cronaca

Vertice post-sisma, prioritario rimettere in moto il sistema economico

mercoledì 9 novembre 2016
Vertice post-sisma, prioritario rimettere in moto il sistema economico

"Rimettere in moto il sistema economico della Valnerina il più presto possibile e le norme contenute dai decreti varati dal Governo, e le prime misure adottate dalla Regione Umbria, consentono questa opportunità che deve rappresentare per tutti una priorità”. È quanto ha affermato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, introducendo l’incontro, tenutosi questa mattina al Centro regionale di protezione civile a Foligno, per discutere delle problematiche delle imprese, delle attività produttive e del lavoro connesse agli eventi sismici che hanno colpito l’Umbria e le altre regioni del centro Italia. All’incontro hanno partecipato rappresentanti delle organizzazioni delle imprese, sindacali e alcuni sindaci.

“Il sisma del 24 agosto in Umbria ed in Valnerina soprattutto – ha proseguito Marini -, pur avendo causato danni, non aveva interessato il sistema economico che, invece, con i terremoti di fine ottobre ha subito gravi danneggiamenti diretti ed indiretti in tutti i suoi settori, dall’agricoltura alla zootecnia, dall’industria della trasformazione, al comparto turistico ricettivo, al commercio. Insomma, così come per le abitazioni private, per il patrimonio artistico e religioso, il sisma del 30 ottobre ha radicalmente modificato lo scenario ed il livello dei danneggiamenti che sono andati anche oltre la Valnerina, ed ha interessato molti altri territori della regione”.

Per la presidente “far ripartire l’economia significa far ripartire la vita sociale e comunitaria di questo territorio per evitare, in ogni modo, il suo spopolamento. E per questo è anche indispensabile intervenire sulla rete viaria, anch’essa compromessa duramente dal terremoto”. “Le norme varate dal Governo – ha aggiunto la presidente – prevedono procedure molto più semplici e veloci per ciò che riguarda ogni tipo di impresa e attività economica e le mette nelle condizioni di effettuare interventi urgenti per la messa in sicurezza delle strutture e la ripresa delle attività”.

Ad illustrare le norme nello specifico sono stati il direttore regionale allo sviluppo economico, Luigi Rossetti, ed il responsabile del Dipartimento della Protezione civile regionale, Alfiero Moretti, che ha inoltre informato i presenti sullo stato dell’arte della gestione dell’emergenza e dell’assistenza alle popolazioni.
Secondo la presidente Marini, occorre dunque mettere in campo da subito concrete azioni di sostegno al sistema economico e produttivo, sia per ciò che riguarda imprese e attività economiche sia per i lavoratori.

"La Regione Umbria – ha detto – istituirà uno specifico ‘sportello’ per le imprese e ogni altro soggetto economico nella stessa città di Norcia, per essere ancor più vicina alla comunità ed assistere al meglio tutti i soggetti interessati”.

La presidente ha riferito che la Regione Umbria, insieme alle altre Regioni coinvolte dal sisma, hanno già avanzato al Governo ed alla Commissione europea la proposta di “riprogrammare” le risorse comunitarie dell’attuale programmazione al fine di reperire ulteriori risorse da indirizzare verso le aree colpite dal terremoto.

Nel corso della riunione è stato posto anche il problema del turismo che sta subendo un durissimo colpo, anche in aree non direttamente coinvolte dagli eventi sismici: “per questo settore – ha spiegato la presidente – dobbiamo prevedere misure che agiscano su due fronti paralleli: quello dei danni diretti alle strutture ricettive e della ristorazione in Valnerina, e quello dell’intero comparto turistico-alberghiero di tutta la regione”.

I diversi rappresentanti delle associazioni ed organizzazioni presenti all’incontro hanno sollecitato la presidente Marini affinché si prosegua il confronto avviato e lo si renda – almeno per il prossimo futuro – costante, al fine di poter condividere quanto più possibile le azioni per il rilancio dell’economia della Valnerina e di tutta l’Umbria.

Fonte: Regione dell'Umbria

Sisma, Barberini scrive ad Alfano per temporanea sospensione nuovi arrivi richiedenti asilo in Umbria

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire