cronaca

Sabatini davanti al giudice

mercoledì 19 maggio 2004

La sorte processuale di Silvano Sabatini si deciderà lunedì prossimo nel corso dell'udienza di fronte al giudice per l'udienza preliminare del tribunale di Orvieto.  L'operaio di trentadue anni, accusato di aver ucciso la moglie con più di trenta coltellate il quindici dicembre di due anni fa, è stato ritenuto parzialmente infermo di mente da parte del noto psichiatra Francesco Bruno che ha effettuato su di lui una seconda perizia (per conto del pubblico ministero) dopo la prima a cui era stato sottoposto poche settimane dopo il terribile fatto di sangue.

Sabatini aveva trascorso un periodo di detenzione nel carcere di Regina Coeli dopo essere stato dimesso dall'ospedale in seguito agli interventi chirurgici a cui era stato sottoposto per aver tentato il suicidio. Subito dopo l'omicidio, Sabatini si era infatti gettato dalla finestra tentando il suicidio.

Commenta su Facebook