cronaca

Quell'angolo che il "guardo esclude" e i pericoli fa aumentare

mercoledì 18 giugno 2014
di G. An.
Quell'angolo che il "guardo esclude" e i pericoli fa aumentare

La modifica della viabilità cittadina ha sicuramente i suoi ideatori, i suoi padri, i suo esecutori e i suoi controllori. Ma su questo non è il caso di fare polemica, sia chiaro! Probabilmente è il caso di ragionare se l’attuale sistema della viabilità del centro storico è pressoché sicuro in ogni sua diramazione. 

Probabilmente nel momento in cui si sono invertiti i sensi di marcia e si è scelto di entrare in Piazza della Repubblica esclusivamente da via Loggia dei Mercanti, la valutazione sulla sicurezza stradale è stata oggetto di lunghi approfondimenti. Si sarà preso in considerazione anche il fatto che i maggiori flussi veicolari diretti al centro transitano costantemente di fronte all’ingresso delle scale mobili e sull’unica via di accesso agli ascensori. Strade strette come del resto quelle di ogni centro storico che si rispetti.

Ma questo non deve distogliere l’attenzione dal garantire, anche con i mezzi di dissuasione e visione oggi a disposizione, la sicurezza per gli automobilisti e i pedoni che percorrono le strade del centro cittadino. E’ per questo motivo che camminando e guidando per la città ci si è accorti di qualche leggerezza che, probabilmente, potrebbe essere superata.

Il caso è quello di Via Ascano Vitozzi e Via di Piazza del Popolo, nell’intersezione tra il Grand Hotel Italia e il Ristorante l’Ancora. Percorrendo in automobile il passaggio obbligato da Piazza Vitozzi verso Piazza del Popolo ci si deve incuneare nella pericolosa strettoia di via Ascanio Vitozzi, per poi uscire su via Di Piazza Del Popolo e girare a sinistra per trovarsi di fronte alla mole del palazzo. Su questo incrocio di vie, però, sarebbe il caso di porre maggiore sicurezza per l’incolumità dei pedoni.

L’angolo del palazzo dell’hotel, di fatto copre completamente la visuale degli automobilisti che si immettono su via di Piazza del Popolo e, inoltre, se l’automobile è di una certa dimensione bisogna allargarsi verso il ristorante per completare la manovra. Purtroppo è completamente impossibile vedere se da Piazza del Popolo ci sono pedoni che percorrono il vicolo cercando di raggiungere il Corso. Insomma, bisogna imparare ad ascoltare il rombo della auto che si avvicinano per evitare che succeda il peggio, in quanto gli automobilisti possono vedere chi cammina in via di Piazza del Popolo solo nel momento che hanno varcato l’angolo dell’hotel.

Sarebbe sinceramente il caso di posizionare almeno uno specchio sul muro del palazzo in corrispondenza con via Ascanio Vitozzi per permettere agli automobilisti di vedere i pedoni che si stanno avvicinando. Si tratta, probabilmente, di un’azione abbastanza semplice che non prevede chissà quale percorso burocratico. Basta un semplice gesto per salvaguardare ancor di più l’incolumità delle persone ed evitare che possa succedere qualcosa.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno