cronaca

Parte la campagna di comunicazione di Orvieto Città Cardioprotetta, progetto dell'associazione Amici del Cuore

giovedì 21 luglio 2005
Il progetto Città Cardioprotetta, nato per opera dell'Associazione degli Amici del Cuore di Orvieto per proporre un modello di trattamento dell'arresto cardiaco nel territorio che vedrà in Orvieto la sua sperimentazione, è ormai pronto a prendere il via. Da domani, venerdì 22 luglio, i primi manifesti affissi nei vari punti della città presenteranno agli orvietani l'intento di trasformare Orvieto in una città cardioprotetta dall'arresto cardiaco dagli stessi cittadini e, in particolare, segneranno con la campagna di comunicazione l'inizio ufficiale del progetto stesso, che diventerà operante a tutti gli effetti dal mese di settembre, con varie iniziative e con i corsi per insegnare ai cittadini che aderiranno le tecniche di rianimazione cardiopolmonare.
L'arresto cardiaco, questo evento drammatico che, non trattato tempestivamente, si trasforma in pochissimi minuti in morte improvvisa, incide in Italia con circa 50 mila casi ogni anno. Colpisce spesso ai primissimi momenti di un infarto del miocardio, ma può colpire senza preavviso persone sane come atleti importanti e clinicamente controllati. Si tratta di un fenomeno quantitativamente rilevante che può manifestarsi dovunque, e pertanto anche fuori delle strutture sanitarie, con un 50% degli arresti cardiaci e quindi delle morti improvvise a domicilio: il 33% sul posto di lavoro, il 12 % per strada, il 5% durante le attività ricreative.
Nell'arresto cardiaco la persona cade improvvisamente a terra, pallida, incosciente e senza polso e respirazione. E' necessario agire, ed agire con la massima tempestività, visto che dopo 4-6 minuti di arresto cardiocircolatorio iniziano i danni cerebrali che divengono danni irreversibili dopo solo 10 minuti.
E' nel territorio dunque, e più precisamente nel luogo dell'arresto cardiaco, che bisogna trovare le modalità di intervento per trattare l'arresto cardiaco nei tempi utili. Solo la presenza di testimoni esperti nella rianimazione cardiopolmonare al momento dell’arresto cardiaco può dare la speranza che l'arresto cardiaco sia trattato. E solo dalla densità dei testimoni esperti nella rianimazione cardiopolmonare attraverso corsi qualificati e qualificanti, nasce la maggiore o minore possibilità di poter guadagnare quel tempo da spendere nell'attesa della terapia dell'arresto cardiaco, sia che si verifichi a domicilio, sia nel posto di lavoro che per strada. esperti nella rianimazione cardiopolmonare Il tentativo di soluzione all'arresto cardiaco per gli Amici del Cuore di Orvieto consiste nella formazione e nell'addestramento di un numero molto elevato di laici rianimatori di primo soccorso, cioè di comuni cittadini capaci di svolgere tutte le manovre della catena della sopravvivenza: dall'allarme, al massaggio cardiaco, alla respirazione artificiale fino, magari, alla defibrillazione precoce, in attesa di poter consegnare al pronto soccorso un paziente vivo e senza i danni cerebrali propri dell'arresto cardiaco prolungato e non trattato.
E' con grande emozione che L'associazione Amici del Cuore di Orvieto dichiara di aver elaborato e promosso con grande entusiasmo ed emozione il progetto che può trasformare Orvieto nella prima città cardioprotetta al mondo, e in una comunità altrettanto unica i suoi cittadini.
Riportiamo in notizia correlata il saluto del dottor Giampiero Giordano, presidente degli Amici del Cuore di Orvieto, comparso anche sul sito www.cittacardioprotetta.org

La lettera di avvio alla città cardioprotetta del Presidente degli Amici del Cuore dottor Giordano

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

"Frantoi Aperti" compie vent'anni. Eventi a macchia d'olio nei borghi dell'Umbria

"Autunno. Archeologia, Arte, Architettura", quattro incontri alla Rocca dei Papi

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello e cede il passo a Caserta

Liste d'attesa...di morire

Orvieto FC, secondo anno di iscrizione a tutti i campionati della Figc

Gloria in Excelsis Deo

A Sferracavallo Dom Quix realizza un'opera murale dedicata ad Aldo Netti

"Festa dell'Aria". Parrano BioDiversa riflette su qualità dell'aria e cambiamenti climatici

Erasmus+, tra gli studenti che partecipano anche quelli dell'Agrario di Fabro

"Il Governo eroghi risorse necessarie alla gestione dei servizi da parte della Provincia"

Pampepato, via al percorso per il riconoscimento della certificazione Igp

"World Francigena Ultramarathon", domenica l'arrivo dei partecipanti

Volatili

Nuova sede di Cittaslow International, incontro con il presidente Stefano Pisani

La Fondazione "Peres center for peace" premia la presidente della Regione Catiuscia Marini

Zambelli Orvieto scontenta ma pronta a lavorare per migliorare

Sì della giunta al Piano per il passaggio a tariffa puntuale sui rifiuti

Amerina, convenzione tra Comune e Provincia per concessione di aree di pertinenza stradale

Sì al progetto per opere di urbanizzazione in vocabolo Fosso Fanello

Giornate della Castagna, nel secondo weekend arriva il Palio degli Asini

Rinnovato il Consiglio Provinciale dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Perugia

"Ospedale da campo. Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto"

Il punto di Guido Barlozzetti: "Una brutta notizia"

Riscaldamento in Via Scalza, Olimpieri (IeT): "In assenza di interventi Ater, provveda il Comune"

"La Libreria dei Sette di Orvieto compie 95 anni...e adesso rischia la chiusura. Parliamone!"

Autunno ricco di proposte alla Biblioteca Comunale

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia