cronaca

Guasto sulla Direttissima. I pendolari chiedono conto dei disagi

giovedì 23 ottobre 2014
Guasto sulla Direttissima. I pendolari chiedono conto dei disagi

Pendolari sul piede di guerra per i disagi causati da un guasto sulla Direttissima che ha comportato la soppressione di alcuni treni. Nello specifico, non sarebbero state aperte le porte di due treni provenienti dall'Umbria, fermi in stazione di Orte, mentre sulla banchina i pendolari infreddoliti continuavano ad ammassarsi in attesa di un treno che li portasse a Roma. Al punto che su quanto accaduto, il Comitato Pendolari di Orte ha chiesto conto alle istituzioni e a Trenitalia.

"Sono stati soppressi - si legge nel messaggio inviato - il RV 21631 e l’IC 531 in partenza da Orte rispettivamente alle ore 07:17 e 8:16. Il CoPeo evidenzia il comportamento irresponsabile messo in atto da Trenitalia che non ha autorizzato la fermata straordinaria a Orte del RV2479 e del RV2481. Il RV2479 è rimasto fermo in stazione ad Orte, ma non ha aperto le porte, nonostante ci fosse un centinaio di pendolari sulla banchina in attesa del RV 21631. Facciamo presente alle istituzioni ed a Trenitalia che non è stato previsto alcun servizio sostitutivo e che la gente è stata letteralmente lasciata sulla banchina, senza alcuna motivazione.

Siamo stanchi di essere trattati come bestiame da riversare da un treno ad un altro, senza la minima valutazione sulle conseguenze in termini di sovraffollamento. Chiediamo di avere un trattamento dignitoso e di non subire, in caso di emergenza, decisioni che possano avere ripercussioni anche sull’incolumità degli utenti. Restiamo in attesa di conoscere la giustificazione dell’accaduto e le responsabilità. Per il prosieguo chiediamo di avere rassicurazione che, in condizioni analoghe, vengano prese delle misure a salvaguardia della sicurezza e qualità del servizio. Invitiamo le istituzioni ad avanzare richiesta analoga a Trenitalia a difesa dei propri concittadini pendolari. Siamo stanchi di essere trattati in questa maniera. La misura è colma".

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire