cronaca

E' strappo tra Regione e Cacciatori: "modificare i regolamenti per il bene di tutti"

lunedì 25 settembre 2017
E' strappo tra Regione e Cacciatori: "modificare i regolamenti per il bene di tutti"

Nei giorni scorsi presso la sala dell’Egizia di Perugia si è svolta una assemblea, voluta ed organizzata dal Coordinamento delle Squadre di Cinghiale dell’Umbria, per incontrare le istituzioni della Regione, che ha visto la presenza dell’Assessore alla Caccia Fernanda Cecchini, del Dott. Attilio Solinas Presidente della terza commissione consiliare permanente Regione Umbria, nonché dei presidenti dell’ATC 1, dell’ATC 2 e dell’ATC 3. Sono altresì intervenute alcune associazioni Venatorie (erano presenti soltanto Arci Caccia – Federcaccia – e Libera Caccia), le associazioni Agricole (presenti solo Coldiretti) e naturalmente i cacciatori delle squadre al cinghiale.

Lo scopo dell’incontro che purtroppo si RIPETE a distanza di 2 anni, era quello di rappresentare ufficialmente ed in maniere ordinata le numerose doglianze che nel corso delle ultime stagioni venatorie si è tentato di portare all’attenzione sia a livello regionale sia a livello di ATC, ma senza visibili riscontri o risultati.

Il desiderio di dialogo, di confronto e di interlocuzione con le istituzioni è stato manifestato per tre grandi temi: (i) la sentenza della Corte Costituzionale della Liguria; (ii) le modifiche al regolamento regionale; (iii) la trasparenza nei criteri di assegnazione di territori e obiettivi di capi da abbattere, per i riflessi sulle lettere di richieste di risarcimento ai cacciatori delle squadre che non hanno raggiunto detti obiettivi inviate dall’ATC 1.

Superato il problema della Sentenza della Corte Costituzionale con l’assunzione di responsabilità formalizzata da parte della Regione sulla legittimità dell’operato dei cacciatori che continuano a cacciare sul territorio umbro mettendosi a disposizione per le azioni di contenimento, i cacciatori hanno denunciato che il problema persiste per le richieste di dialogo sulle modifiche del regolamento e per le richieste di trasparenza e di dialogo che mancano in alcuni ATC per la condivisione di responsabilità e obiettivi.

Stupisce e ha provocato profonda delusione negli 800 cacciatori presenti che a seguito delle richieste specifiche formulate i presidenti degli ATC abbiano ritenuto di lasciare la seduta senza formulare gli interventi che l’assemblea aveva previsto, senza dare alcuna risposta alle doglianze di mancanza di dialogo e trasparenza. I cacciatori hanno solo potute registrare la posizione dell’assessore regionale che per quanto di competenza ha solo relazionato in merito a quanto riguarda il regolamento e le relative richieste, senza però lasciare spazio alla possibilità che esse trovino realizzazione nei tempi richiesti.

In particolare, riguardo al regolamento i cacciatori hanno chiesto di avere risposte chiare e definitive sulle intenzioni da parte della Regione di prendere atto e MODIFCARE completamente il Regolamento regionale per la caccia al cinghiale vigente che come già più volte trattato è stato causa di accese polemiche per la TOTALE MANCANZA DI CONDIVISIONE (in fase di redazione ed approvazione, ed ancora ad oggi non si conosce chi lo abbia voluto…???) con le parti in causa, che ne hanno determinato già dalla sua approvazione nel 2015 una serie di rinvii per l’enorme difficoltà di applicazione e per la totale assenza di una buona base gestionale , funzionale ed applicabilità.

Le squadre da subito hanno portato all’attenzione delle istituzioni questo fatto, chiedendo più volte di modificare tale regolamento, ma in questi due anni, si è soltanto strumentalizzato il Cinghiale come un PROBLEMA INGESTIBILE… quasi un nemico dell’uomo…… Ma’’’???

e qui una domanda sorge spontanea… forse l’istituzione non ha le competenze per trovare soluzioni…?? o forse c’è qualcuno a cui non conviene trovare soluzioni???

Perché SE SI CHIEDE UNA MODIFICA CONDIVISA non viene applicata..?? PERCHE’ SE SI CHIEDE DI CREARE UNA FILIERA per eliminare bracconaggi e vendita di carni nel mercato nero, non debba essere messa in campo..?? perché se le squadre sono chiamate a contribuire alla gestione… poi non gli vengano dati mezzi per poterla applicare ??

