cronaca

Vandalismo e reati, giro di vite della Polizia: beccate due zingare che rubavano al Superconti di Orvieto Scalo

venerdì 15 agosto 2014
Vandalismo e reati, giro di vite della Polizia: beccate due zingare che rubavano al Superconti di Orvieto Scalo

Forze dell’Ordine in campo per rendere sicure il ferragosto orvietano. Dopo i vari episodi di vandalismo e furti gli agenti di Polizia del Commissariato di Orvieto hanno messo in campo un servizio speciale per controllare il territorio comunale nell’intenzione di fermare i l’escalation di reati avvenuti in questo ultimo periodo.

I controlli hanno dato i suoi frutti, specialmente nella zona di Orvieto Scalo dove, purtroppo, si starebbero concentrando il maggior numero di reati. Infatti nei giorni scorsi i poliziotti della volante della squadra anticrimine, diretti dal sostituto commissario Walter Fabbri, hanno fermato due donne di origine bosniaca fuori dal supermercato Superconti di Orvieto Scalo nel quale avevano appena commesso un furto.

Entrambe sulla trentina d’anni erano abbastanza conosciute agli archivi delle forze dell’ordine, tanto che su una pendeva una denuncia per reati contro la persona commessi nella zona di Bologna e per la quale era ancora ricercata. L’altra invece, che non mancava di avere vari precedenti per reati contro il patrimoni, in realtà era quella che aveva commesso il furto all’interno del superercato. Riuscendo a nascondere circa 200 euro di beni alimentari sotto i vestiti è uscita dalle casse pagando solo due oggetti. Di fronte al supermercato, oltre alla sua complice, ha incontrato anche i poliziotti che l’anno fermata e perquisita.

Tutta la merce è stata sequestrata e poi riconsegnata al Superconti, mentre la donna è stata denunciata a piede libero per furto. Nello stesso contesto dei controlli speciali la Polizia ha fermato circa una quarantina di autovetture e controllato una sessantina di persone. Il sostituto commissario Fabbri fa sapere che i controlli proseguiranno per tutto il week end di ferragosto con l’intento di rendere sicure le ferie dei turisti e degli orvietani.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 gennaio