cronaca

Aumentano tariffe e tempi di percorrenza dei treni, i pendolari non ci stanno

venerdì 24 maggio 2013
Aumentano tariffe e tempi di percorrenza dei treni, i pendolari non ci stanno

A fronte dell'aumento di ulteriori 10 euro per l'abbonamento mensile intercity, pari a 163 euro al mese, aumentano anche fin oltre 1 ora e venti i tempi di percorrenza dei treni Intecity. Sembra inoltre che dal prossimo 9 giugno peggioreranno anche orari e dei tempi di percorrenza degli ultimi due treni in orario accettabile per i pendolari.

"Stiamo parlando - precisa in una nota stampa il Comitato pendolari Roma-Firenze -  dell'IC della mattina (IC 581) che parte da Chiusi alle ore 7:10 e da Orvieto alle 7.30 e del suo corrispondente al ritorno alle 18:15 da Roma (IC 596). Con il nuovo orario a fronte di 15 minuti di anticipo i treni fermeranno a Orte, uscendo dalla direttissima, ma arriveranno a Roma più tardi dell'orario attuale. Sulla tratta Roma Firenze - aggiunge il Comitato - i pendolari sono letteralmente abbandonati. Gli unici due treni con tempi di percorrenza decenti utilizzati da centinaia di lavoratori e studenti che partono da Arezzo, Chiusi, Orvieto avranno tempi di percorrenza di un'ora e tredici minuti trasformandosi, nei fatti, in regionali (tempi di percorrenza per Chiusi sulla carta 1:31 ma nei fatti 1:45) e quelli che vengono chiamati "regionali veloci" sono in realtà treni locali con tempi di percorrenza che superano l'ora e cinquanta". 

Di fronte a questa situazione il Comitato pendolari Roma-Firenze ha chiesto l'intervento dell'assessore ai trasporti dell'Umbria e della Toscana. "È necessario un intervento tempestivo - conclude - siamo di fronte ad una situazione assurda, costi di lusso per un trasporto che non arriva invece ad assicurare nemmeno standard minimi di vivibilità".

Commenta su Facebook