cronaca

Rumeno nei guai, viene a prendere la sorella a Orvieto, identificato dal Commissariato

martedì 25 maggio 2010
di M.R.

Dovrà presentarsi presso la Questura di Roma per la notifica di un atto amministrativo emesso dall'Ufficio Immigrazione della medesima Questura, un giovane rumeno che nel pomeriggio di domenica è stato chiamato dal Commissariato di Orvieto per prendere in consegna la sorella. La giovane rumena, minorenne, si trovava su un treno insieme ad una donna.

Tra le due è scoppiata un'accesa lite a bordo del treno tanto che il capotreno è stato costretto a far intervenire il 113 facendole scendere alla stazione ferroviaria di Orvieto. Gli agenti del Commissariato hanno quindi identificato le due donne, una cittadina italiana e la minore di cittadinanza rumena e, dopo aver verificato che si trattava di un litigio di poco conto, hanno spiegato ad entrambe la possibilità di sporgere querela per i fatti occorsi in treno. La ragazza minorenne, però, essendo sprovvista di biglietto non poteva proseguire il viaggio in treno, pertanto, è stata accompagnata presso gli uffici del Commissariato per poi essere, successivamente affidata ad un familiare.

La sala operativa infatti si è messa subito al lavoro per rintracciare un familiare della giovane riuscendo a rintracciare il fratello che partiva immediatamente da Roma per venire a prendere la sorella a Orvieto.
Quando il fratello si è presentato in Commissariato, come da prassi, è stato identificato e controllato e dal controllo è emerso che gli si doveva notificare un provvedimento amministrativo. Pertanto, gli agenti del Commissariato di Orvieto si sono visti costretti a consegnarli un biglietto di invito a presentarsi presso la Questura di Roma nella giornata di oggi per la notifica del suddetto atto amministrativo.

 

Commenta su Facebook