cronaca

“In queste ore si vive con il terrore sotto gli occhi”

martedì 22 marzo 2016
“In queste ore si vive con il terrore sotto gli occhi”

Francesco Cerasani, segretario del Partito di Democratico di Bruxelles, sarebbe dovuto partire proprio domani mattina con un volo dall’aeroporto di Zaventem diretto a Roma per trascorre la pasqua a Castel Viscardo, paese d’origine della sua famiglia.

“Sicuramente il mio volo sarà annullato, forse riuscirò a tornare in Italia con un’auto insieme ad altre persone, ma sinceramente in questo momento non sappiamo nemmeno com’è la situazione dei trasporti”, dice Francesco Cerasani commentato quanto sta accadendo a Bruxelles a poche ore dagli attentati che hanno sconvolto la città.

“Ovviamente tutte le attività del Parlamento europeo sono state sospese - spiega il 31enne segretario del Pd di Bruxelles -. Sono undici anni che vivo a Bruxelles e conoscono molto bene la città e luoghi in cui sono avvenuti gli attentati. Soprattutto la stazione di metropolitana Maelbeek si trova a metà strada tra la sede del Parlamento Europeo e quella della Commissione. Un luogo molto affollato”.

“Anche noi apprendiamo dai media quello he sta accadendo, dopo le esplosioni la città è blindata - racconta Cerasani -. Per quello che ho potuto vedere in strada, i volti delle persone, si vive un clima surreale, si vive con il terrore sotto gli occhi. Io abito vicino ad un ospedale e da stamani il flusso delle ambulanze e delle sirene non si è mai interrotto. C’è terrore, preoccupazione e ancora non si comprende cosa accadrà nelle prossime ore”.

Commenta su Facebook