cronaca

Ripartono dal centro Caritas di Orvieto i primi migranti tunisini

mercoledì 20 aprile 2011

Con la stessa dignità e discrezione con la quale erano arrivati, se ne sono andati da Orvieto i primi migranti Tunisini.

"Sono stati giorni di intensa attività e conoscenza con questi giovani venuti da un paese così vicino e così lontano allo stesso tempo, - afferma in un comunicato stampa Giuliano Santelli, responsabile della Protezione Civile orvietana. Ci siamo fatti raccontare la loro storia, le loro speranze ed aspettative, età media sotto i 25 anni, quasi tutti diplomati, con l'unico obiettivo di trovare fortuna e lavoro in una Europa che è sembrato a volte così "indisponente" da farli sentire anora più soli e sfortunati.

Ci hanno parlato della loro povertà, ma anche della loro dignità e orgoglio e del progetto di potersene tornare a casa loro appena la situazione tunisina avrà stabilità e democrazia. Quasi tutti hanno parenti e amici, in particolare in Francia. Li abbiamo saluti alla stazione di Orvieto, abbiamo letto nei loro occhi cose simili a quelle che i nostri padri e nonni provarono andandosene al nord o all'estero in cerca di fortuna. Anis, Faraj, Samin, Anis, Wissem, Mhoamed, Sabri, Houssm, Moez, Hathcm, Belilal, Faisal, hanno trovato nella comunità orvietana un po' di pace e serenità, non ci resta che augurare loro 'buona fortuna' ma senza retorica viene voglia di dire che tutti in questi giorni abbiamo avuto 'qualcosa in più'. salam aleikum"

Dopo la consegna da parte del commissariato di Orvieto dei permessi di soggiorno temporanei e dei  passaporti ai 23 migranti ospiti della Caritas Diocesana di Orvieto, nel pomeriggio alcuni di loro sono partiti, 7 per Ventimiglia/destinazione Francia, 2 per Modena, 1 per Tortona. Nella giornata di venerdì un altro partirà per Catania.

Restano ospiti della struttura orvietana 11 migranti; per uno dei loro si è in attesa da parte della Polizia di un accertamento ulteriore sulle impronte digitali.

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"