cronaca

Raid di portafogli e borse a Orvieto scalo, prese due ladre che utilizzavano anche dei bambini per avvicinare le vittime

giovedì 21 agosto 2014
Raid di portafogli e borse a Orvieto scalo, prese due ladre che utilizzavano anche dei bambini per avvicinare le vittime

Non serviva certo la conferma “operativa” per aggiungere altri episodi alla lista dei reati che sembrano intensificarsi nella zona di Orvieto scalo. Le preoccupazioni degli abitanti della zona segnalate a Orvietonews, ma da tempo ormai questione di reale dominio pubblico, hanno purtroppo ritrovato conferma nell’episodio che si verificato ieri mattina nella zona della Coop, in via Angelo Costanzi.

In questi giorni di maggiore affluenza estiva, dovuta anche all’effetto Folk Festival, a spostarsi verso Orvieto non sono stati soltanto i turisti e agli appassionati di musica, ma anche chi da questa “massiccia presenza” di persone trova spesso la possibilità di mettere in pratica i propri progetti malavitosi. Si tratta dei falsi medicanti, borseggiatori e ladri che in mezzo alla folla riescono a colpire con estrema velocità e a dileguarsi.

E’ chiaro che ogni luogo molto frequentato è l’ideale per mettere in pratica questi piccoli furti, e così è stato ieri mattina. Ma la presenza costante delle forze dell’ordine nella zona di Orvieto scalo è stata determinate per bloccare due donne che poco avevano rubato il portafogli di una signora appena uscita dalla Coop.

Le ricerche - come riferisconono fonti dei militari dell'arma - sono scattate non appena una donna, che stava facendo la spesa nel centro commerciale di via Costanzi, è stata avvicinata da queste donne che insieme a loro avevano anche una bambina. Il “gancio” (purtroppo questo è il vero dramma della vicenda) è stata proprio la ragazzina che si è avvicinata alla vittima. Una volta che le donne hanno raggiunto la vittima hanno impiegato un attimo a sfilarle il portafoglio dalla borsa. La donna, però, si è accorta è ha subito chiamato i carabinieri che in poco tempo, grazie anche alla descrizione della vittima, sono riuscite a intercettare le due ladre che avevano ancora il portafogli con loro.

Le donne, insieme alla minorenne, sono state portate in caserma e denunciate a piede libero. Non è escluso che le due donne possano aver effettuato anche altri furti sia nella mattinata di oggi (21 agosto) o nei giorni precedenti. Il tempestivo intervento dei carabinieri è stato determinate per fermare le ladre, a dimostrazione che una presenza costante nell’area di Orvieto scalo sia, aldilà delle necessità politiche e ministeriali, una soluzione reale al contrasto della criminalità cittadina.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 novembre

Frammenti di esistenze amorose... ovvero l’insopprimibile vizio della vita

Consiglio provinciale: Il mancato numero legale sul bilancio sintomo di evidente debolezza di giunta e maggioranza. Lo dichiara Danilo Buconi

Conclusa la XXII Mostra del Tartufo di Fabro. Video intervista alla vincitrice del "Vanghetto d'Oro e al Sindaco Terzino

370mila euro all'Intercom dell'Orvietano dal Fondo regionale di protezione civile

Caccia e Pesca. Disposizioni per la riconsegna del tesserino e attività di contenimento degli storni

“EstroVersi” mattatori della BTC di Roma

Verso la valorizzazione del Santa Cristina di Porano. Presentata la stagione 2009/2010

Pregiudicato moldavo rintracciato e denunciato dall'Anticrimine del Commissariato

Naturalmente…a cena. Ristorante “I Sette Consoli” e Condotta Slow Food insieme per un convivio biologico e biodinamico. Prenotazioni entro mercoledì

17 novembre. Giornata mondiale degli studenti. Manifestazione ad Orvieto per il diritto allo studio

17 novembre, il perchè di questa data

Sciopero generale studentesco, l'appello italiano di Unione degli Studenti e Link Coordinamento Universitario

Riforma, il ddl Aprea in sintesi

Mostra del Tartufo. Oltre 8mila presenze nell'edizione 2009

Approvato in Provincia l'assestamento di Bilancio. Voto favorevole della maggioranza, no di Pdl e Udc

Approvato il PRG a Porano. Dure accuse dell'opposizione: la nuova amministrazione ha patteggiato con chi tiene sotto scacco un'intera comunità

La lettera d'impegno dei ricorrenti al PRG