cronaca

Nasconde al fisco 10milioni di euro, Commercialista beccato dalla Finanza

giovedì 19 giugno 2014
Nasconde al fisco 10milioni di euro, Commercialista beccato dalla Finanza

Utilizzo di denaro contante e operazioni frazionate per un importo complessivo superiore ai 10 milioni di euro: a farne le spese, ancora una volta, un professionista ternano il quale, in barba alla normativa antiriciclaggio, non osservava i più elementari obblighi imposti dalla legge quali quelli della registrazione e della adeguata verifica della clientela nonché l’invio della segnalazione di operazioni sospette all’Unità di Informazione Finanziaria (U.I.F.) della Banca d’Italia.

Ad accertarlo i Finanzieri del Nucleo di polizia Tributaria della Guardia di Finanza i quali, nel corso di una verifica fiscale condotta nei confronti di una società ternana, operante nel settore dei trasporti, contestavano, al fianco di rilevanti violazioni fiscali anche una celata ed anomala operatività, connessa ad un utilizzo per così dire disinvolto di denaro contante ovvero al frazionamento di operazioni commerciali di rilevanti importi, in buona parte riconducibili ad un vorticoso giro di false fatturazioni. Scattava così il controllo antiriciclaggio nei confronti del commercialista Ternano, nel corso del quale emergevano tutta una serie di operazioni economico-commerciali sospette riconducibili non solo alla società verificata, ma anche ad altre attività, per una cifra totale di oltre 10.000.000 di euro. Operazioni che venivano poste in essere con il benestare del professionista e che probabilmente lo hanno reso noto nell’ambiente.

A rivolgersi a lui, infatti, anche 3 società cooperative con sede a Roma e Milano e 2 ditte individuali con sede a Pavia tutte, guarda caso, operanti nel settore dei trasporti. Grazie alla sua “consulenza” passavano per buone operazioni che prevedevano un consistente e disinvolto utilizzo di denaro contante, operazioni vietate, frazionate e comunque sproporzionate rispetto al profilo economico delle società coinvolte in palese contrasto sia con le norme previste dalla vigente legislazione antiriciclaggio di cui al D. Lgs n.231/2007 e per le quali sono stati emanati, adottati e periodicamente aggiornati su proposta dell’U.I.F. dal Ministero della Giustizia degli indici di anomalia proprio per valutare procedure commerciali sospette.

Il professionista in questione, tra l’altro, segnalato all’Autorità Giudiziaria per aver violato gli obblighi di registrazione sul prescritto registro antiriciclaggio dovrà ora attendere dal Ministero dell’Economia l’irrogazione delle relative sanzioni amministrative con importi che potranno raggiungere il 40% dell’importo totale delle operazioni non segnalate.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 febbraio

Giulio Scarpati all'Unitre. Con Valeria Solarino al Mancinelli per "Una giornata particolare"

Cede una porzione di muro, tecnici della Provincia al lavoro sulla SP 31

Ultima settimana di scuola aperta all'Istituto Artistico, Classico e Professionale

Al Palazzo del Gusto, corso di qualificazione professionale per sommelier Ais

Final Four Under 18 Eccellenza, la finale sarà Ellera-Todi

Anteas e Gruppo Famiglie Parrocchia S.Anna promuovono l'incontro "Invecchiare bene"

Lancia una bottiglia contro il muro del commissariato, denunciato un 37enne

Anche il Comune di San Venanzo aderisce a "M'illumino di meno"

Visite guidate a "San Giovenale. La chiesa e il quartiere nell'Orvieto medioevale"

Provincia, la Rsu chiede certezza su servizi, personale e bilancio

Emanuele Carelli presenta la raccolta di poesie "Celeste come i cieli"

Ridistribuite le deleghe, fino a nuove determinazioni

Il Tar conferma l'aumento della litigiosità tra cittadino e pubblica amministrazione

Campo da calcio di Ciconia "in abbandono", la Uisp fornisce chiarimenti

Proposta di legge sull'ambiente, prosegue in tutta l'Umbria la raccolta firme

A "Cinema intorno al mondo", è la volta di "Lagos. Notes of a city"

Vinti: "Le dimissioni scoperchiano la pentola del conflitto interno al Pd"

Tecnici Enel al lavoro, traffico interrotto in Via Magalotti

Umbria e Orvieto protagoniste a Praga. Intensa l'attività per rafforzare relazioni e progetti

Comune spento per "M'illumino di meno". Gli interventi per razionalizzare i consumi energetici

Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"