cronaca

Galanello: "Decisione inaccettabile, la giunta regionale intervenga sul Governo"

giovedì 12 febbraio 2015
Galanello: "Decisione inaccettabile, la giunta regionale intervenga sul Governo"

“L'unilaterale e inaccettabile decisione di Poste italiane di chiudere in Umbria 15 uffici postali e diminuire giorni e orari di apertura in altri 17, tutti situati in aree marginali, colpisce migliaia di cittadini socialmente più deboli, imprese e istituzioni locali”. Così i consiglieri regionali Manlio Mariotti e Fausto Galanello (PD) i quali annunciano la presentazione di una interrogazione urgente con la quale si chiederà all'Esecutivo regionale di sollecitare il Governo nazionale ad intervenire nei confronti di Poste italiane perché “sia rivista la politica irrazionale di tagli e 'pseudo' razionalizzazioni di servizi essenziali per le comunità”.

Mariotti e Galanello rilevano inoltre che le logiche che hanno ispirato Poste italiane ad operare tali scelte sono di carattere “superficialmente economicistico e assolutamente estranee a un criterio che, nel caso di servizi essenziali quali quelli postali, deve essere di ottimale equilibrio tra efficienza ed economicità, e benefici per la collettività di cittadini e imprese. Soprattutto – sottolineano - per quelle fasce di popolazione o gruppi di imprese che vivono ed operano in aree deboli. La politica di Poste italiane, infine – concludono Mariotti e Galanello -, è in netta e stridente contraddizione con gli indirizzi europei, nazionali e regionali che ispirano l'utilizzo dei fondi europei nella programmazione comunitaria 2014-2020 che hanno tra gli altri obiettivi qualificanti anche lo sviluppo e la qualificazione delle aree interne, marginali e meno strutturate da un punto di vista socio-economico, e dei servizi alle persone”

Commenta su Facebook