cronaca

Geotermia, Brega a difesa del territorio: "Basta giochini, pronto a chiedere il Referendum"

lunedì 19 settembre 2016
Geotermia, Brega a difesa del territorio: "Basta giochini, pronto a chiedere il Referendum"

“Un dovere della politica, etico e morale, rispettare il volere dei cittadini di quei territori. Se invece si vogliono stravolgere queste volontà credo che sia giusto promuovere un referendum per la realizzazione dell’impianto geotermico sull’Alfina”. Il presidente della Commissione ambiente della Regione Umbria, Eros Brega, continua con coerenza ad interpretare il sentimento dei cittadini e a rappresentare quanto deliberato prima dalla Commissione poi votato all’unanimità dal Consiglio regionale come da lui proposto.

“Una battaglia fatta da persone per bene che vogliono tutelare i diritti di tante persone per bene” la definì Brega nella primavera scorsa quando, alla vigilia della discussione in Commissione della “Risoluzione Geotermia”, in un incontro pubblico organizzato dal Pd dell’Alfina aveva condiviso con i cittadini di Castel Giorgio e i rappresentanti dei comitati locali la scelta di predisporre un documento che tutelasse appieno le istanze del territorio.

Oggi le novità arrivano dal Ministero dello Sviluppo Economico che per il 20 settembre ha convocato il primo cittadino di Castel Giorgio per discutere della realizzazione dell’impianto e fornire quelle che sono le sue intenzioni in relazione alla delibera della Regione Umbria che ha rimesso alla decisione dei Comuni la realizzazione dell’impianto.

Un altro passaggio di questa delicata vicenda che sta interessando la comunità castelgiorgese da ormai quattro anni e che ha visto il primo atto concreto in Consiglio regionale grazie all’intervento del Presidente Brega. E’ stato lui a proporre alla discussione in Commissione un documento condiviso e apprezzato dagli stessi comitati che si battono per la difesa del territorio. Un percorso che va necessariamente difeso e ribadito per difendere una fetta dell’Umbria dalla speculazione ambientale.

Stringendo al succo del dibattito: l’argomento ruota tra la sensibilità di difendere il territorio e la necessità della politica di rispettare le legittime richieste di una popolazione. Cosa ne pensa oggi Eros Brega, dopo il voto in Consiglio alla risoluzione della Commissione e l’ultima Delibera di Giunta?
“La prima cosa che ho fatto, come Presidente della Commissione Ambiente: sono andato a Castel Giorgio a confrontarmi con la comunità del luogo ascoltando e recependo le loro preoccupazioni. Ho riportato queste istanze all’interno di un documento altrettanto trasparente, mantenendo gli impegni assunti con cittadini e ottemperando ad esprimere un parere chiaro, netto, inequivocabile e libero. L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha ratificato e adottato all’unanimità, senza emendamenti e voti contrari, una proposta discussa e approfondita in Commissione Ambiente, espressa nella chiarezza di rispondere alla sensibilità dei castelgiorgesi di scongiurare che il territorio sul quale vivono venga compromesso dalla realizzazione dell’impianto geotermico”.

Al voto della “Risoluzione Geotermia” in Consiglio, impostata sulla difesa del territorio e il rispetto delle richieste dei cittadini, è sopraggiunta dopo mesi la delibera della Giunta Regionale che ha trasferito l’ultima parola al confronto MiSe - Comuni. Passo avanti o passo indietro?
“Di fronte ad un tema cosi delicato credo che chi fa politica deve sapersi assumere le proprie responsabilità. Ho fatto miei quei valori che hanno contraddistinto il no alla realizzazione dell’impianto geotermico per tante motivazioni, ma soprattutto perché in quel territorio non si possono imporre delle scelte contro la volontà dei cittadini. Quindi voglio essere ancora più chiaro: se ancora c’è qualcuno che non ha compreso le preoccupazioni e le richieste di chi vive in quella zona dell’Umbria, allora si scelga la via del referendum. Un modo per esprimere in maniera ufficiale la posizione delle popolazioni coinvolte, al fine di trovare una sintesi chiara e trasparente a chi ancora vuole forzare la mano o continua a credere nei giochini”.

Referendum, ovvero: la massima espressione consultiva per dare la possibilità ai cittadini di esprimersi su un argomento. Proporlo in questa fase, alla vigilia dell’incontro Mise - Comune, ha un peso, oltre che evidente, abbastanza determinante. Secondo Eros Brega, cosa dovrebbe accadere in questi giorni e cosa si aspettano le popolazioni dell’orvietano?
“Intanto mi auguro che il sindaco di Castel Giorgio sia determinato nel ribadire la sensibilità dei suoi concittadini senza cambiare di una virgola la posizione del Comune dopo una campagna elettorale che ha confermato su tutti i fronti che la popolazione non vuole questo impianto. Per i castelgiorgesi e per le popolazioni dell’orvietano mi auguro che si dimostri con chiarezza, come abbiamo fatto in Commissione Ambiente, che le istituzioni sono in grado di tutelare i cittadini. Non si può e non si deve tentare di imporre un progetto contro la volontà dei cittadini. Se qualcuno sceglie strade poco chiare, tenta di forzare la mano o cede ai giochini di altri, allora l’unica strada è quella del referendum. L’Orvietano ha pagato e sta pagando un prezzo altissimo in termini ambientali. La geotermia, la realizzazione di certi tipi di impianti per lo sfruttamento delle energie rinnovabili, la questione rifiuti e discarica sono temi aperti e che hanno bisogno di una soluzione. Non possiamo permetterci di appesantire ancora di più un’area già ambientalmente “maltrattata”. Bisogna avviare subito una discussione per rilanciare il territorio, valorizzarne le sue bellezze ed esaltarne le qualità ambientali. E’ inutile fare inaugurazioni e spendere belle parole, i cittadini hanno bisogno di fatti concreti. Oggi siamo di fronte a questa necessità: vediamo chi preferisce tagliare nastri o chi preferisce difendere questi valori. Per questo se oggi sul tema della geotermia c’è bisogno di un atto evidente e pensiamo che il percorso fatto fin qui non sia ancora sufficiente per tutelare i diritti dei territori sono pronto a proporre al Consiglio regionale un Referendum consultivo sulla realizzazione dell’impianto geotermico. Io so chiaramente da quale parte stare, altri si assumano le proprie responsabilità”.


Questa notizia è correlata a:

Geotermia, Brega: “Purtroppo c’è ancora chi parla per interessi. Rispettiamo i cittadini”

Pubblicato da castelgiorgese il 19 settembre 2016 alle ore 12:47
Parole, parole, parole. Quella delibera della giunta non si assume nessuna responsabilità. Il referendum non serve: a giugno TUTTE le forze politiche di Castel Giorgio si sono impegnate ed espresse per il "NO" all'impianto , i cittadini di Castel Giorgio quindi sapevano per chi votavano e la popolazione ha dato un mandato chiaro a chi la amministra: questo impianto non lo vuole. La regione, invece di farne una guerra tra bande pensi piuttosto a dire NO in maniera chiara e seria e la smetta di prenderci in giro.
Pubblicato da Roberto Minervini il 19 settembre 2016 alle ore 20:12
Ringrazio sentitamente Brega soprattutto per la sua coerenza e la sua chiarezza, due qualità che si stanno facendo sempre più rare, abbassandone il profilo, nella politica umbra. Il Referendum può essere una strada, anche se, dopo le tante manifestazioni contrarie della popolazione residente, può sembrare una tardiva formalizzazione di una presa di posizione dei territori fin troppo chiara. Quello che stupisce resta comunque l'inerzia degli enti che hanno potato a questo stato di cose, a cominciare dal MISE la cui Commissione VIA , in palese conflitto d'interessi di alcuni suoi membri ed in via di rinnovamento, continua ad esercitare in eterna "prorogatio" il suo mandato, oppure l'INGV che non ci risulta, nonostante il nuovo direttore, sia stato aperto un fascicolo sui gravissimi conflitti d'interesse sempre legati al progetto Castel Giorgio. Agiamo pure con un referendum sancitorio, ma il problema è che questi impianti non sono sostenibili, specie in un Paese a perenne rischio sismico come il nostro, e frutto di un di una scellerata legge per pochi (Scajola /Berlusconi del 2010) e quindi " il pesce continuerà a puzzare dalla testa". Almeno fino a quando non si metterà mano all'origine di tutto questo: e cioè gli assurdi incentivi pubblici (e non casuali) per questa tipologia d'impianti.
Pubblicato da cittadino il 20 settembre 2016 alle ore 07:12
Ma non e' strano se non sconcertante che il sindaco Garbini a capo di un a amministrazione con evidenti problemi economici vada da solo con il fido Paglialunga eletto coi voti di chi? a Roma al Ministero per un appuntamento cosi decisivo per tutto il Comprensorio senza l'ausilio di nessuno neanche di un legale?
Ma sapremo mai chi davvero e' a favore o contrario a questa Geotermia?

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 ottobre

Mogol si racconta ad Alessandra Carnevali: "Il mio mestiere è vivere la vita"

Ripartono le attività del Lions Club Orvieto. Anno lionistico 2016/17 dedicato ai giovani

All'Unitre torna "Solo solo canzonette?". La quarta puntata del format è dedicata agli anni '80

Incontro sul Soccorso Alpino e Speleologico Umbria "Sasu" promosso dal CAI

I ladri colpiscono ancora. Nel mirino bar e tabaccherie ai piedi della Rupe

Il Comitato per il No di Parrano diventa sempre più grande

Il patto scellerato

Viabilità, lavori per 250mila euro sulle strade regionali 79 e 61

L'associazione Ippocampo presenta i corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti

Editoria, preadottata la nuova legge regionale. Via alla partecipazione

Nuova seduta per il consiglio provinciale. L'ordine del giorno dei lavori

Tutto pronto per "Zafferiamo". Colori, aromi e sapori invadono Città della Pieve

Umbria Jazz Winter #24, dal 20 ottobre via alle prevendite. Tutto il Programma

Nuove attività all'Unitre. Il plauso del sindaco Gianluca Filiberti

Stella al Merito Sociale al giornalista orvietano Stefano Corradino

Informazione locale, Asu: "Bene la preadozione del Ddl regionale"

"Orvieto sotto le stelle", quaranta auto storiche per la terza edizione

Nuovo incontro ISAO: Agostino Paravicini Bagliani e "Il Bestiario del Papa"

Testate giornalistiche digitali locali, Anso protagonista a Dig.it

Sciopero FS, Trenitalia regionale: "Frecce e servizi locali regolari"

Teatro Null, si riparte. Laboratorio di Teatro al Palazzo della Cultura

Legambiente fa le pulci alla differenziata dell'Umbria. "E i Comuni che fanno?"

Il volo nascosto

Il Grand Tour di Dodecapoli arriva a Vigevano. Ambra Laurenzi e Laura Ricci alla Cavallerizza del Castello Ducale per la rassegna letteraria “Italia Italiae”

Continua la raccolta tappi. I risultati dei primi due anni della benefica iniziativa

Bagni, frazione dimenticata. Grido d'allarme dei Comunisti Italiani: "non c'è più nemmeno il cartello di località!"

Lei lo lascia, lui la insegue, lei chiama il 112. In manette trentottenne di Ficulle per stalking

Approvato il progetto preliminare per i lavori di completamento della Biblioteca "Luigi Fumi"

Energia da fonti rinnovabili, la Giunta individua alcune aree giudicate non idonee alla installazione di impianti

Linux Day #6. Approfondimenti su didattica e sicurezza informatica al Centro Studi

Il Gal Trasimeno-Orvietano finanzia 14 progetti "Cultura che nutre" nelle direzioni didattiche del territorio

Più potere alle donne. A Orvieto forum nazionale delle amministratrici del Partito Democratico

1° Forum nazionale delle Amministratrici democratiche - Programma

Turreni in merito alla falsa lettera attribuita al presidente Frizza: "Sfido il PD a denunciare la mia presunta incompatibilità"

Le produzioni di ArTè. Gli appuntamenti di Ottobre nei vari teatri

Confermare la cassa integrazione alle lavoratrici della Grinta. La CGIL torna sulla vicenda del tessile orvietano

I parlamentari umbri del PD chiedono un rapido intervento del Ministro della Giustizia: "fatti non parole per le carceri umbre"

"Sogni di Autori Vari". Parte il progetto finanziato dalla Fondazione CRO dedicato a ragazzi e ragazze con diversa abilità

"Sogni di autori vari" - Il progetto e le modalità di accesso ai corsi

Una diffusa esigenza di cambiamento

Presentato ad Allerona il progetto Parchi Attivi

Bilancio: Il riequilibrio del poco o niente

Ma secondo il PdL siamo a un passo dal risanamento

Meteo

mercoledì 18 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 15.5ºC 72% buona direzione vento
15:00 22.0ºC 34% buona direzione vento
21:00 11.5ºC 78% buona direzione vento
giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.7ºC 58% buona direzione vento
15:00 21.3ºC 35% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 77% buona direzione vento
venerdì 20 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.5ºC 53% buona direzione vento
15:00 21.5ºC 32% buona direzione vento
21:00 11.1ºC 69% buona direzione vento
sabato 21 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.4ºC 49% buona direzione vento
15:00 21.9ºC 42% buona direzione vento
21:00 12.9ºC 86% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni