cronaca

Gestione delle frane e delle alluvioni, a Orvieto gli esperti della Repubblica della Moldavia

martedì 14 giugno 2016
Gestione delle frane e delle alluvioni, a Orvieto gli esperti della Repubblica della Moldavia

E' composta da ingegneri, geologi, docenti universitari ma anche sociologi e psicologi, la delegazione di otto esperti, provenienti dalla Repubblica della Moldavia che da martedì 14 e fino a domenica 19 giugno è a Orvieto nell’ambito di un progetto europeo coordinato da Alta Scuola, la scuola umbra sul dissesto idrogeologico che ha la sua sede proprio ad Orvieto, sullo scambio di buone pratiche di gestione dei territori fluviali

Quattro di loro appartengono alla State Enterprise Basin Water Management Authority che gestisce la tutela delle acque e la difesa dalle alluvioni per l’intera nazione, due alla Apele Modovei, l’agenzia "Acque della Moldavia", autorità responsabile dell’attuazione della politica statale in materia di gestione delle risorse idriche, idrologia, approvvigionamento idrico e servizi igienico-sanitari, che opera sotto il Ministero dell’Ambiente, un docente della Technical University of Moldova di Chisinau e la presidente dell'associazione non governativa Caroma-Nord che si occupa di ecologia e ambiente, sviluppo umano e integrazione sociale, diritti umani e volontariato.

"Scopo del soggiorno - spiegano dal Comune - è studiare e apprendere le modalità italiane di applicazione delle direttive europee in materia di qualità delle acque e di gestione delle alluvioni, nonché i modelli di intervento e di prevenzione strutturale e non strutturale, di partecipazione e di integrazione delle popolazioni, per la protezione dal rischio idrogeologico e la tutela delle acque, compreso il nuovo strumento dei Contratti di Fiume. Per tutti questi obiettivi sono stati scelti la Rupe di Orvieto e il Bacino del Fiume Paglia, in Umbria, oggetto di importanti interventi sia di difesa dalle frane nel recente passato che di prevenzione dal rischio idrogeologico con particolare riferimento alle alluvioni e al redigendo Contratto di Fiume per il Paglia".

Mercoledì 15 giugno, la delegazione effettuerà un visita tecnica al fiume Paglia e alle opere di difesa idraulica costruite ed in corso di realizzazione sotto la guida del Consorzio di Bonifica della Chiana Romana e Val di Paglia. Giovedì 16 giugno dalle ore 9 nella sala del Consiglio Comunale, parteciperà, invece, ad una conferenza sulla gestione delle alluvioni e delle acque, aperta a tutto il pubblico interessato che vedrà la presenza dell’Unesco, del Ministero dell’Ambiente, di Arpa Umbria, dell’Università di Perugia e dei partner di Alta Scuola nel progetto - Beta Studio di Padova e il Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume. Nel pomeriggio e nella giornata di venerdì 17 giugno, gli esperti saranno ospitati presso la sede del Centro Studi “Città di Orvieto” dove si svolgeranno alcuni laboratori di sviluppo di buone pratiche per acquisire nuovi strumenti utili alle necessità di difesa dalle alluvioni e della qualità delle acque di quei territori.

In particolare, su richiesta della delegazione, sarà approfondito lo strumento del “Contratto di Fiume” per essere esportato in Moldavia. Sabato 18 giugno, infine, dopo l’illustrazione del progetto di Consolidamento della Rupe di Orvieto a cura di esperti della Regione Umbria, gli ospiti saranno accompagnati in un percorso a piedi lungo la Rupe per conoscere i lavori realizzati e le attività di monitoraggio e manutenzione.

“Con questo progetto che vede Orvieto con la sua Rupe e il suo Fiume Paglia al centro di uno scambio internazionale - afferma Endro Martini, Presidente di Alta Scuola – l’Umbria ancora una volta dimostra e testimonia a tutto il Paese il suo buon saper fare in materia di gestione del dissesto idrogeologico, in un momento in cui il livello di attenzione al tema in Italia è decisamente alto e sentito”.

Di seguito, il programma della conferenza sulla gestione delle alluvioni e delle acque in programma per giovedì 16 giugno in Sala Consiliare:

• ore 9:00 – Apertura del lavori con i saluti di benvenuto di:

- Giuseppe Germani - Sindaco di Orvieto

- S.E. Sig.ra Stela Stingaci - Ambasciatrice in Italia della Repubblica di Moldova

- Matteo Tonelli - Presidente della Fondazione Centro Studi “Città di Orvieto”

- Lorenzo Benedetto – Commissione protezione del suolo / Consiglio Nazionale dei Geologi

• ore 9:30 – Prima Parte – Introduce e modera Endro Martini, Alta Scuola

- Michela Miletto, Vice coordinatore programma di valutazione mondiale dell’acqua UNWWAP UNESCO - Fiume e gestione delle risorse idriche: uno sguardo sul mondo

- Elena Bartoli, Segreteria Direzione Generale Salvaguardia Terra e Acqua del Ministero dell’Ambiente (Italia) - Il piano di gestione delle inondazioni nel concorso italiano

- Paolo Angelini, Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, i danni ambientali, UE e Divisione Affare Internazionali III - Affari internazionali italiani Ministero dell’Ambiente - Cooperazione internazionale e integrazione: il caso dei fiumi Roya/Roia e Soca/Isonzo

- Giancarlo Marchetti, Direttore tecnico - Agenzia regionale di tutela ambientale in Umbria ARPA Umbria - Tutela della risorsa idrica: agenzie ambientali regionali, l'esperienza nella Regione Umbria

• ore 11:30 – Seconda Parte

- Adriano Ciani, Dipartimento Agricoltura, alimenti e scienze ambientali dell’Università di Perugia - Agricoltura per lo sviluppo sostenibile dei territori fluviali

- Nicola Berni, Centro funzionale della protezione civile della Regione Umbria / Alta Scuola – Il bacino del fiume Paglia: inondazioni e la gestione delle emergenze

- Agostino Avanzi, Project Manager, Beta Studio srl, Padova - Gestione delle inondazioni nella Repubblica di Moldova . direttiva alluvioni UE

- Alexandru Tabacaru, Autorità della gestione delle acque del bacino della Repubblica di Moldova - Piano di gestione del bacino su fiume Botna: situazione attuale circa le risorse idriche e le inondazioni

- Massimo Bastiani, Coordinatore rete fluviale intelligente EIP Acqua, AG422; Supervisore nazionale EASW del Tavolo Nazionale dei “Contratti di Fiume” - Buona governance dell’acqua e gestione. Contratti di fiume: soluzioni partecipate con la metodologia EASW / European Awareness Scenario Workshop.

I lavori si concluderanno alle ore 13:30.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 dicembre

Anatomia di un addio

Fine settimana da incorniciare per l'Orvieto FC. Palmerini: "Stiamo crescendo"

"Tanto per dire", seconda edizione. Al Liceo Classico "Tacito" torna il corso di dizione

Jazz e strumenti antichi al Museo Archeologico Nazionale in occasione di Ujw

Celebrata la Giornata Garibaldina, in memoria della battaglia di Mentana

Inaugurata la prima area di sgambatura per cani, previste altre due

Denunciata dalla Polizia una giovane pluripregiudicata

Partita la procedura di rilascio del passaporto elettronico

Rischio ghiaccio per i contatori, i consigli per proteggerli ed evitare spese

Umbria.GO raddoppia e si presenta nella versione dedicata ai pendolari regionali

Campagna Ocm Vino 2017/2018, incrementate le risorse a sostegno delle imprese

"Intrecci", inaugurata la scuola di alta formazione della famiglia Cotarella

"Concerto di Natale" nella Sala Unità d'Italia del Palazzo Comunale

"Geotermia a bassa e media entalpia, rischi e conseguenze"

"È nato un Re povero". Rappresentazione nei Giardini di Villa Faina

Presentata l'edizione 2018 della "Guida ai sapori e ai piaceri della regione Umbria" di Repubblica

Vetrya riceve il Premio Imprese per l'Innovazione di Confindustria e il Premio dei Premi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Eletto il nuovo Coordinamento delle Cittaslow Italiane. Barbara Paron al vertice

Il tenente Giuseppe Viviano è il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri

"Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri", il dipinto su tela torna a splendere

Storia e segreti di Palazzo Franciosoni nel volume "Anatomia di un palazzo"

E dico ancora di Bianca

"La Tregua di Natale. Lettere dal Fronte". Lettura ad alta voce in Biblioteca

Nuovo video di Francesco Barberini in Campania con la LIPU

Infiltrazione d'acqua a scuola, le precisazioni del Comune