cronaca

Operazioni di controllo del territorio da parte del Commissariato, due fermi per accertamenti

venerdì 24 aprile 2009

Durante il consueto controllo quotidiano del territorio, gli uomini del Commissariato di Orvieto, nella giornata di giovedi 23 aprile, hanno fermato due stranieri per eseguire ulteriori accertamenti circa la loro legittima presenza sul territorio italiano.
Nel primo caso si è trattato di un giovane fermato lungo Corso Cavour, nel tratto compreso tra la Torre del Moro e Piazza della Repubblica. L'uomo sembra stesse infastidendo i passanti suonando una fisarmonica e chiedendo con insistenza l'elemosina. Ad un primo controllo effettuato dagli agenti intervenuti sul posto, il ragazzo è risultato privo di documenti di identità pertanto è stato accompagnato presso gli uffici del Commissariato per provvedere ad una corretta identificazione.
Dalla compiuta identificazione del soggetto, un giovane rumeno che a volte è stato visto suonare e chiedere l'elemosina ad Orvieto, è emersa la conferma dei dati anagrafici forniti dal rumeno al momento del controllo in strada.

Nel pomeriggio, sempre nell'ambito del servizio di controllo del territorio, veniva controllato un altro extracomunitario, un ragazzo di 22 anni di origini nigeriane, che girovagava nelle vie di Orvieto Scalo provando a vendere delle calze di cotone. Anche costui, al fine di identificazione, è stato condotto presso il Commissariato, e successivamente rilasciato al termine delle operazioni di identificazione eseguite attraverso il confronto delle impronte digitali. L'uomo, benché privo di permesso di soggiorno, è risultato essere in attesa di convocazione da parte della commissione che tratta le richieste di asilo politico internazionali. Il ragazzo, una volta entrato in Italia, ha avanzato infatti una richiesta di asilo politico per motivi di persecuzione interna al suo stato di origine ed è in attesa del provvedimento finale di accoglimento o diniego della sua istanza che definirà, anche, la sua posizione sul territorio nazionale.

 

Commenta su Facebook