cronaca

Forti scosse, il Centro Italia continua a tremare. Chiuse tutte le scuole dell'Umbria

mercoledì 18 gennaio 2017
Forti scosse, il Centro Italia continua a tremare. Chiuse tutte le scuole dell'Umbria

Quattro forti scosse di terremoto sono state avvertite in tutta l'Italia Centrale. Le prime tre tra le 10.25 e le 11.26. La quarta poco dopo le 14.30. La terra ha tremato per diversi secondi anche a Roma. La magnitudo è tra 5.1 e 5.5 . Il sisma è avvenuto tra L'Aquila e Rieti, nella zona di Montereale (AQ), l'epicentro è a una profondità di 9 chilometri. Gli altri comuni vicini (entro 10 chilometri) sono Capitignano, Campotosto, Amatrice e Cagnano Amiterno.

La scosse sono state avvertite in Umbria, Lazio, Abruzzo e Marche. La Regione Umbria ha fatto scattare il protocollo di sicurezza previsto in casi di emergenza sismica riunendo tutti gli enti preposti al Centro regionale di Protezione Civile di Foligno. Per il momento non sarebbero stati registrati danni. La presidente, Catiuscia Marini, ha comunicato la chiusura "per la giornata di domani (19 gennaio 2017), di tutte gli edifici scolastici in Umbria per consentire lo svolgimento delle verifiche di agibilità".

"Dalle informazioni che abbiamo raccolto nel corso del vertice che abbiamo svolto al Centro regionale di Protezione Civile di Foligno, con il Prefetto e il Questore di Perugia, il Presidente della Provincia e tutti i vertici delle forze dell'ordine, dell'Esercito e dei Vigili del Fuoco - srive la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini - , non risultano in Umbria, per fortuna, danni a persone a seguito delle scosse di questa mattina. Ciascuno per le proprie competenze stiamo cercando di fronteggiare al meglio questa doppia emergenza: quella determinata dalle precipitazioni nevose e quella in seguito alle nuove scosse che hanno rinnovato preoccupazione e paura tra i nostri cittadini, soprattutto quelli vicino alle aree dell'epicentro".

"Per questo - spiega la governatrice - abbiamo dato indicazione che tutti i cittadini di queste aree, anche con case agibili, possono richiedere di essere ospitati in strutture alberghiere, rivolgendosi alle rispettive amministrazioni comunali. Inoltre abbiamo dato indicazione di chiusura, intanto per la giornata di domani, di tutte gli edifici scolastici in Umbria per consentire lo svolgimento delle verifiche di agibilità; i Sindaci sono, dunque, invitati ad emettere proprie ordinanze sia per la chiusura degli edifici scolastici sia per la loro riapertura, sulla base delle verifiche effettuate".

RFI, aggiornamento traffico ferroviario post-terremoto

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 febbraio