cronaca

Ultimo saluto a Gian Domenico Pistonami

mercoledì 23 settembre 2009
di M.R.

Si sono svolti questa mattina, mercoledi 23 settembre, a Lubriano dove risiedeva, i funerali del paracadutista Gian Domenico Pistonami, 26 anni, caduto nell'attentato a Kabul dove hanno perso la vita altri cinque militari della Folgore. La comunità di Lubriano si è stretta attorno alla famiglia Pistonami fermando ogni attività nella giornata di lutto cittadino.

Dopo i funerali di stato celebrati lunedì mattina a Roma, nella basilica di San Paolo fuori mura, alla presenza delle massime cariche dello Stato, la salma di Gian Domenico aveva fatto ritorno nella casa di Lubriano dove viveva con il padre Franco e la mamma AnnaRita e dove è stata allestita la camera ardente. Da qui nella mattina di oggi ha mosso il corteo funebre alla volta della chiesa di San Giovanni Battista, un percorso di circa 2 chilometri percorsi dalla famiglia dietro alla bara, avvolta nel tricolore, portata a spalla da amici e commilitoni. Lubriano si è fermata, colpita al cuore da un lutto troppo difficile da capire; ad ogni finestra esposto un tricolore listato a lutto e tanti ragazzi del paese hanno seguito il corteo funebre indossando una t-shirt bianca con la scritta ''Ciao Giando''.

Alla cerimonia funebre, officiata dal vescovo di Viterbo Lorenzo Chiarinelli, e preceduta dagli onori militari del picchetto d'onore, erano presenti più di mille persone, accorse a dare l'ultimo saluto al soldato caduto a Kabul. Presenti numerose autorità civili e militari. Per la città di Orvieto erano presenti il Sindaco, Antonio Concina e l'Onorevole Carlo Emanuele Trappolino; intervenuti anche il presidente della Regione Lazio, Pietro Marrazzo, della Provincia di Viterbo, Alessandro Mazzoli, il prefetto di Viterbo, Alessandro Giacchetti, molti comuni del circondario con i loro gonfaloni.

Dopo la cerimonia la salma è stata portata in spalla dagli amici di Gian Domenico fino al cimitero del piccolo paese, a seguirlo i genitori e la fidanzata Zueca, che ha stretto per tutto il tempo in braccio un peluche vestito da parà che Gian Domenico le aveva regalato. Il giovane caporalmaggiore della Folgore è stato seppellito accanto al nonno deceduto nel mese di maggio. Il comune di Lubriano ha messo a disposizione della famiglia una tomba in attesa che sia completata la cappella di famiglia. A Gian Domenico sarà intitolata una via del nuovo quartiere, come annunciato dal Sindaco Gasparri.


copyright Tusciaweb

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

"ValorePaese". Immobili in concessione, con la promessa di rinascita

Pronta la prima area di sgambatura per cani, già previste altre due

Cena degli Auguri di Natale ed assemblea generale per l'Unitre

Vetrya Orvieto Basket d'autorità in casa della capolista

"Questa nostra Italia". In tanti a Orvieto per l'ultimo libro di Corrado Augias

Pulcinella

Orvieto FC, la prima squadra ritorna in vetta. Momento magico per la società

Orvieto Comune Europeo dello Sport 2017, la tribuna dello Stadio ha il tetto bucato

Quella faccenda lunga della "Settimana Corta"

Comitato Pendolari Roma-Firenze: "Delusi dall'assessore Chianella"

L'Orvietana mette paura alla capolista

In Via Vecchietti torna il Mercatino di Natale della Solidarietà

Pagamento mensa e trasporti, il bollettino arriva a casa

Torna "Valner.In.A.Box", il regalo che non dimentica l'Umbria post sisma

"Campioni in Cattedra" con il Coni, Alessio Foconi alla Scuola Primaria "Barzini"

Gli studenti dell'Istituto Comprensivo a "Mezzogiorno in famiglia"

Televisori sintonizzati su Raitre, Orvieto in onda su "Geo&Geo"

Assemblea regionale di "Potere al Popolo Umbria"

XXV Convegno Internazionale di Studi su Storia e Archeologia dell'Etruria

Prestiti "ad occhi chiusi" in biblioteca per un invito alla lettura a sorpresa

Guasto meccanico all'ascensore del sottopasso ferroviario

In 350 sulla Rupe per la tre giorni di "Orvieto Tango Winter"

Consulta per il sociale e Consulta giovani al Villaggio di Natale con la mostra di pittura

Medaglia d'Oro alla Protezione Civile, sede umbra collegata per la cerimonia

Raffiche di vento e pioggia, si moltiplicano gli interventi dei Vigili del Fuoco

Giornata di studio all'Unitus, Lazio terreno fertile per il futuro