cronaca

Palazzina inagibile, danni ingenti dopo l'incendio che ha devastato il negozio di abbigliamento

sabato 20 agosto 2016
Palazzina inagibile, danni ingenti dopo l'incendio che ha devastato il negozio di abbigliamento

Vigili del fuoco a lavoro fino a tarda notte per liberare il negozio di abbigliamento dai detriti dell’incendio, poi è stata la volta dei sopralluoghi che nella mattinata di venerdì 19 agosto hanno decretato l’inagibilità della palazzina di due piani travolta dalle fiamme. Vicino all’immobile e nelle strade circostanti si sente ancora l’odore acre dei materiali che le fiamme hanno ridotto in cenere. Sul piazzale sono stati ammassati vestiti, plastica, nylon e cartone bruciati dall’incendio. Delle strutture del negozio di abbigliamento e del magazzino, il luogo dal quale sarebbe partito l’incendio, rimangono delle carcasse di ferraglia e legno.

Un rogo che dalle 17.30 di giovedì ha mobilitato fino a tarda serata le squadre di pompieri di Orvieto, Terni e del Distaccamento viterbese di Latera, oltre ai mezzi della Protezione Civile di Orvieto e Acquapendente, Carabinieri, 118 e Croce Rossa. Dopo i terribili momenti dell’incendio altre squadre specializzate dei vigili del fuoco sono giunte sul posto per mettere in sicurezza il piano terra dell’immobile. Due bobcat cingolati hanno portato fuori i detriti dai locali dove si trovava il negozio mentre altri pompieri continuavano a raffreddare le mura con getti d’acqua. Le operazioni sono durate fino alle tre di notte.

L’area è stata delimitata e venerdì mattina è stata emessa l’ordinanza di sgombero della palazzina. I tecnici dei vigili del fuoco e quelli del Comune di Orvieto per conto della Protezione Civile hanno constatato l’inagibilità dell’immobile: sia del piano terra dove si trovava il negozio di abbigliamento e il magazzino, sia del primo piano dove abitano i proprietari. Nessuna lesione, invece, per l’altra sezione del fabbricato dove vivono i figli. A destare preoccupazione è il solaio della palazzina compromesso dalle alte temperature e dalle fiamme. Per comprendere la gravità delle lesioni sarà, comunque, necessaria un’analisi specifica sulla tenuta delle travi in cemento armato.

 

I pompieri hanno, inoltre, effettuato un primo sopralluogo per tentare di comprendere quale siano state le cause dell’incendio. L’ipotesi, comunque già emersa fin dai primi istanti dell’incendio, è quella di un corto circuito generatosi probabilmente da un sovraccarico elettrico. Proprio nei momenti in cui il corto circuito ha innescato le fiamme che si sono propagate all’interno del magazzino, su Castel Giorgio imperversava un forte temporale tanto che in molte abitazioni vicine a quella dell’incendio sono stati segnalati guasti agli impianti elettrici, ai telefoni ed elettrodomestici vari.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 novembre

Frammenti di esistenze amorose... ovvero l’insopprimibile vizio della vita

Consiglio provinciale: Il mancato numero legale sul bilancio sintomo di evidente debolezza di giunta e maggioranza. Lo dichiara Danilo Buconi

Conclusa la XXII Mostra del Tartufo di Fabro. Video intervista alla vincitrice del "Vanghetto d'Oro e al Sindaco Terzino

370mila euro all'Intercom dell'Orvietano dal Fondo regionale di protezione civile

Caccia e Pesca. Disposizioni per la riconsegna del tesserino e attività di contenimento degli storni

“EstroVersi” mattatori della BTC di Roma

Verso la valorizzazione del Santa Cristina di Porano. Presentata la stagione 2009/2010

Pregiudicato moldavo rintracciato e denunciato dall'Anticrimine del Commissariato

Naturalmente…a cena. Ristorante “I Sette Consoli” e Condotta Slow Food insieme per un convivio biologico e biodinamico. Prenotazioni entro mercoledì

17 novembre. Giornata mondiale degli studenti. Manifestazione ad Orvieto per il diritto allo studio

17 novembre, il perchè di questa data

Sciopero generale studentesco, l'appello italiano di Unione degli Studenti e Link Coordinamento Universitario

Riforma, il ddl Aprea in sintesi

Mostra del Tartufo. Oltre 8mila presenze nell'edizione 2009

Approvato in Provincia l'assestamento di Bilancio. Voto favorevole della maggioranza, no di Pdl e Udc

Approvato il PRG a Porano. Dure accuse dell'opposizione: la nuova amministrazione ha patteggiato con chi tiene sotto scacco un'intera comunità

La lettera d'impegno dei ricorrenti al PRG