cronaca

Cronoprogramma dell'esercitazione

giovedì 23 maggio 2013

ore 18,00 - presso l'ex Caserma Piave inizia la seduta formativa per volontari e operatori.
ore 23.10 - RFI/Rete Ferroviaria Italiana, dopo aver verificato la salita sul treno di tutti i figuranti con l'ausilio del personale di Protezione Aziendale comunica al Dirigente Centrale Operativo di Firenze CM che il treno è pronto a partire dalla stazione di Orvieto (binario dispari).
ore 23,30 - RFI/Rete Ferroviaria Italiana informa il Dirigente Centrale Operativo DCO di Firenze CM del treno fermo in galleria "Castiglione" sul binario dispari con la testa del treno in prossimità del cippo km 104+000 (circa 250 m all'interno) per un urto del mezzo di trazione con la linea di contatto e con detriti in corrispondenza dell'imbocco nord della galleria, richiedendo l'intervento dei soccorsi. Il personale del treno attiva le procedure previste.
ore 23,31 - RFI informa il Dirigente Centrale Coordinamento Movimento di Firenze CM interrompendo l'invio dei treni verso la galleria per inoltrarli sulla linea "lenta" e chiedendo l'immediata interruzione della tensione e la messa a terra della tratta 1° Bivio Orvieto Sud / Posto Comunicazione Civitella d'Agliano. Avvisa i Vigili del Fuoco, il Servizio 118, la Polfer, la Protezione Civile Regionale, la Prefettura di Terni ed attiva il flusso di notizie previsto dal Piano Emergenza Interno della galleria. Valuta la necessità di attivare altri referenti aziendali. Avvisa i Capi Impianto Lavori, Trazione Elettrica / Sotto Stazione Elettrica e i Capi Reparto Esercizio Infrastruttura interessati.
ore 23,35 - RFI attua la procedura prevista per la disalimentazione e messa a terra dei binari Pari/Dispari della tratta interessata.
I Vigili del Fuoco dispongono l'invio presso la Piazzola di Emergenza di una o più squadre con mezzi adeguati, unità di comando avanzato ed attrezzature idonee al soccorso. Vengono pre-allertate le strutture del Sistema Regionale di Protezione Civile oltre al Sindaco del Comune di Orvieto (o suo delegato).
Il Servizio 118: invia mezzi di soccorso dall'Ospedale di Orvieto. Il medico giunto sulla Piazzola di Emergenza attende l'autorizzazione all'ingresso nel convoglio.
Viene allertato il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, avvisato il Prefetto e allertate le Forze di Polizia (Questura, Carabinieri, Guardia di Finanza, Forestale e Polizia Stradale), Provincia di Terni e Comune di Orvieto fornendo loro indicazioni utili.
Sul posto interviene la Polizia Ferroviaria per coordinare le attività di ordine pubblico, censimento degli incolumi ed investigazione in area ferroviaria.
Il Comune di Orvieto in raccordo con la Sala Operativa Unica Regionale di Protezione Civile invia un team avanzato di valutazione e pre-allerta e organizzazioni di volontariato locali. La Questura: invia un rappresentante per il coordinamento delle Forze dell'Ordine. La Polizia Stradale invia sul luogo un proprio rappresentante per il coordinamento della viabilità generale dell'area circostante l'evento. Carabinieri, Guardia di Finanza, Forestale inviano proprie risorse per collaborare ai soccorsi, rapportandosi con la Questura.
Giungono sul luogo Vigili del Fuoco, Forze dell'Ordine e Protezione Civile definiscono i compiti per la regolazione della viabilità lungo le principali vie di accesso ed alla Piazzola di Emergenza, a cui segue il montaggio delle strutture di soccorso ad uso i componenti della squadra del 118 partita dall'Ospedale di Orvieto
ore 0,01 - in base alla richiesta del Direttore Tecnico del Soccorso dei Vigili del Fuoco, RFI conferma la disalimentazione e messa a terra della linea aerea dando il nulla osta all'ingresso delle squadre di soccorso nella galleria. Gli automezzi dei Vigili del Fuoco si schierano su area individuata e il Direttore Tecnico del Soccorso provvede all'ingresso in galleria per la ricognizione subordinando all'esito della stessa l'accesso degli altri Vigili del Fuoco.
INIZIA L'INTERVENTO TECNICO URGENTE
ore 0.10 - in base alle informazioni assunte tramite il team di valutazione avanzato viene chiesto alla Sala Operativa Unica Regionale di Protezione Civile un supporto di volontari per l'assistenza alle persone coinvolte nell'incidente; inoltre la Protezione Civile territoriale predispone l'illuminazione all'interno della galleria e nelle aree esterne.
ore 0.15 - il personale dei Vigili del Fuoco e del 118 raggiunge a piedi il treno fermo in galleria superando il punto d'impatto e rapportandosi con il capotreno e il macchinista per acquisire informazioni sulla situazione a bordo. Il Medico del 118, autorizzato dal Direttore Tecnico del Soccorso dei VVF entra nel convoglio per una valutazione sullo stato dei coinvolti nell'incidente. Ravvisata quindi la necessità di allestire un Punto Medico Avanzato, chiede al coordinamento del volontariato dell'Orvietano l'ulteriore invio di volontari e la presenza di psicologi; attiva inoltre la Croce Rossa Italiana di Orvieto, il raggruppamento Misericordie e le altre organizzazioni presenti sul territorio.
ore 0.20 - per il coordinamento dei soccorsi viene istituito un Posto di Comando Avanzato presso i locali dell'Ufficio Movimento di Orvieto Sud.
ore 0.25 - in base della valutazione effettuata, il medico Coordinatore Sanitario del 118 chiede alla Sala Operativa Unica Regionale di Protezione Civile un supporto di ulteriori ambulanze mediante l'attivazione del Modulo Sanitario Regionale e la presenza del Responsabile del Pronto Soccorso e 118 di Terni. Intanto all'interno della galleria, il Servizio 118 effettua il primo triage sui passeggeri. La Sala Operativa Unica Regionale attiva con urgenza immediata le componenti del Modulo Sanitario Regionale reperibili per fronteggiare l'emergenza.
ore 0.30 - la squadra di ricognizione e la squadra di attacco comunicano al Posto di Comando Avanzato gli approntamenti tecnici necessari per l'accesso all'area rossa e definisce il quadro sanitario. Terminata la prima fase del soccorso tecnico urgente, i Vigili del Fuoco autorizzano l'ingresso senza particolari prescrizioni nella galleria da parte dei soccorritori del 118, Protezione Civile e Polfer, al fine di prestare assistenza agli illesi e ai feriti lievi.
ore 0.30 - la Prefettura di Terni dirama le informazioni ai mass media intervenuti sul posto. Giungono anche i sanitari del Modulo Sanitario Regionale del 118 ed i volontari attivati dalla Protezione Civile del Comune di Orvieto che si schierano in attesa di ricevere istruzioni.
ore 0.30 / 2.00 - I soccorritori del 118 stabilizzano i feriti più gravi e procedendo a loro trasporto al Posto Medico Avanzato attrezzato nell'area di triage presso l'imbocco nord della galleria.
ore 0.35 - dai contatti tra Sale Operative, personale del Tronco Lavori e Personale di Condotta il treno viene dichiarato non rimorchiabile, né è possibile procedere ad affiancamento di un secondo treno sull'altro binario. Situazione che viene rappresentata al Direttore Tecnico del Soccorso per le decisioni da prendere sul salvataggio/assistenza degli incolumi.
ore 0.35 - il Servizio 118 inizia le attività legate al triage esterno nell'area di accoglienza al di fuori dell'area di sedime ferroviario predisposta dalla Protezione Civile comunale.
ore 0.40 - Mentre procedono le operazioni di soccorso sanitario DTS (VVF) il Direttore Tecnico del Soccorso darà disposizioni per l'evacuazione assistita del treno, chiedendo il supporto delle Forze dell'Ordine e dei volontari della Protezione Civile presenti e per l'illuminazione del percorso in galleria.
ore 0.45 - il personale di Protezione Civile, aiutato dal personale del treno, agevola l'esodo dalla galleria assistendo le persone e percorrendo a piedi il marciapiede lato binario dispari.
ore 0.45 - viene chiesta l'attivazione dei pullman per il trasporto delle persone coinvolte.
ore 01.00 - viene comunicata la conclusione dell'intervento di attrezzaggio della galleria per l'avvio dell'evacuazione.
ore 01.20 - assistiti da Protezione Civile e Forze dell'Ordine presenti all'imbocco della galleria, i primi viaggiatori incolumi raggiungono la Piazzola di Emergenza e vengono assistiti ed identificati. L'esodo assistito delle persone coinvolte fino al successivo trasferimento in autobus alla stazione di Orvieto. Il Servizio 118 dispone che colori i quali presentano condizioni più gravi vengono trasferiti tramite al Presidio Ospedaliero di Orvieto, mentre i codici bianchi vengono inviati in apposita area di accoglienza ed incontro con lo psicologo.
ore 02.15 - Accertata la completa evacuazione della galleria da parte dei figuranti e di tutti gli altri soggetti coinvolti nell'esodo nonché dei materiali utilizzati, i VVF ne danno comunicazione al referente RFI. Il Direttore Tecnico del Soccorso comunica (per iscritto) al Capo Reparto Territoriale Movimento di Arezzo che la galleria è sgombra da personale e mezzi e che nulla-osta alla rialimentazione e riattivazione di entrambi i binari P/D.
TERMINA l'INTERVENTO TECNICO URGENTE
ore 02.16 - viene autorizzato il controllo dello stato infrastrutturale Trazione Elettrica della galleria da parte degli Agenti Manutenzione, dall'imbocco nord fino al convoglio fermo.
ore 02.30 - in base agli esiti delle verifiche e della comunicazione da parte del Direttore Tecnico del Soccorso dei VVF viene dichiarata la conclusione dei soccorsi
ore 02.32 - il Capo Reparto Territoriale Movimento di Arezzo comunica con dispaccio al Dirigente Centrale Operativo il nulla osta alla rialimentazione della linea.
ore 02.34 - si avvia la procedura di rialimentazione della linea aerea.
ore 03.11 - si autorizza l'Agente Manutenzione Lavori ad eseguire la visita della linea dall'imbocco nord fino al convoglio fermo.
ore 3.33 - verificato che la sede sia sgombra da detriti di frana e percorribile in sicurezza dal treno ed acquisito il nulla osta del Funzionario della Polfer presente sul luogo che non vi sono impedimenti sul tratto dall'imbocco della galleria al treno, viene data comunicazione al Dirigente Centrale Operativo di Firenze che nulla osta alla riattivazione dei binari interrotti.
ore 03.34 - viene autorizzata ripartenza del treno in Direttissima fino a Roma.
ore 03.40 - si accerta la completa liberazione dell'area di triage presso il 1° Bivio Orvieto Sud.
ore 03.45 - il Dirigente Centrale Coordinamento Movimento Firenze CM comunica il termine dell'esercitazione

 

 


Questa notizia è correlata a:

Esercitazione di protezione civile, emergenza simulata nella galleria ferroviaria 'Castiglione'

Commenta su Facebook