cronaca

Grinta di nuovo nei guai. A batter cassa è il fisco per 600 mila euro non versati

lunedì 12 luglio 2010
di M.R.
Grinta di nuovo nei guai. A batter cassa è il fisco per 600 mila euro non versati

Dopo i guai economici che hanno portato prima al mancato pagamento degli stipendi delle 85 operaie, poi alla cassa integrazione straordinaria e alla sentenza di fallimento emessa dal Tribunale di Orvieto, la società tessile della Grinta sembrerebbe finita ora nel mirino delle Fiamme Gialle. Un caso analogo a quello della Acas services, che consiste nel mancato versamento, anche da parte di questa azienda, di una notevole parte delle ritenute contributive alle dipendenti, oltre che di altri oneri fiscali.

"Da una verifica cominciata per accertare la regolare posizione dei dipendenti nei confronti di una nota azienda tessile orvietana, - si legge in una nota stampa emessa dalla Tenenza di Orvieto guidata dal tenente Renato Nava, - ovvero tendente a verificare se la stessa facesse uso di mano d'opera "in nero", gli uomini della Guardia di Finanza di Orvieto hanno appurato che tutti i dipendenti trovati al momento dell'intervento erano stati assunti con regolare contratto. Purtroppo però si è potuto verificare che le ritenute fiscali operate nei confronti degli stessi venivano dall'azienda versate solo in minima parte nelle casse dello Stato."

A questo punto è partita una indagine a tutto campo sui libri contabili della società orvietana e il controllo che è poi stato esteso all'ultimo trienno, "ha consentito di accertare, - continua il comunicato, - che l'azienda orvietana ha trattenuto, in qualità di sostituto d'imposta, dal reddito dei propri dipendenti circa 500mila euro ma ne ha versati al fisco solo 83mila circa, appropriandosi impropriamente quindi, di €. 417.000 che sono risultati non versati nel triennio esaminato."

Durante i controlli è emerso, inoltre, che la società controllata, nel triennio 2007/2008/2009, non avrebbe versato anche complessivi 176.000 euro circa tra IVA, IRES e IRAP. In base a tali fatti i due legali rappresentanti della società, in carica del triennio esaminato, sono stati denunciati alla locale Procura della Repubblica per il mancato versamento all'Erario di circa 600.000 euro.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 dicembre

Auguri in versi di Buone Feste dall'Unitre Orvieto

La sabbia, amore mio

I cigni

Noi ci svegliammo piangendo

Tra democrazia e demagogia

Zambelli Orvieto sensazionale, batte Ravenna ed è prima

L'Orvietana vince col Clitunno e mantiene il passo

Lucio Dragoni è il nuovo allenatore giallorosso. "Uomo di calcio e Maestro di calcio"

Con le corde, dentro il Pozzo della Cava, per il nuovo presepe-evento: "I Quaranta Giorni"

Sisma, firmata la convenzione Regione-Comuni. Si avvia l'Ufficio speciale per la ricostruzione

Ammissione ai collegi del mondo unito, riaperto il bando selezioneper gli studenti dei Comuni colpiti dal sisma

Castello di Alviano aperto per le feste. Visite al maniero e ai musei che ospita

Uisp Orvieto Medio Tevere, elogio ai giovani ambasciatori dello sport orvietano

L'Avis dona fondi per acquistare uno scuolabus per i bambini di Preci

A Perugia incontro pubblico su fare libri e lettori

Cespuglio di more

Verso le elezioni, due candidati per la presidenza. Tre liste per il consiglio provinciale

Ascensori di Via Ripa Medici in manutenzione, navetta sostitutiva fino a venerdì

I Borghi più belli dell'Umbria discutono di temi e progetti di sviluppo turistico

Lo Sportello del Consumatore, riflessioni su presente e futuro del servizio

La TeMa si aggiudica il bando Psr per sviluppo e commercializzazione del turismo

"Capodanno in Famiglia" al Santuario dell'Amore Misericordioso

L'Università della Tuscia è il primo Ateneo statale del Lazio e il settimo del Centro Italia per la qualità della ricerca