cronaca

"La nostra è una piazza di protesta, non di proposta". No dei pendolari alla sosta a pagamento alla Stazione

venerdì 15 luglio 2011
di Monica Riccio
"La nostra è una piazza di protesta, non di proposta". No dei pendolari alla sosta a pagamento alla Stazione

"La nostra è una piazza di protesta, non di proposta. Non spetta a noi proporre". E' racchiusa in questa frase tutta l'amarezza e la consapevolezza di essere al centro di un "affare economico", la protesta dei pendolari orvietani e non, che questa sera si sono dati appuntamento a Piazza della Repubblica per manifestare contro l'introduzione della sosta a pagamento al Piazzale della Pace.

Non ci stanno e non ne vogliono sapere di dover pagare per lasciare le proprie auto. Non ci stanno e lo hanno chiaramente affermato in una piazza attenta e partecipe.

In piazza c'è chi viene a prendere il treno a Orvieto da Porano, Castel Giorgio, Castel Viscardo, perfino da Acquapendente. C'è chi lascia Orvieto alle cinque della mattina per farvi ritorno, quando va bene, solo nel tardo pomeriggio. C'è un buon numero di cittadini che va a "produrre reddito altrove e torna a spendere a Orvieto", qualcuno ha detto in uno dei numerosi interventi. C'è qualche cittadino che passa e si ferma a vedere che succede, c'è il consigliere regionale Fausto Galanello, a dimostrare la propria vicinanza ai propri concittadini. Non c'è, o almeno non lo abbiamo visto, nessuno del Palazzo.

La protesta è contro la sosta a pagamento, ma anche contro il primo cittadino, accusato di aver sposato la causa dei propri concittadini pendolari in campagna elettorale per poi dimenticarsene in mandato. La protesta, perchè di protesta si è trattato, con cori e rumorose manifestazioni di dissenso, si è poi spostata sulle scale del portone principale del Comune, in Via Garibaldi. Ma dentro non c'è nessuno. Gli uffici sono chiusi e non c'è nessuno a rispondere al malcontento di questa fetta quasi invisibile di cittadini.

Il gruppo con i cartelli appesi al petto si schiera poi al completo bloccando il traffico su Via Garibaldi. E' una manifestazione pacifica, nonostante Commissariato e Vigili Urbani siano pronti ad intervenire. Poi il traffico riparte ma ogni auto che viene fatta passare riceve un volantino. I pendolari hanno bisogno di sostegno e non possono che chiederlo ai propri concittadini.

Poi il gruppo lentamente se ne torna a casa, con la speranza di aver trasmesso alla città la propria delusione per un governo cittadino che sembra non rispettare l'esigenza della categoria.

Domani è sabato, qualcuno parte lo stesso alle cinque, qualcuno farà la spesa a Orvieto. E lunedi altro giro altra corsa.

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 marzo

Semaforo mobile blocca il traffico sul Ponte dell'adunata

Comprensorio e Intercomunale del Pd pronti per le Regionali, ampio consenso su Galanello

Coppia di Ficulle vittima della truffa della casa di legno, i carabinieri denunciano due messinesi

La Conferenza permanente delle Donne Democratiche di Orvieto elegge portavoce Alice Leonardi

Il clero della diocesi di Orvieto-Todi in ritiro spirituale a Spagliagrano

Zambelli Orvieto: sarà una Coppa Italia di grande attrattiva

Un logo per Civita di Bagnoregio. Via al concorso di idee per realizzarlo

Polemica rientrata, la sala piccoli interventi dell'ospedale è operativa

Le iniziative a cura del Centro di Documentazione Popolare di Orvieto

Il Lions Club vicino al Gruppo Fai di Orvieto per le Giornate di Primavera

Rupe di Sugano. Entro fine estate, via agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico

Nuova data per la tappa di Orvieto del tour "In strada con sicurezza"

Sacripanti (FdI-An): "Affidare quanto prima il Centro Congressi a soggetti esterni competenti"

Royale Confrerie Prestige des Sacres. Serata di beneficenza per sostenere la lotta contro il cancro

Sul palco di "Amateatro" è la volta di "Come d'Autunno"

La Farsiccia di Archeofood pronta a conquistare il San Giovanni di Orvieto

A Camorena le celebrazioni in ricordo del sacrificio dei Sette Martiri orvietani

"SNS Meeting" al Palazzo dei Congressi. Attività svolta e programmi di gestione e di sviluppo

Verso la candidatura del merletto italiano come patrimonio immateriale dell'Unesco

Cerimonia delle Candele e due nuovi ingressi per la Fidapa di Orvieto

Centrale a biomasse. Ancora un contributo per capire meglio

Perché aderire all’associazione Libera. Anche in Umbria occorre impegnarsi contro le mafie

Buoni frutti dall'impegno politico di Emily Umbria: molte le socie elette. Nell'immediato un'iniziativa politica il 7 aprile e la piena attuazione sul lavoro dei diritti per le pari opportunità

Settimana della Cultura: '...che il buon Dio ci faccia ritornare a casa sani e salvi e vincitori'. Lettere e cartoline di soldati della I guerra mondiale. All'Archivio di stato di Orvieto fino al 30 aprile

Settimana della Cultura: 25-31 marzo 2008. Domenica 30 Marzo visite guidate presso i tre Antiquarium Comunali di Baschi, Lugnano in Teverina e Tenaglie

Un voto a sinistra per una scelta di parte. Mercoledì 26 marzo incontro-dibattito con il candidato al Senato Giuseppe Ricci: ore 21 a Palazzo dei Sette

La valorizzazione della Tuscia passa per il Casello autostradale Nord. Soddisfazione di Assocommercio per il comune impegno dei Comitati dell'aeroporto di Viterbo e del Casello Nord

La Nuova Biblioteca Luigi Fumi si arricchisce della donazione Giuseppe Gadda Conti

Il Dottor Terrezza confermato direttore sanitario alla Divina Provvidenza di Ficulle. 600 firme a suo sostegno

Protestano i lavoratori dell'autogrill di Fabro chiuso per inagibilità. Summit in Prefettura per trovare una celere soluzione

Confagricoltura Orvieto chiede coinvolgimento e trasparenza sulla centrale a biomassa

Giovedì 27 marzo a Orvieto incontro alle 21 con Giampiero Bocci e Carlo Emanuele Trappolino. Altri incontri a Viceno, Castelgiorgio, Porano