoca dei fatti Comandante del porto di Civitavecchia, ed oggi di Livorno, sono in corso dall'alba di mercoledì 11 ottobre con l'esecuzione di numerosi arresti e sequestri di aziende in varie regioni d'Italia, Lazio Toscana e Umbria. Il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Roma, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, ha infatti emesso 7 ordinanze di custodia cautelare personale e disposto il sequestro preventivo di diversi stabilimenti situati in Orvieto e nel Viterbese, oltre a svariati milioni di euro da sequestrarsi per destinare a confisca, quale recupero sui proventi illeciti.

L'indagine, partita da alcuni container sospetti ispezionati dalla Capitaneria di porto di Civitavecchia, coadiuvata dalla Agenzia delle Dogane, ha da subito mostrato profili di rilievo nazionale, relativamente alla provenienza dei rifiuti, ed internazionale per quanto attiene alle destinazioni. I soggetti arrestati e le loro aziende, mediante vari giri di false attestazioni e certificati, acquistavano rifiuti industriali complessi e contaminati, su tutti da PCB (policlorobifenili - di tossicità equiparata alla diossina), e, dopo aver simulato lo svolgimento di procedure di bonifica in Italia, lo rivendevano tal quale come materiale recuperato e "pronto forno" per un nuovo ciclo produttivo.

In realtà i rifiuti, in Italia, subivano solamente una mera macinatura e, fortemente inquinati, venivano spediti via mare nelle destinazioni internazionali, senza nessuno scrupolo per la salute degli operatori in contatto con gli inquinanti. Per questo, all’operazione è stato dato il nome “End of Waste”, termini che indicano normalmente il rifiuto che cessa di essere tale al termine di un idoneo ciclo di trattamento e bonifica; ritorna ad essere materia "prima" da impiegarsi in un nuovo ciclo produttivo. Gli indagati, mediante un articolato sistema di falsi documenti prodotti da falsi aziende, esportavano rifiuti dichiarandoli "End of Waste", appunto.

La trattazione e la bonifica dei rifiuti è disciplinata da un articolato quadro normativo nazionale, europeo ed internazionale che discendono dalla Convenzione di Basilea. Ogni operatore, in ogni fase della filiera, deve poter dimostrare la provenienza e la destinazione dei prodotti, nonché i trattamenti a cui sono stati sottoposti o a cui saranno sottoposti. 46.000.000 di euro l'anno è la media del giro d'affari derivante dal traffico illecito che emerge dalle indagini, cui si deve sommare l'effetto negativo indiretto su tutti gli operatori rispettosi delle regole del settore, in particolare le aziende sane che offrono sul mercato i servizi di bonifica, limitando per esse i margini di guadagno; senza contare i maggiori costi per le imprese che conferiscono lecitamente i rifiuti.

Fonte: Guardia Costiera Livorno

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 giugno

Ex ospedale di piazza Duomo, Olimpieri (IeT) presenta un'interpellanza

Si presenta il nuovo numero della rivista "Via Francigena and the European Cultural Routes"

Philo-Club e ApertaMenteOrvieto insieme per "Riflettiamo sul Dialogo"

La squadra Arca Enel dell'Umbria campione nazionale di calcio a 5

E' nato ufficialmente "50 e non sentirli" per i nati nel 1965

In arrivo "Big Band Festival", il primo festival jazz d'Europa dedicato alle orchestre

Rispettato il rito della "Notte prima degli esami". L'augurio del Comune ai maturandi

Vincenti: "Nessun ordine specifico sulle multe, i controlli continueranno"

Luminari a confronto su ginecologia e ostetricia. Tornano i "Venerdì orvietani"

Azzurra Ceprini Orvieto sceglie la bulgara Hristina Ivanova come ala grande

Disciplina della circolazione in Via dei Muffati e in Via Duomo

Terapia del dolore, ortopedia e riabilitazione a "Focus on pain"

Filt Cgil Umbria: "Si rafforzino i presidi della Polfer nelle stazioni e a bordo treno"

La metro B.ella

Appuntamento

GdF, pubblicato il bando per il reclutamento di 4 allievi riservato a "Vittime del dovere"

Porcari, di nuovo a processo ma il giudice si riserva

Il progetto "Orvieto è Doc&Dop" per la valorizzazione dei prodotti locali fa centro

Discarica Le Crete, per l’Arpa dati elevati di mercurio. In un anno 89mila tonnellate di rifiuti

L’Orvietana sceglie Nardecchia per tornare grande

Geotermia a Castel Giorgio, il comune di Acquapendente ratifica il ricorso al Tar

Dipendenti e pensionati dichiarano più degli imprenditori. A Orvieto i redditi più alti, Castel Giorgio quelli più bassi

Lungo il Paao, via ai lavori di manutenzione straordinaria della Rupe

Orvieto partecipa al progetto "Cittaslow Doing" tramite il programma europeo Urbact III

Germani Sindaco: un anno di bugie e di fallimenti

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni