cronaca

Parte la campagna di comunicazione di Orvieto CittÓ Cardioprotetta, progetto dell'associazione Amici del Cuore

gioved├Č 21 luglio 2005
Il progetto CittÓ Cardioprotetta, nato per opera dell'Associazione degli Amici del Cuore di Orvieto per proporre un modello di trattamento dell'arresto cardiaco nel territorio che vedrÓ in Orvieto la sua sperimentazione, Ŕ ormai pronto a prendere il via. Da domani, venerdý 22 luglio, i primi manifesti affissi nei vari punti della cittÓ presenteranno agli orvietani l'intento di trasformare Orvieto in una cittÓ cardioprotetta dall'arresto cardiaco dagli stessi cittadini e, in particolare, segneranno con la campagna di comunicazione l'inizio ufficiale del progetto stesso, che diventerÓ operante a tutti gli effetti dal mese di settembre, con varie iniziative e con i corsi per insegnare ai cittadini che aderiranno le tecniche di rianimazione cardiopolmonare.
L'arresto cardiaco, questo evento drammatico che, non trattato tempestivamente, si trasforma in pochissimi minuti in morte improvvisa, incide in Italia con circa 50 mila casi ogni anno. Colpisce spesso ai primissimi momenti di un infarto del miocardio, ma pu˛ colpire senza preavviso persone sane come atleti importanti e clinicamente controllati. Si tratta di un fenomeno quantitativamente rilevante che pu˛ manifestarsi dovunque, e pertanto anche fuori delle strutture sanitarie, con un 50% degli arresti cardiaci e quindi delle morti improvvise a domicilio: il 33% sul posto di lavoro, il 12 % per strada, il 5% durante le attivitÓ ricreative.
Nell'arresto cardiaco la persona cade improvvisamente a terra, pallida, incosciente e senza polso e respirazione. E' necessario agire, ed agire con la massima tempestivitÓ, visto che dopo 4-6 minuti di arresto cardiocircolatorio iniziano i danni cerebrali che divengono danni irreversibili dopo solo 10 minuti.
E' nel territorio dunque, e pi¨ precisamente nel luogo dell'arresto cardiaco, che bisogna trovare le modalitÓ di intervento per trattare l'arresto cardiaco nei tempi utili. Solo la presenza di testimoni esperti nella rianimazione cardiopolmonare al momento dellĺarresto cardiaco pu˛ dare la speranza che l'arresto cardiaco sia trattato. E solo dalla densitÓ dei testimoni esperti nella rianimazione cardiopolmonare attraverso corsi qualificati e qualificanti, nasce la maggiore o minore possibilitÓ di poter guadagnare quel tempo da spendere nell'attesa della terapia dell'arresto cardiaco, sia che si verifichi a domicilio, sia nel posto di lavoro che per strada. esperti nella rianimazione cardiopolmonare Il tentativo di soluzione all'arresto cardiaco per gli Amici del Cuore di Orvieto consiste nella formazione e nell'addestramento di un numero molto elevato di laici rianimatori di primo soccorso, cioŔ di comuni cittadini capaci di svolgere tutte le manovre della catena della sopravvivenza: dall'allarme, al massaggio cardiaco, alla respirazione artificiale fino, magari, alla defibrillazione precoce, in attesa di poter consegnare al pronto soccorso un paziente vivo e senza i danni cerebrali propri dell'arresto cardiaco prolungato e non trattato.
E' con grande emozione che L'associazione Amici del Cuore di Orvieto dichiara di aver elaborato e promosso con grande entusiasmo ed emozione il progetto che pu˛ trasformare Orvieto nella prima cittÓ cardioprotetta al mondo, e in una comunitÓ altrettanto unica i suoi cittadini.
Riportiamo in notizia correlata il saluto del dottor Giampiero Giordano, presidente degli Amici del Cuore di Orvieto, comparso anche sul sito www.cittacardioprotetta.org

La lettera di avvio alla cittÓ cardioprotetta del Presidente degli Amici del Cuore dottor Giordano

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio