cronaca

Prestanomi e sedi fittizie: le Fiamme Gialle di Orvieto scovano evasione fiscale per oltre 5 milioni di euro

martedì 15 novembre 2011
Prestanomi e sedi fittizie: le Fiamme Gialle di Orvieto scovano evasione fiscale per oltre 5 milioni di euro

La Guardia di Finanza di Orvieto ha accertato ricavi non dichiarati al Fisco per oltre cinque milioni e mezzo di euro e una imposta sul valore aggiunto evasa di circa 800mila euro, al termine di una serie di accertamenti su due società riconducibili a un soggetto campano, con sede tra Roma e il circondario Orvietano, di cui l'amministratore era un prestanome rumeno domiciliato ad Orvieto.

Le indagini hanno riguardato un sistema di frode relativo agli anni 2007 e 2008, e sono state intraprese dai Finanzieri di Orvieto, a seguito della individuazione di un rumeno di 60 anni, domiciliato e con interessi ad Orvieto, che risultava essere l'amministratore di una serie di società attive nel settore del commercio di autoveicoli e del campo immobiliare.

La circostanza è apparsa da subito inverosimile stante le scarse disponibilità finanziarie e patrimoniali del rumeno; i finanzieri hanno approfondito la situazione ed hanno appurato che le società di cui risultava rappresentante, pur avendo un consistente giro d'affari e pur avendo operato su tutto il territorio nazionale, erano inadempienti agli obblighi fiscali per non aver presentato dichiarazioni fiscali, nascondendo così ricavi per 5,5 milioni di euro e per non aver evidenziato iva per 800mila euro. Risultava altresì che le società erano in realtà riferibili a un operatore economico della provincia di Napoli e che questi, per evitare le azioni di recupero da parte del Fisco delle imposte non versate, non solo aveva nominato il rumeno come amministratore di comodo in quanto nullatenente, ma aveva anche spostato fittiziamente la sede della società in un negozio di mail box.

Sono già in corso le ulteriori attività da parte della Guardia di Finanza di Napoli e Roma, per addivenire al recupero delle somme non versate da parte del vero proprietario delle aziende.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità