cronaca

Terzo Calanco, le carte al vaglio della Commissione parlamentare d'inchiesta

lunedì 9 novembre 2015
Terzo Calanco, le carte al vaglio della Commissione parlamentare d'inchiesta

Una terza interdittiva antimafia del prefetto De Miro nel panorama dei rifiuti umbri. Questa volta il provvedimento colpisce Gest, il consorzio composto al 70 per cento da Gesenu e dalle sue partecipate (Tsa, Sia, Ecocave). Il ruolo del gruppo è quello di raccolta e smaltimento dal Trasimeno al Perugino. Un vero colosso che serve 24 comuni della provincia e più di 300mila abitanti. Gest è il gestore degli impianti di Pietramelina, Borgogiglione, Olmeno e Ponte Rio. Interdittive erano già arrivate per Gesenu ed Ecoimpianti. Quest’ultima, completamente controllata da Gesenu, gestisce la raccolta di rifiuti in una quindicina di comuni della Sardegna.

Il presidente del collegio dei revisori dei conti di Gesenu, Pietro Pennacchi, ricopriva lo stesso ruolo in Gest e si è dimesso da entrambi i ruoli. La prefettura ha messo sotto la lente le richieste di informazioni antimafia per uno dei contratti dell’Ati2 e per quello del Comune di Massa Martana, un totale di quasi 30 milioni di euro.

Intanto la vicenda Gesenu e il problema rifiuti in Umbria saranno al vaglio della commissione parlamentare d’inchiesta. Il senatore della Lega Nord, Paolo Arrigoni, da tempo ha chiesto e ottenuto l’inserimento della “questione Umbria” all’interno dell’attività della Commissione parlamentare d’inchiesta che si occupa delle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e illeciti ambientali ad esse correlati. “Era il mese di giugno – dichiara il senatore Arrigoni – quando ho inoltrato la segnalazione all’Ufficio di presidenza della Commissione, chiedendo di aprire un focus sul filone rifiuti in Umbria in relazione all’apertura del terzo calanco della discarica Le Crete di Orvieto. Da mesi, quindi, è stato attivato un percorso di raccolta elementi e approfondimenti sul tema. Ora la questione, sempre su mia segnalazione, si è allargata alla vicenda Gesenu e alla gestione delle due discariche di Pietramelina e Borgogiglione correlata con possibili infiltrazioni mafiose nel territorio. A breve verrà svolta una “mission” in Umbria, indirizzata a far luce sulla vicenda e individuare responsabilità”.

Sulla questione è intervenuto anche l’altro senatore della Lega Nord, Stefano Candiani: “La vicenda Gesenu non è niente riguardo a quella che sta emergendo in merito alla gestione dei rifiuti e delle due discariche. La Lega Nord lo ha dichiarato in campagna elettorale e in questo senso non faremo un passo indietro: andremo fino in fondo alla questione, chiedendo che si faccia chiarezza in relazione ad una politica malsana, tipica di amministrazioni Pd, che non fa gli interessi dei cittadini e la cui gestione del ciclo dei rifiuti è condizionata da condotte criminali”.

 

Fonte: UmbriaDomani.it

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 febbraio

Giulio Scarpati all'Unitre. Con Valeria Solarino al Mancinelli per "Una giornata particolare"

Cede una porzione di muro, tecnici della Provincia al lavoro sulla SP 31

Ultima settimana di scuola aperta all'Istituto Artistico, Classico e Professionale

Al Palazzo del Gusto, corso di qualificazione professionale per sommelier Ais

Final Four Under 18 Eccellenza, la finale sarà Ellera-Todi

Anteas e Gruppo Famiglie Parrocchia S.Anna promuovono l'incontro "Invecchiare bene"

Lancia una bottiglia contro il muro del commissariato, denunciato un 37enne

Anche il Comune di San Venanzo aderisce a "M'illumino di meno"

Visite guidate a "San Giovenale. La chiesa e il quartiere nell'Orvieto medioevale"

Provincia, la Rsu chiede certezza su servizi, personale e bilancio

Emanuele Carelli presenta la raccolta di poesie "Celeste come i cieli"

Ridistribuite le deleghe, fino a nuove determinazioni

Il Tar conferma l'aumento della litigiosità tra cittadino e pubblica amministrazione

Campo da calcio di Ciconia "in abbandono", la Uisp fornisce chiarimenti

Proposta di legge sull'ambiente, prosegue in tutta l'Umbria la raccolta firme

A "Cinema intorno al mondo", è la volta di "Lagos. Notes of a city"

Vinti: "Le dimissioni scoperchiano la pentola del conflitto interno al Pd"

Tecnici Enel al lavoro, traffico interrotto in Via Magalotti

Umbria e Orvieto protagoniste a Praga. Intensa l'attività per rafforzare relazioni e progetti

Comune spento per "M'illumino di meno". Gli interventi per razionalizzare i consumi energetici

Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"