cronaca

Via ai lavori di mitigazione del rischio idraulico a Castel Viscardo e Allerona

sabato 19 marzo 2016
Via ai lavori di mitigazione del rischio idraulico a Castel Viscardo e Allerona

Il Consorzio per la Bonifica della Val di Chiana Romana e Val di Paglia, lo scorso mese di febbraio ha consegnato alla ditta appaltatrice i lavori per la mitigazione del rischio idraulico nel territorio dei Comuni di Castel Viscardo e Allerona, che sono iniziati in data 4 febbraio 2016. Gli interventi sono stati finanziati della Regione Umbria per un importo complessivo di Euro 1.300.000,00, nell’ambito degli interventi di mitigazione del rischio idraulico del fiume Paglia definiti a seguito degli eventi alluvionali del novembre 2012.

Di ciò è stata data comunicazione nell’incontro pubblico tenutosi venerdì 11 marzo 2016 alle ore 18:00 presso la sala polivalente di Allerona Scalo, a cui hanno preso parte i Sindaci Daniele Longaroni e Sauro Basili dei Comuni di Castel Viscardo e Allerona, il Presidente del Consorzio Dott. Mario Mori con i tecnici Ing. Rutilio Morandi e Ing. Fabrizio Sugaroni. Nel corso dell’incontro sono state nuovamente illustrate le caratteristiche principali degli interventi che consistono essenzialmente nell’adeguamento dell’arginatura esistente lungo la S.P. 48 e nel suo completamento fino al ponte sul fiume Paglia della stessa strada.

Nella riunione è stato sottolineato che l’obiettivo prioritario degli interventi è quello di mitigare il rischio idraulico con riferimento alla piena con tempo di ritorno 200 anni e quindi tutelare l’incolumità delle persone e salvaguardare gli insediamenti degli abitati di Pianlungo e Allerona Scalo. Durante l’incontro è stato evidenziato come, insieme ai sopra richiamati lavori, nell’ambito del progetto definitivo degli stessi, sono stati approvati, ottenendo tutte le necessarie autorizzazioni, anche i primi interventi di sistemazione idraulica del tratto del fiume Paglia ricadente nel territorio dei Comuni di Castel Viscardo e Allerona e consistenti in opere di stabilizzazione dell’alveo e opere di protezione spondale, lavori che potranno essere eseguiti non appena sarà individuato e concesso il relativo finanziamento.

Nella stessa assemblea è emersa la necessità di progettare, ad integrazione degli interventi sistematori dell’asta del Paglia, opere sistematorie e di regimazione anche sugli affluenti Rivarcale, Romealla, per raggiungere un maggior grado di sicurezza nei confronti del rischio idraulico, ritenendo opportuno inserire tale previsione progettuale nell’ambito del Contratto di Fiume, tra i cui promotori figurano i Comuni di Castel Viscardo ed Allerona e il Consorzio.

Commenta su Facebook