cronaca

Muore travolto dal treno, è giallo sul perché l'uomo si trovava lungo i binari

sabato 14 giugno 2014
Muore travolto dal treno, è giallo sul perché l'uomo si trovava lungo i binari

La magistratura di Terni ha aperto un fascicolo per fare chiarezza sulla morte del trentaduenne di origine pakistana, A. H. T. le sue iniziali, che intorno alle 22 di sabato 7 giugno venne travolto e ucciso da un treno che dalla stazione di Orvieto viaggiava verso Firenze. 

L’incidente era avvenuto nel tratto ferroviario tra le stazioni di Orvieto e Allerona, proprio nella zona industriale di Bardano a poca distanza dallo stabilimento della Tione. Secondo quanto avverrebbero parzialmente ricostruito gli inquirenti, in quanto altre verifiche sulla dinamica sono ancora in corso, il trentaduenne si trovava proprio sul bordo dei binari e stava camminando quando è sopraggiunto il treno che lo ha travolto.

Il pakistano, secondo i documenti rinvenuti nelle sue tasche al momento della prima ispezione cadaverica effettuata sul posto dagli agenti della Polizia ferroviaria e dagli uomini della scientifica del Commissariato di Orvieto, proveniva da un centro di accoglienza di Roma, ma non sembra essere facile comprendere i motivi che lo avevano portato nella zona di Orvieto.

Soprattutto per gli inquirenti diventa fondamentale riuscire a comprendere come mai l’uomo stava camminando, nel pieno della notte, lungo i binari della ferrovia in un tratto decisamente isolato e lontano sia dalla stazione ferroviaria di Orvieto, sia da quella di Allerona. La magistratura, infatti, non sembra escludere la possibilità che l’uomo sia arrivato nella zona dell’Orvietano a bordo di un treno e poi sceso. Forse perché aveva delle “faccende” da sbrigare in zona? Oppure perché era stato scoperto senza biglietto e fatto scendere?

Dalla Procura di Terni pare siano state disposte delle attività di accertamento per scongiurare qualsiasi coinvolgimento di altre persone nella tragica vicenda. L’altra perplessità, inoltre, è legata alla dinamica dell’incidente. Non pare così certo il fatto che l’uomo camminasse in direzione Allerona, ma invece verso Orvieto o addirittura era fermo in prossimità di un traliccio della ferrovia e sia stato tradito dallo spostamento d’aria del passaggio del treno che lo ha risucchiato addosso al convoglio. Intanto la salma dell’uomo è ancora deposta presso l’obitorio dell’ospedale di Orvieto.

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio