cronaca

Tavolo congiunto con il DNPC: stato di emergenza e un progetto esecutivo definitivo per l'Amerina

mercoledì 27 aprile 2005
E’ durato l’intera giornata di mercoledì 27 aprile il sopralluogo e il tavolo congiunto tra Dipartimento di Protezione Civile, Regione, Provincia, Ufficio Territoriale del Governo di Terni, RFI, Vigili del Fuoco di Terni, Anas, Comuni di Orvieto e Baschi. Tutti insieme per esaminare, con la consulenza del professor Nicola Casagli, cartografia e elementi tecnici a disposizione, il movimento gravitativo che ha interessato l’ex statale 205 al Km 47,600. In giorni più critici il 18 e il 21 aprile, in cui movimenti franosi di diversa tipologia hanno provocato il rovesciamento di ingenti materiali sulla strada e la necessità di interrompere il traffico.
La cronistoria del movimento franoso l’ha fatta con molta precisione l’ingegner Medori della Provincia, anche perché è proprio alla Provincia che sono spettati i lavori, prima che la strada passasse all’Anas con formalità svolte tra venerdì e martedì.
Prima lo scoscendimento di alcune centinaia di metri cubi di terreno, il 6 marzo, con la demolizione di alcune paratie in acciaio e detriti a monte della strada; e subito lavori di somma urgenza per ripristinare e contenere precauzionalmente, con la creazione di un fosso di guardia a monte della superficie scoscesa. Poi, il 18 aprile, nuove colate franose nell’area degli interventi e, dopo i sopralluoghi del Servizio Geologico della Regione dell’Umbria e del Servizio Viabilità della Provincia di Terni il 18 e il 19, l’ordinanza della Provincia di chiusura al traffico. In contemporanea i lavori di somma urgenza per lo svuotamento delle opere di sostegno esistenti e il ripristino delle aree di accumulo realizzate precedentemente dall’Anas; e, proprio mentre si stava lavorando, fortunatamente di notte e senza vittime, il rovinoso crollo di una placca di travertino del costone sovrastante, che ha interessato 10.000 metri cubi di materiale e seppellito alcuni mezzi di lavoro. Quindi la sospensione dei lavori - se non quelli di continuo monitoraggio – per l’evidente insicurezza (un blocco fratturato di travertino a tutt’oggi incombe e rischia di cadere) e la necessità di un’indagine complessiva più approfondita.

Il professor Casagli, l’esperto incaricato dal Dipartimento di Protezione Civile che ha oggi effettuato il sopralluogo, anche in funzione degli elementi messi a disposizione dagli altri tecnici ha distinto l’area interessata dal dissesto in tre parti e individuato, per ognuna, alcune possibili tipologie di intervento.
Procedendo da nord verso sud, una zona A in cui non si ravvisano evidenze significative di instabilità, ma che è comunque da monitorare e tenere sotto controllo e dove, dopo indagini più approfondite, potrebbe esservi necessità di sopraelevare le reti di protezione già installate sul muro di controripa.
Una zona B, quella dove il versante raggiunge le quote maggiori e che è stata interessata dai fenomeni di crollo, dove la sede stradale è protetta da muri di contenimento la cui efficacia è compromessa dall’accumulo di materiale detritico. In questa zona si rende necessario svuotare le aree di espansione a monte dei muri, realizzare muri e adeguate barriere nei tratti scoperti, riprofilare la parte alta del pendio eliminando le masse instabili, ripristinare le linee di drenaggio, forse regimare le acque sui terreni agricoli soprastanti la scarpata per ridurre le infiltrazioni.
Una zona C dove il versante, di pendenza elevata, è molto prossimo al muro di sostegno a monte della strada, e dove i movimenti franosi hanno provocato il riempimento dell’area di espansione a monte del muro di contenimento; in questa zona si ritiene necessario eliminare le masse instabili e ridurre l’acclività del pendio che incombe sulla strada, oltre che rimuovere i detriti accumulati a monte del muro di protezione.
L’esperto non ha invece ravvisato particolare pericolo per la linea ferroviaria, rispetto alla quale dovrebbe essere sufficiente l’intervento di protezione che la RFI sta effettuando e che sarà ultimato entro la settimana.