Non lo sappiamo, di certo il 25 di Agosto alla presenza di oltre 800 cacciatori, nuovamente il coordinamento regionale delle squadre ha illustrato un documento di modifica alla Platea, NEL QUALE HA ESPLICITAMENTE CHIESTO all’Ass. Fernanda Cecchini, di attuare le modifiche più URGENTI entro e non oltre il 30 Settembre, (ovvero prima della apertura della prossima stagione ) QUESTI TRE PUNTI:

impedire a singoli cacciatori che vogliono praticare questa caccia di accedere ai settori assegnati alle squadre, ma individuare per loro zone adeguate fuori dai settori;

Abolizione completa dei punteggi che non hanno alcuno scopo ne funzionale, ne scientifico per la gestione.

Richiedere formale revoca all’ATC 1 (ED AVVISARE GLI ALTRI atc) della lettera inviata alle squadre per richiedere una partecipazione all’indennizzo dei danni alle colture agricole, ma come detto mettere in campo un piano di Gestione SERIO E BASATO SU DATI SCIENTIFICI e che veda la collaborazione tra cacciatori ed agricoltori e soprattutto istituzioni, con piani di PREVENZIONE.

SUCCESSIVAMENTE si chiede di :

Pianificare interventi nei Parchi, nelle zone protette Regionali etc.(ed interregionali) VERI FOCOLAI DI RIPRODUZIONE INCONTROLLATA della specie cinghiale, con totale assenza di gestione

CREARE LA FILIERA CORTA per la commercializzazione “legale” della carne del cinghiale in modo di creare sviluppo, posti di lavoro, .. un indotto economico, da utilizzare per Sostenere gli Agricoltori nella prevenzione dei danni, migliorare la gestione della caccia in generale, ridurre il fenomeno del bracconaggio e la vendita delle carni sotto banco

Ridare MEZZI E PERSONALE agli organi di vigilanza per il controllo del territorio FONDAMENTALI ed il rispetto delle norme.

Uniformarsi alle regioni limitrofe con l’apertura della caccia al cinghiale, nel rispetto delle altre forme

Poter effettuare le governe censite in determinati periodi a rischio per le colture agricole e nei luoghi strategici per tutelare la colture di pregio.

E mettere in campo una strategia di censimento seria

QUESTI SOPRA SONO ALCUNI PUNTI SALIENTI CHE IL COORDINAMENTO CHIEDE ALLA REGIONE di cui alcuni (PUNTI 1 – 2 – 3) da APPLICARE ENTRO IL 30 Settembre e tutti gli altri in una PIANIFICAZIONE TRIENNALE che porti FINALMENTE AD UNA RISULTATO POSITIVO che veda tutti gli attori COORDINATI e collaboranti tra loro.

SIAMO CERTI DI CHIEDERE COSE INDISPENSABILI: MODIFICHE; MA SOPRATTUTTO DIALOGO CON LE ISTITUZIONI DEL TERRITORIO (ATC) E TRASPARENZA NEI CRITERI ADOTTATI DA QUESTE. Si tratta di richieste non solo nell’interesse dei cacciatori, visto anche che per la prima volta, 4 associazioni venatorie, ArciCaccia – FederCaccia - Anuu ed EnalCaccia hanno sottoscritto ed inviato, un documento congiunto per consentire alla REGIONE la modifica immediata di tale regolamento, con contenuti che per oltre il 70% ricalcano quanto presente nel documento stilato dal Coordinamento delle Squadre Umbre, a conferma della SERIETA’ delle richieste avanzate NELL’INTERESSE ANCHE DI TUTTI COMPRESI QUEI CITTADINI CHE NON PRATICANO LA CACCIA.

 

Coordinamento Regionale Squadre Cinghialisti

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 ottobre

"Come difendersi da truffe e raggiri". Incontro all'Unitre con il maggiore Rovaldi

Un progetto di formazione per operatori del sociale porta "attimi di resilienza" a Parrano

"Sulle Tracce del Mistero. Una settimana dedicata a ignoto, mistero e paranormale"

Terminati i lavori sulla SR 205 Amerina, sistemate barriere di sicurezza e paramassi

Fissate al 26 ottobre le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Carta Tutto Treno Umbria sospesa, Sacripanti (GM): "Il sindaco si attivi"

Karate, la Scuola Keikenkai in partenza per i Mondiali Iku a Kilkenny

Venticinque candeline per Umbria jazz Winter, nel segno di Thelonious Monk

Cambio al vertice di Ance Umbria. Stefano Pallotta succede a Massimo Calzoni

Orvieto per Tutti: "Varco di Via Malabranca, nuovo provvedimento disomogeneo"

Infoteam della Scuola Sottufficiali dell'Esercito per la Giornata Tricolore

#UjW25, ricco programma di star per celebrare un grande anniversario

Umbria Jazz Winter, storia di passioni e successi

Quattro passi tra le meraviglie di Viterbo. Visita guidata nel centro storico

Turismo, Anci e CAI rilanciano quello sostenibile dei 110 mila chilometri di sentieri italiani

Cammini ed escursioni, intesa tra Pro Loco e CAI per la valorizzazione

Modifiche allo statuto dell'Associazione "Lea Pacini", prima la Commissione costituente

Umbria Jazz Winter # 25, un connubio indissolubile con la Città del Duomo

Quattro giorni nel Villaggio del Teatro con Isola di Confine

"Campioni in Cattedra". I più piccoli intervistano il campione di pallavolo Jack Sintini

Accanto al Duomo, Ippolito Scalza "perde" la testa

Mogol si racconta ad Alessandra Carnevali: "Il mio mestiere è vivere la vita"

Ripartono le attività del Lions Club Orvieto. Anno lionistico 2016/17 dedicato ai giovani

All'Unitre torna "Solo solo canzonette?". La quarta puntata del format è dedicata agli anni '80

Incontro sul Soccorso Alpino e Speleologico Umbria "Sasu" promosso dal CAI

I ladri colpiscono ancora. Nel mirino bar e tabaccherie ai piedi della Rupe

Il Comitato per il No di Parrano diventa sempre più grande

Il patto scellerato

Viabilità, lavori per 250mila euro sulle strade regionali 79 e 61

L'associazione Ippocampo presenta i corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti

Editoria, preadottata la nuova legge regionale. Via alla partecipazione

Nuova seduta per il consiglio provinciale. L'ordine del giorno dei lavori

Tutto pronto per "Zafferiamo". Colori, aromi e sapori invadono Città della Pieve

Umbria Jazz Winter #24, dal 20 ottobre via alle prevendite. Tutto il Programma

Nuove attività all'Unitre. Il plauso del sindaco Gianluca Filiberti

Stella al Merito Sociale al giornalista orvietano Stefano Corradino

Informazione locale, Asu: "Bene la preadozione del Ddl regionale"

"Orvieto sotto le stelle", quaranta auto storiche per la terza edizione

Nuovo incontro ISAO: Agostino Paravicini Bagliani e "Il Bestiario del Papa"

Testate giornalistiche digitali locali, Anso protagonista a Dig.it

Sciopero FS, Trenitalia regionale: "Frecce e servizi locali regolari"

Teatro Null, si riparte. Laboratorio di Teatro al Palazzo della Cultura

Legambiente fa le pulci alla differenziata dell'Umbria. "E i Comuni che fanno?"

Il volo nascosto

Il Grand Tour di Dodecapoli arriva a Vigevano. Ambra Laurenzi e Laura Ricci alla Cavallerizza del Castello Ducale per la rassegna letteraria “Italia Italiae”

Continua la raccolta tappi. I risultati dei primi due anni della benefica iniziativa

Bagni, frazione dimenticata. Grido d'allarme dei Comunisti Italiani: "non c'è più nemmeno il cartello di località!"

Lei lo lascia, lui la insegue, lei chiama il 112. In manette trentottenne di Ficulle per stalking

Approvato il progetto preliminare per i lavori di completamento della Biblioteca "Luigi Fumi"

Energia da fonti rinnovabili, la Giunta individua alcune aree giudicate non idonee alla installazione di impianti

Linux Day #6. Approfondimenti su didattica e sicurezza informatica al Centro Studi

Il Gal Trasimeno-Orvietano finanzia 14 progetti "Cultura che nutre" nelle direzioni didattiche del territorio

Più potere alle donne. A Orvieto forum nazionale delle amministratrici del Partito Democratico

1° Forum nazionale delle Amministratrici democratiche - Programma

Turreni in merito alla falsa lettera attribuita al presidente Frizza: "Sfido il PD a denunciare la mia presunta incompatibilità"

Le produzioni di ArTè. Gli appuntamenti di Ottobre nei vari teatri

Confermare la cassa integrazione alle lavoratrici della Grinta. La CGIL torna sulla vicenda del tessile orvietano

I parlamentari umbri del PD chiedono un rapido intervento del Ministro della Giustizia: "fatti non parole per le carceri umbre"

"Sogni di Autori Vari". Parte il progetto finanziato dalla Fondazione CRO dedicato a ragazzi e ragazze con diversa abilità

"Sogni di autori vari" - Il progetto e le modalità di accesso ai corsi

Una diffusa esigenza di cambiamento

Presentato ad Allerona il progetto Parchi Attivi

Bilancio: Il riequilibrio del poco o niente

Ma secondo il PdL siamo a un passo dal risanamento