cronaca

Brillante operazione del Commissariato di PS. Arrestato un pregiudicato 35enne, recuperata la refurtiva

martedì 23 maggio 2006
Brillante operazione, nella nottata, degli agenti del Commissariato di Polizia di Orvieto diretti dal dottor Marinelli, che si è conclusa con l’arresto in flagrante di un pregiudicato 35enne residente a Perugia e con il sequestro di una molteplice e variopinta refurtiva. L’uomo era stato notato a tarda sera sulla S.P. 79 nelle vicinanze di Prodo, mentre faceva strani movimenti a bordo della sua Peugeot 206. L’auto infatti si spostava, si fermava, ripartiva, e il suo conducente sembrava in evidente stato di alterazione psico-fisica. Alcune persone che avevano provato ad avvicinarlo, sia per vedere più chiaro nei suoi movimenti che, eventualmente, per soccorrerlo, erano state allontanate in malo modo, con ingiurie verbali e minacce di aggressione. Verso le 22,30 l’auto veniva intercettata, mentre da Prodo procedeva in direzione di Orvieto, da una volante della P. S. che si trovava a passare in zona. Anche gli agenti del Commissariato non avevano una buona accoglienza, tanto che uno dei due poliziotti veniva preso violentemente a calci, con le conseguenze di alcune lesioni che gli venivano successivamente riscontrate. La pattuglia della volante, mentre chiedeva rinforzi riusciva comunque a immobilizzare l'uomo, che veniva in un primo momento ricoverato all'Ospedale Santa Maria della Stella di Orvieto perché palesemente in preda all'alcool e a sostanze stupefacenti. Subito sequestrata e portata in Commissariato la refurtiva: cinque PC portatili, un videoregistratore, una fornita serie di telefonini portatili, un palmare, buoni benzina, ricariche telefoniche, varie serie di assegni in bianco, cavi, cavetti, francobolli e chi più ne ha più ne metta... persino portaspiccioli e cisanfrusaglie di nessun valore, chiaro bottino di qualche furto in una qualche tabaccheria che, insieme ad altri negozi, doveva essere capitata nelle mire del malvivente. Nell'auto, infatti, sono stati trovati anche piccoli arnesi da scasso. Dimesso al mattino verso le cinque dall'Ospedale, l'uomo veniva condotto al Commissariato di Polizia, dove gli agenti lo invitavano a consegnare eventuale denaro. La reazione è stata ancora una volta violenta e del tutto illogica. Il malvivente ha infatti cominciato a ingoiare e a strappare le banconote che, requisite, ammontano a circa tremila euro. Il 35enne pregiudicato, arrestato e condotto al locale carcere di Via Roma, è stato denunciato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione, porto di mezzi per furto e scasso. Non è risultata rubata l'auto. Secondo la vigente legislazione, l'uomo verrà processato per direttissima entro 48 ore. Intanto il Commissariato di Polizia sta compiendo accertamenti per appurare perché l'uomo faceva quel percorso – poteva, a sua volta, viaggiare verso qualche ricettatore – e dove si era approvvigionato dei suoi molti oggetti.

Commenta su Facebook