cronaca

Poste italiane e la chiusura degli uffici nei piccoli borghi: una storia tutta italiana

martedì 17 febbraio 2015
di Angelo Pettinacci - Presidente Consiglio Comunale di Orvieto
Poste italiane e la chiusura degli uffici nei piccoli borghi: una storia tutta italiana

Credo che siamo tutti d'accordo nell'essere preoccupati per la paventata futura chiusura dell' Ufficio Postale di Sugano, e solidali con tutte quelle frazioni Orvietane, come ad esempio Canale, che hanno subito già lo stesso trattamento.

Nessuno dei commentatori intervenuti fino ad oggi ha cercato però  seriamente di capire e trattare l'origine del problema.  Può essere utile a capire ed affrontare il problema uno dei tanti articoli della stampa riguardo la "Privatizzazione delle Poste", ad oggi comunque non ancora avvenuta.

Poste Italiane è una società di proprietà del Ministero del Tesoro che gestisce il servizio postale italiano, ma che si occupa anche di raccogliere il risparmio dei privati (... in modo non troppo diverso da una banca) e di offrire servizi assicurativi (... in modo non troppo diverso da una banca). â€¨
Secondo il Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF) la vendita delle quote di Poste Italiane potrebbe fruttare tra i 4 e i 4,8 miliardi di euro da utilizzare per ridurre di circa lo 0,45% il debito pubblico (Sic!).
 Entreranno nel azionariato investitori istituzionali (banche, fondi pensioni, fondi di investimento), in piccola percentuale i dipendenti ed infine per la parte restante la cosiddetta clientela “retail” (cioè gli altri investitori privati).


Poste Italiane è una società che conta circa 145 mila dipendenti e 24 miliardi di euro l’anno di fatturato. Di questi, soltanto un quinto arriva dall’attività postale vera e propria e tutto il resto deriva invece dall’attività finanziaria (tutte le attività che fa Banco Posta, come ad esempio le attività assicurative). L’utile netto è pari a 1 miliardo, ma bisogna considerare che ogni anno la Cassa Depositi e Prestiti (CDP, una specie di grande banca semi-pubblica), paga alle Poste 1,6 miliardi come “commissione” per poter gestire il risparmio raccolto da Poste Italiane.
 L’operazione di vendita è però una “privatizzazione anomala”. Lo Stato mantiene il controllo della società, mentre ai privati viene richiesto di entrare nel capitale, ma senza poter prendere decisioni e guidare l’azienda. Quello che i privati otterranno saranno i dividendi delle azioni. In cambio del versamento di 4-5 miliardi, potranno contare sul 40 per cento dell'utile netto prodotto. â€¨

Secondo alcuni commentatori del settore finanziario l’operazione, ricordo ancora ad oggi nell' agenda Governativa, non renderà affatto più efficiente il mercato. 
Poste Italiane gode al momento di una situazione privilegiata rispetto ai suoi competitors (sia quelli che effettuano servizi postali sia quelli che effettuano servizi bancari e assicurativi). Come suddetto Poste gode di un rapporto privilegiato con la CDP e riceve varie compensazioni pubbliche. Tutti questi fattori, segnalati sia dall’Antitrust che dalla Commissione Europea, rendono Poste Italiane un’azienda che produce utili grazie ad una posizione forte e privilegiata nel mercato e che la rende quindi, potenzialmente, un’azienda poco efficiente.


Ma se il Governo ha intenzione di venderne una parte per fare cassa, non può modificare nessuno di questi privilegi, altrimenti rischia di pregiudicare la redditività dell’azienda e scoraggiare gli investitori a partecipare all’acquisto. D’altro canto, mettere in vendita un’azienda che fa redditività grazie a sconti e altri aiuti pubblici rischia di non rendere il mercato più efficiente. â€¨

Come riassume Ugo Arrigo, professore di economia all’università Bicocca di Milano: "La redditività delle Poste si basa su tre pilastri fondamentali, nessuno dei quali è di mercato: compensi pubblici per la raccolta del risparmio, compensazioni pubbliche per il servizio universale ed il fatto di svolgere servizi bancari utilizzando personale che gode di un contratto molto meno favorevole di quello dei bancari. Poiché solo lo Stato può garantire la permanenza nel tempo di questi tre pilastri, la privatizzazione parziale avrebbe per oggetto non un’azienda di mercato bensì un’azienda a redditività di Stato". 

Detto questo credo che la politica dovrebbero prima porsi una domanda ed individuata la risposta, lavorare per una soluzione adeguata. Le Poste Italiane devono tornare ad avere una funzione di "servizio pubblico" come in passato o devono essere privatizzate seriamente e stare alle regole del mercato ? In sintesi, visto che Poste ha da tempo intrapreso la via del "mercato" e visto che i ricavi per buona parte gli derivano dalla attività bancaria/assicurativa, è chiaro che le scelte di mercato sono quelle che la guidano nelle decisioni e cioè: se un punto vendita è in perdita si chiude !.

Inoltre, se Poste è una azienda che sta sul mercato mi sembra fuori mondo pensare che un Ente come la Regione possa proporsi di offrirgli locali a fitto zero per restare aperti. E perché allora non pagare i fitti anche alle filiali nei piccolissimi borghi italiani che Bcc, Casse Rurali, Casse di Risparmio e piccole Popolari tengono ancora aperte ?!

Allora, a parer mio, cosa dovrebbe fare un' Amministrazione e la politica. Lavorare con le Associazioni rappresentanti la società civile ed i cittadini per far crescere il tasso di bancarizzazione (in sintesi insegnare e far abituare i cittadini - in particolare la popolazione più matura - ad usare una carta bancomat/postamat, a canalizzare le proprie utenze, a canalizzare pensioni/stipendi). Con una popolazione nelle piccole frazioni più bancarizzata sarebbe più facile per le Amministrazioni e per la politica sollecitare banche e poste ad istallarvi dei bancomat evoluti. 

A quel punto il disagio riveniente dalla chiusura di Uffici Postali nelle piccole frazioni sarebbe ridotto al minimo ed il servizio ai cittadini comunque assicurato.

Verini (Pd): "No a tagli. ottenuto impegno a confronto preventivo con regioni ed enti locali”

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 ottobre

La lotta all'ictus per tutta l'Umbria riparte da Orvieto

Il Teatro Comunale "Accademia degli Avvaloranti" alza il sipario sulla nuova stagione

Dalla Tuscia all'Amiata, fino in Val d'Orcia. Dove l'autunno si lascia gustare

Olio protagonista con "Frantoi Aperti". Fiumi di oro verde irrigano l'Umbria

La valutazione dell'annata olearia 2016, la vicinanza della Regione al comparto

Dei fiori e di ricordi

Orvieto Fc, vittoria in rosa contro Agello

"Scantinate nel borgo". Tre giorni da bere, tra cantine aperte e sapori tipici

L'Umbria da Papa Francesco. Anche San Venanzo partecipa al pellegrinaggio giubilare

La "Fiera della Castagna e dei Prodotti Tipici della Montagna" compie trent'anni

Ad Ospedaletto gli "Amici del Monte Peglia" organizzano la Fiera della Castagna

Umbria Jazz Winter, aperte le prevendite. Ecco chi arriva a fine anno

Via libera all'accordo di programma per nuovi servizi sanitari. Investimenti per oltre 33 milioni di euro

Ad Orvieto Scalo apre "Rosso Vivo". Nuova pizzeria nei locali dell'ex Coop

A cena con Paci e Ceccherini, a Porta d'Orvieto arriva "La Iena del Don Matteo"

"Tutti per uno". Pranzi e cene di solidarietà nel Lazio per ricostruire l'Alberghiero di Amatrice

Vetrya Orvieto Basket all'esordio casalingo in campionato

Manutenzione in arrivo sulle strade comunali, ecco i centri abitati e zone esterne interessate

"La salute è servita. Come è cambiata la mensa scolastica". In distribuzione l'opuscolo informativo

Gnagnarini fa chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune

Di Girolamo ufficializza le dimissioni in Consiglio provinciale

A Caprarola via al ciclo "Esodi". Per parlare di migrazioni, accoglienza e integrazione

In basilica concerto dalla Banda Musicale della Polizia di Stato

"Lago nostro, futuro nostro". Proiezione al Museo della Navigazione delle Acque Interne

"AironeLab: adotta un laboratorio. C'è bisogno di te!"

Manutenzione stradale, presto i lavori. Approvato l'odg presentato da Luciani

Polemiche sui conguagli in bolletta, la Sii chiarisce i contorni della vicenda

Al Museo del Fiore, per imparare a costruire una mangiatoia per gli uccellini

Vendemmia amorosa

In 500 tra volontari e disabili Unitalsi per la Giornata del Malato

Due solitudini e un abito. La sartoria di Pino Strabioli e Alice Spisa convince il Mancinelli

Alzheimer: una lotta contro la disabilità. Un convegno per comprenderlo

Gli allievi dei corsi estivi ospiti a Milano della stagione concertistica di Casa Verdi

Vergaglia (M5S) interroga l'assessore su sviluppo e marketing territoriale per Bardano

Assegnato a Robert Triozzi il premio internazionale "The heart before all"

Linux Day 2014. Il 25 ottobre la giornata dedicata al software libero ed open source.

Di odio si muore tutti

Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

Pregiudicato denunciato. In macchina aveva un coltello da 25 centimetri

Microchip gratuito per cani, l'iniziativa del Comune a favore degli amici a quattro zampe

A caccia di fantasmi nel Castello di Alviano

Il Centro di documentazione contribuisce al festival di scambio e formazione

Motori caldi per la 27esima Mostra mercato nazionale del tartufo e dei prodotti agroalimentari di qualità

Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

L'Orvietana non regge il passo della capolista, all'Amerina i tre punti

Domenica di amarezze: il Ciconia ritrova la via della sconfitta

Riesce l'iniziativa "Puliamo la Piave", ma è polemica su un mandorlo tagliato

Grande domenica di festa per l'Orvieto Basket

Vittorio Franchetti Pardo presenta il volume "La cattedrale di Orvieto: origine e divenire. Scritti editi e inediti"

Dal Prusst 625 mila euro da destinare alla realizzazione del Parco Urbano del Paglia

Gli studenti puliscono e riscoprono un tratto della "Selciata dei Cappuccini"

In barba al commissario

Tagliare, sanare o lasciare: è il giorno dell'improrogabile Consiglio del riequilibrio. Mercoledì 20 ottobre Orvietonews.it seguirà la seduta con frequenti flash in diretta

Sul concerto anche un'interrogazione della consigliera Belcapo

Orvieto e il suo Bilancio

20 ottobre 2010 - Flash dal Consiglio Comunale. La relazione del Sindaco Concina - Disavanzo 2010 a 9 milioni e mezzo di euro da sanarsi con alienazioni. Iter ex Piave da definirsi entro il 2011. Derivati.

L'intervento del Presidente del Consiglio Comunale. Frizza annuncia il suo voto favorevole al bilancio e al documento di Concina

Gli assenti

Alcuni interventi e la replica del sindaco

Dichiarazioni di voto. Tonelli vota a favore e strappa il documento del centro sinistra. Passano le linee programmatiche 11 a 6

Flash dal Consiglio Comunale. Il Bilancio dell'assessore Romiti. Passa il Bilancio e l'anatra zoppa non c'è più

LINUX DAY 2010 - sabato 23 ottobre al Centro Studi. Linux e Scuola per un "cantiere di libera cultura"

"La serva padrona" di Giovanni Battista Pergolesi al Santa Cristina di Porano sabato 23 ottobre

"Il PDCI e il centro sinistra espellano i consiglieri favorevoli alla Giunta Concina": duro dissenso della segreteria provinciale di PRC

Ambiente. 150 studenti di Narni in visita all'Oasi di Alviano

Le linee di indirizzo per il risanamento del Comune di Orvieto

Il PD Orvieto si prepara all'espulsione di Frizza e Meffi: "Finalmente il Partito Democratico può ripartire da una base di maggiore chiarezza"

Un Assessore in mezzo ai giovani

De Sio: "La maggioranza conseguita è il frutto di un'assunzione piena di responsabilità"

Meteo

venerdì 20 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.7ºC 67% buona direzione vento
15:00 21.6ºC 42% buona direzione vento
21:00 12.0ºC 77% buona direzione vento
sabato 21 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.7ºC 57% buona direzione vento
15:00 21.8ºC 46% buona direzione vento
21:00 13.1ºC 91% buona direzione vento
domenica 22 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.0ºC 81% buona direzione vento
15:00 18.7ºC 75% buona direzione vento
21:00 10.4ºC 86% buona direzione vento
lunedì 23 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 13.3ºC 51% buona direzione vento
15:00 16.1ºC 27% buona direzione vento
21:00 8.3ºC 57% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni