cronaca

Cinque clandestini abbandonati e un romano con intenzioni suicide salvati dalla Polstrada sulla A1

mercoledì 20 luglio 2011
di M.R.
Cinque clandestini abbandonati e un romano con intenzioni suicide salvati dalla Polstrada sulla A1

Nella notte tra martedi 19 e mercoledi 20 luglio, alla centrale operativa della Polizia Stradale di Orvieto, è giunta una chiamata che segnalava, presso l'area di servizio Ritorto, la presenza di alcuni uomini, forse stranieri, a piedi.

Dopo un primo passaggio della pattuglia in servizio nel tratto che non aveva notato però nulla di strano sul posto segnalato, un secondo passaggio degli agenti ha permesso di rintracciare cinque uomini, tra cui un sessantenne sorretto dagli altri perché non in grado di camminare autonomamente, che si aggiravano nei presso dell'area segnalata.

I cinque, tre afghani, un palestinese e un tunisino, per nulla in grado di parlare né italiano né inglese, si sono fatti capire a stento dagli agenti lasciando intendere di essere stati scaricati lì. Portati in caserma e rifocillati, i cinque, grazie all'aiuto di un interprete, hanno spiegato di aver viaggiato su un mezzo forse diretto a Milano, guidato da persone che non hanno mai visto, che poi li hanno abbandonati in quell'area. Accompagnati, come di prassi, alla Questura di Terni, quattro di loro hanno dichiarato di essere in fuga dalla guerra e per loro si sono attivate quindi le procedure di protezione prevista. Il tunisino, invece, risultato già reimbarcato, è stato denunciato ai sensi della nuova normativa di accesso sul suolo italiano.

Nel pomeriggio di lunedi 18 luglio, gli agenti della Polstrada di Orvieto hanno tratto in salvo un 36enne romano, sposato, commerciante, trovato steso e sanguinante a bordo di una autovettura lungo un'area di sosta della A1. La vettura, a dire il vero, era stata notata parcheggiata già di mattina, ma senza nessuno a bordo. Verso le cinque del pomeriggio, durante un nuovo passaggio della pattuglia, gli agenti hanno invece scorto all'interno un uomo.

Sui sedili, steso, insanguinato gli agenti hanno trovato il 36enne in stato di semincoscienza. Immediatamente soccorso l'uomo ha dichiarato di essere stato aggredito da alcune persone con le quali aveva un appuntamento in quel luogo ma senza fornire agli agenti motivo dell'incontro. Così ha raccontato, non senza contraddizioni, di essere stato sedato e condotto nella boscaglia dove si sarebbe procurato i graffi e i tagli ai polsi e all'addome. Le troppe contraddizioni nel racconto dell'uomo hanno condotto il sostituto procuratore dott. Monteleone, titolare del caso, e il sostituto commissario Spagnoli, comandante della Stradale, ad approfondire l'interrogatorio in caserma, dopo che l'uomo aveva ripreso conoscenza.

Qui il romano è crollato e ha confessato di essersi inventato tutto. Il suo era stato un tentativo di suicidio dovuto al momento difficile che stava passando in famiglia, tentativo sventato dagli agenti che lo hanno trovato a bordo dell'auto.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità