cronaca

Sulla Geotermia Brega ci mette il punto: “Lavoriamo per dare giusto riconoscimento a richieste dei cittadini”

venerdì 12 febbraio 2016
Sulla Geotermia Brega ci mette il punto: “Lavoriamo per dare giusto riconoscimento a richieste dei cittadini”

A Castel Giorgio è il giorno delle nuove speranze sul futuro della realizzazione dell’impianto geotermico. Le parole del presidente della Seconda Commissione dell’Assemblea legislativa della Regione Umbria, Eros Brega, intervenuto nell’affollata riunione pubblica organizzata dal Circolo del Partito democratico di Castel Giorgio, hanno tracciato una rotta chiara verso quelle che potranno essere le intenzioni del Consiglio regionale umbro in merito alla questione geotermia.

Nel luogo simbolo dell’area artigianale La Torraccia, dove è stata progettata la realizzazione dell’impianto, tantissime persone provenienti da Castel Giorgio e dai comuni limitrofi hanno manifestato, al fianco delle istituzioni intervenute, la loro contrarietà a un progetto che stravolgerebbe le peculiarità di un vasto territorio compreso tra Umbria e Lazio.

A raccogliere l’appello contrario dei cittadini e ad evidenziare la trasversalità di una battaglia per il bene delle comunità che vivono nell’area dell’Alfina sono stati i sindaci di Castel Viscardo, Daniele Longaroni, di Allerona, Sauro Basili, di Acquapendente, Alberto Bambini e il presidente del Consiglio Comunale di Orvieto, Angelo Pettinacci. Chiara e netta l’opposizione al progetto del Partito democratico di Castel Giorgio, dell’Orvietano e della Provincia di Terni negli interventi di Simone Cinque e Raffaele Fiani per il Pd locale, Andrea Scopetti segretario di Orvieto e Carlo Emanuele Trappolino segretario del Ternano.

Fondamentale, come ribadito da tutti, il ruolo svolto in questi anni dai comitati per la salvaguardia del territorio che sono stati rappresentati dal Professor Roberto Minervini nell’intervento che ha aperto l’incontro. Minervini ha ripercorso le tappe dell’impegno civico ponendo al presidente Brega la necessita che in questa fase tutta la Regione Umbria sia dalla parte dei cittadini per il bene comune.

A confermare la vicinanza e l’impegno personale alle comunità dell’Alfina è stata l’Onorevole del Partito democratico, Alessandra Terrosi. La parlamentare, ricordando la sua intensa attività al fianco dei cittadini e dei comitati locali, ha voluto rappresentare quanto è alto il pericolo che corre il territorio di fronte alla realizzazione dell’impianto. “Una minaccia da scongiurare e combattere”, ha detto Terrosi, nell’intenzione di salvaguardare “l’agricoltura, l’ambiente, il turismo, le peculiarità territoriali e le prospettive di sviluppo compatibile dell’intera area. Soprattutto per salvaguardare il futuro di tutti noi e dei nostri figli”.

Diretto e schietto il presidente della Seconda Commissione dell’Assemblea legislativa della Regione Umbria, Eros Brega il quale ha aperto il suo intervento ringraziando: “chi fino a oggi ha avuto la forza di resistere. Tutte quelle persone, comitati, partiti politici e istituzioni che hanno tenuto alta la tensione”. Non è mancata la stoccata ai vertici dell’Itw-Lkw, “Quello che ha scritto Righini - ha detto Brega - oltre a non essere rispettoso per la sua persona non è rispettoso verso le istituzioni di questo Stato e di questa Regione. Per questo abbiamo sostenuto la necessità di valutare se procedere nelle sedi competenti verso le esternazioni di questa persona”.

“Prima di tutto - ha ribadito con chiarezza Brega - Non ci dobbiamo nascondere che su questa vicenda c’è un parere tecnico regionale. Ma con altrettanta franchezza vi dico che la politica non si deve sottomettere ai tecnici. La politica deve svolgere il suo ruolo, deve ascoltare i cittadini e decidere per la tutela dei loro diritti. Però sappiamo bene che non dobbiamo abbassare la guardia”.

Facendo riferimento alla necessità di mantenere la giusta attenzione sulla questione geotermia, Brega ha sottolineato come: “Da parte mia, dei consiglieri regionali e della Presidente Marini c’è la chiara intenzione di lavorare affinché la comunità che oggi è rappresentata in questa sala abbia il giusto riconoscimento dei proprio diritti. Detto questo sappiamo tutti che ci sarà da tenere costantemente d’occhio la situazione ricordandoci che non è una battaglia di colore politico, ma una battaglia fatta da persone per bene per tutelare i diritti di tante persone per bene”.

“La Regione - ha proseguito Eros Brega - saprà tenere conto di quanto oggi ho ascoltato dai cittadini in questa importante assemblea organizzata dal Pd di Castel Giorgio. E con serenità lunedì porterò in Commissione la proposta di impegno sulla questione geotermia. Mi auguro che con la più larga maggioranza ci assumeremo la responsabilità politica di rappresentare il mandato e le richieste che ci sono state affidate dai cittadini di Castel Giorgio, dell’intero territorio Orvietano e di tutti i comuni coinvolti. Se in Consiglio regionale ci saranno undici persone che su questa questione la pensano come me potete stare tranquilli che le vostre richieste avranno il giusto riconoscimento”.

 

di: Circolo Pd Castel Giorgio


Questa notizia è correlata a:

Geotermia, il Ministero dell’Ambiente ora vuole vederci chiaro sul pericolo inquinamento

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 febbraio

Viola le misure di prevenzione, nei guai un 48enne

Al via le iscrizioni per i nuovi primi livelli Ais

Incontro su "Territorio e sviluppo con i bandi comuni. Immigrazione e sicurezza"

Passeggiata ecologica a risparmio energetico per "M'illumino di meno"

La Zambelli Orvieto si gode il momento, parola di Jasmine Rossini

Paletti, budini e borberi anti-estetici, il Circolo Sel "perplesso e deluso"

A Palazzo Orsini, le "Frequenze" di Stefano Cianti & Tony Ranocchia

I tassisti rilanciano con il Comune: "Ora il servizio di radio-chiamata”

Barberini rassegna le dimissioni. "E' venuto meno il rapporto fiduciario"

A colloquio con Maurizio Galimberti, dalle più grandi gallerie d'arte a "Mutamenti 2016"

Entra in vigore a marzo la nuova disciplina di turnazione dei Taxi

"Nessuno tocchi i lupi". Più di 3500 firme per la petizione per salvare lupi e cani randagi

Marini dispiaciuta ma intenzionata a fare chiarezza

Flamini (Prc): "Si dimetta anche la Marini, elezioni subito"

Differenziata vicino al 65% per i Comuni dove Cosp ha avviato il porta a porta

In corso all'Ambasciata d'Italia a Praga il confronto con i tour operator cechi

Continuano le aggressioni dei lupi. Per la Cia è allarme rosso in tutta la regione

Sel: "Non ci interessano i giochi di potere dentro il Pd, ma il diritto alla salute"

Prorogato il termine per le domande di iscrizione all'Elenco regionale delle imprese

Il giorno della civetta

Kino-Workshop, al Centro Viva si proietta "Film Blu"

Ciprini (M5S): "Priorità ai cittadini e non alla spartizione delle poltrone"

La Terra del Sorriso, una "Comunità Ospitale" ai limiti del Comune...

Non paghiamo le tasse al nero