Gli altri tecnici presenti hanno grosso modo concordato sulla natura degli interventi proposti dal professor Casagli. Grossa spina i costi, sui quali ci si potrà esprimere solo dopo la presentazione delle prime proposte progettuali.
Sembra chiaro tuttavia che, per i gravi problemi di viabilità che l’interruzione della 205 comporta, sia pensabile prima procedere a un intervento di immediato ripristino - magari inserendo, come sia il Comune di Orvieto che la Provincia propongono, anche la frana dell’Amerina nell’ordinanza relativa allo stato di emergenza per le precipitazione del dicembre 2004 – e, contestualmente, alla stesura di un progetto esecutivo definitivo che possa finalmente dare un collegamento stabile e sicuro tra Umbria, Lazio e bassa Toscana.
Tra le varie proposte è stata avanzata anche l'ipotesi di creare, nel tratto di immediata vicinanza al collegamento con Castiglione, un tunnel protettivo drella carreggiata.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Bazar

La Zambelli Orvieto combatte ma si piega al forte Cuneo

Tecnici dell'Orvieto FC alla Parma Academy per un weekend di aggiornamento

Ecco i Comuni umbri da dove fuggono i giovani tra 25 e 40 anni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Vendemmia vita

I violini barocchi vanno in mostra all'Antiquarium di Tenaglie

Nuovo parroco ad Allerona Scalo, alla guida della parrocchia don Eugenio Campini

Chiusa per lavori la Chiesa di San Pancrazio Martire. Riaprirà a dicembre

"Via Signorelli chiusa h24. Perché?". Olimpieri (IeT): "Danni e disagi per i cittadini"

La Narnese rovina la festa all'Orvietana, 4 - 2: biancorossi ko

Tra mistero e racconto, l'universo femminile di Pietro Archis

Via ai lavori sulla strada regionale 205 Amerina. Interventi per quasi 70.000 euro

Noto professionista stroncato da un malore, inutili i soccorsi

Buona la prima per la Vetrya Orvieto Basket

Di nuovo "On Air". Radio Orvieto Web riprende le trasmissioni

Il Castello di Torre Alfina diventa fiaba per "The Hunting. Il Gioco dell'Amore" dei Cherries

Scuola, concluse le conferenze d'ambito. A giorni, il Piano complessivo da trasmettere in Regione

Chianella al convegno di Alta Scuola: "Maggiore attenzione al dissesto idrogeologico"

Fondazione Giovanni Paolo II e Centro Peres per la Pace, si firma l'accordo

"Cannabis, il farmaco e la droga". Uil presenta il corso di formazione

Inaugurato il nuovo campo in erba dello Stadio "Luigi Muzi"

"Omaggio a Stefano Rodotà". Doppio appuntamento in Sala Consiliare e al Palazzo dei Sette

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Asl 2, i sindacati dei pensionati chiedono il rispetto degli impegni presi

La Azzurra Ceprini torna da Bologna a mani vuote

Simon Picone, mediano di mischia della Nazionale, incontra i rugbysti al De Martino

Giornate della Castagna, primo weekend da incorniciare

Al via pulizia e taglio della vegetazione presso il Belvedere del Moai

Mostra fotografica e brindisi a "La Casella" per festeggiare trent'anni di attività

Dall'Otto per Mille, oltre 480.000 euro al Parco di Vulci

Con "CamminainTuscia", la Via Francigena è sulla buona strada

Arriva "Box 18". Il Comune regala la Costituzione ai neo-maggiorenni

"Alternanza Day" alla Camera di Commercio, tra scuola e lavoro

Sul timpano spunta "Il gruccione". L'arte di strada per migliorare il decoro urbano

Inaugurato il giardino inclusivo della Scuola dell'Infanzia di Ammeto

Ricci (RP): "La Regione si attivi per valorizzare Parco e Museo Vulcanologico"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi, "Orvieto nel Medioevo. Ascesa e declino"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 16

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti