cronaca

350 chilogrammi di hashish sequestrati dalla Stradale. Colpo grosso del valore di circa 6 milioni di euro

giovedì 24 marzo 2011
di monica
350 chilogrammi di hashish sequestrati dalla Stradale. Colpo grosso del valore di circa 6 milioni di euro

Ennesimo colpo grosso della Stradale di Orvieto. 350 chilogrammi di hashish, merce per un valore tra i 4 e 6 milioni di euro, sono stati sequestrati ieri dagli uomini della Polstrada orvietana, dopo un rocambolesco inseguimento sulla A1. Ad illustrare i dettagli dell'operazione il sostituto commissario Stefano Spagnoli, nel corso di una conferenza stampa tenuta presso il comando.

Una pattuglia in servizio sul tratto di competenza, insospettita dalla condotta di guida di una Volkswagen Touareg, - a bordo del suv con targa francese c'erano due uomini, - si è dapprima avvicinata per un sommario controllo per poi decidere di intimare l'alt al veicolo. L'autista non solo non si è fermato ma ha iniziato una folle corsa a più di 200 Km/h lungo l'autostrada, zigzagando tra le auto in transito, creando così una situazione di potenziale pericolo, ben circoscritta dagli agenti che non hanno perso tempo e si sono lanciati all'inseguimento del suv.

Nei pressi di Magliano Sabina, il veicolo è uscito bruscamente dall'autostrada rischiando anche di capovolgersi per l'elevata velocità, e finendo per travolgere l'asta della corsia di casello. L'inseguimento è quindi proseguito sulla Flaminia in direzione Otricoli. Ad un certo punto, forse forti della potenza dell'auto su cui stavano cercando di far perdere le loro tracce, - un suv 4x4 dal motore potente di cilindrata 3000 V6, - i due uomini hanno abbandonato la strada principale per dirigersi verso la campagna, attraversando un campo confinante con la viabilità.

Qui però non hanno fatto i conti con il terreno reso viscido dalle recenti piogge e, nonostante la potenza del motore del suv, sono rimasti impantanati. Immediata la decisione di abbandonare l'auto e darsi alla fuga per i campi. La pattuglia inseguitrice, che nel frattempo aveva diramato l'allarme e aveva provato a raggiungere i due passando per una strada diversa, è rimasta spiazzata dalla improvvisa decisione dei due di darsela a gambe ma ha prontamente iniziato un inseguimento a piedi lungo i campi, in una zona caratterizzata dalla presenza di numerose caverne naturali. La caccia all'uomo, coadiuvata anche dall'ausilio di un elicottero della Polizia di stanza a Pratica di Mare, da unità di soccorso della Protezione Civile e da Forze dell'Ordine locali, è andata avanti per buona parte della notte, senza però dare frutti. Il possibile guado di un ruscello da parte dei due fuggitivi ha fatto perdere la traccia ai cani cerca-persone della Protezione Civile, per cui, intorno alle due di notte si è deciso di sospendere le ricerche.

L'attività investigativa però sta andando avanti e non sono pochi gli elementi su cui gli uomini di Spagnoli stanno ora imbastendo un quadro inquirente alla ricerca dei due. Di certo si sa che l'auto su cui viaggiavano, dotata di targhe falsificate, era stata rubata nel luglio scorso in Francia, a Mougins, e che, con tutta probabilità, era stata già utilizzata più volte forse per questo tipo di trasporti. Sul trasporto dell'ingente quantitativo di hashish, si è portati a ipotizzare l'esistenza di un vasto traffico di stupefacenti su scala internazionale, vista la provenienza dell'auto, e sopratutto vista la confezione della merce rinvenuta in 10 balle da circa 32 chilogrammi l'una, contenenti panetti da 100 grammi cadauno, oltre a 2 pacchi da 10 chili l'uno, 9 da un chilo e 5 da mezzo chilo. Le indagini sono ora orientate all'individuazione dei due "corrieri" e sono condotte in collaborazione con i colleghi della polizia francese per cercare di capire quali e quanti potrebbero essere i soggetti coinvolti.

Commenta su Facebook