cronaca

La Provincia disposta ad accogliere le richieste del mondo venatorio

mercoledì 11 agosto 2004

Si č tenuta questa mattina, alla Presidenza della Provincia di Terni, alla presenza del Presidente della Provincia Andrea Cavicchioli, dell’Assessore alla Caccia Gianni Pelini e del Dirigente competente, Giovanni Vaccari, una riunione per fare il punto della situazione sull’attivitŕ venatoria in vista della prossima apertura.

Per quanto riguarda gli accordi con le altre Province e la mobilitŕ dei cacciatori č in corso di attuazione l’accordo biennale giŕ sottoscritto con la Provincia di Viterbo che prevede l’invio, giŕ avvenuto, di circa 1.400 residenze venatorie per i cacciatori ternani. Per quanto concerne il territorio della Provincia di Viterbo, con decorrenza 2 ottobre prossimo, entrerŕ in vigore il sistema della teleprenotazione per la selvaggina migratoria che garantirŕ ingressi giornalieri per 295 cacciatori ternani per un totale degli stessi di circa 2.500, che mediamente ne usufruiranno, e per un numero di giornate complessive di circa 12.500. La Provincia di Terni garantisce, ovviamente, il rispetto di tutti gli impegni assunti con il medesimo accordo sottoscritto.

In riferimento alla Provincia di Roma sono in corso contatti per la conferma dell’accordo dello scorso anno il quale prevede circa 300 residenze venatorie per i cacciatori ternani e l’utilizzo del sistema di teleprenotazione per la selvaggina migratoria con decorrenza 2 ottobre senza vincoli numerici. Da informazioni assunte presso il Servizio Caccia della medesima Provincia di Roma risulta che le documentazioni per le residenze venatorie sono giŕ state spedite. Anche in questo caso la Provincia di Terni manterrŕ gli stessi impegni definiti in precedenza in merito a residenze venatorie, secondi ambiti e caccia al cinghiale.

Analogamente a quanto giŕ in corso con quella di Roma, con la Provincia di Latina č aperto il confronto per la conferma dell’accordo dello scorso anno che prevede l’utilizzazione del sistema della teleprenotazione per la selvaggina migratoria dal 2 ottobre, con garanzia di accettazione per le richieste di residenza venatoria e secondi ambiti.

Per quanto concerne inoltre la Provincia di Rieti si sono svolte giŕ riunioni operative con l’obiettivo, anche in questo caso, di confermare gli accordi stipulati negli anni precedenti con il rilascio di tutte le autorizzazioni per le residenze venatorie e per gli ulteriori Atc che sono stati richiesti sia dai cacciatori ternani sia da quelli reatini secondo le modalitŕ stabilite dagli organi di gestione degli Atc reatini e ternani. “E’ intendimento comune – č stato detto nel corso della riunione - confermare il sistema della teleprenotazione per la selvaggina migratoria dal 2 ottobre prossimo con la previsione di 170 ingressi giornalieri. In questo contesto vi č altresě la volontŕ di confermare la stessa situazione per quanto riguarda gli accessi per le squadre di caccia al cinghiale e tutti gli impegni che la Provincia di Terni aveva giŕ assunto”.
I contatti fra le due Province continueranno per definire tutte le questioni con reciproca soddisfazione, tenendo conto dei buoni rapporti instauratisi e codificati nel tempo. Il lavoro proseguirŕ la prossima settimana per definire lo schema di accordo da sottoporre agli organi deliberanti per poter dare certezze ai cacciatori in vista dell’inizio dell’attivitŕ venatoria.
Nel frattempo sono in corso verifiche e confronti con i rappresentanti del mondo agricolo della provincia di Terni sul problema dei danni provocati dai cinghiali alle produzioni agricole particolarmente sensibili in questo periodo.

All’esito di queste verifiche l’Amministrazione provinciale, con il coinvolgimento delle associazioni venatorie e delle squadre di cinghialisti, si riserva di adottare i provvedimenti necessari per affrontare concretamente il fenomeno al fine di evitare gravi danni con ripercussioni economiche facilmente comprensibili.
Per quanto riguarda le aperture si prende atto dei provvedimenti delle Regioni limitrofe che purtroppo non adottano un criterio omogeneo, creando inevitabili difficoltŕ. “A tal proposito – rendono noto il Presidente Cavicchioli e l’Assessore Pelini - la Provincia di Terni ha sempre insistito sulla necessitŕ di arrivare a calendari omogenei per tutte le Regioni dell’Italia centrale e continuerŕ a svolgere un’azione politica in tal senso”.


Questa notizia è correlata a:

Liti d'estate a causa dei cinghiali

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio